Spiegazione: la sentenza SC secondo cui le decisioni del Consiglio GST non sono vincolanti per il Centro o gli stati

0
55

Il ministro delle Finanze dell'Unione Nirmala Sitharaman arriva al ministero delle Finanze per una riunione del Consiglio GST. (Express Photo: Prem Nath Pandey, File)

La Corte Suprema ha stabilito giovedì (19 maggio) che le raccomandazioni del Goods and Services Tax (GST) Council hanno solo valore persuasivo e non possono essere vincolanti per il Centro e stati.

Mentre il Centro ha affermato che la decisione non apporta alcun cambiamento al quadro già esistente, alcuni stati governati dall'opposizione hanno affermato che darebbe loro maggiore spazio per prendere decisioni nella struttura federale.

Qual è stato il caso davanti alla Corte Suprema?

Un tribunale guidato dal giudice D Y Chandrachud e composto anche dai giudici Surya Kant e Vikram Nath, ha confermato un'ordinanza dell'Alta Corte del Gujarat che aveva annullato il prelievo della GST integrata (IGST) sulla componente del trasporto marittimo pagato da un venditore estero a una compagnia di navigazione straniera, su base reverse charge.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Il meglio di Express Premium

Premium

FY22: mentre il Covid si attenua, le rimesse in uscita sono aumentate del 55% al ​​massimo storico

Premium

Una lettera di Mathura: ‘Radha ki chunari bhi Salma silti hai'

Premium

Una lettera da Varanasi: 'È il nostro waqt… Ayodhya accadrà a Kash…

Premium

Tavleen Singh scrive: Il male sotto il soleAltre storie premium >>

La SC ha respinto la richiesta di congedo straordinario dell'Agenzia delle Entrate contestando l'ordinanza del Gujarat HC che era andata a favore dei contribuenti. (Union of India e Anr contro M/s Mohit Minerals Through Director)

Mohit Minerals aveva presentato una petizione scritta davanti all'Alta Corte del Gujarat contestando le notifiche che impongono l'IGST sulla base del fatto che il dazio doganale è riscosso sulla componente del trasporto marittimo e il prelievo dell'IGST sull'elemento del trasporto nel corso del trasporto equivarrebbe a doppia imposizione.

L'Unione dell'India ha sostenuto davanti all'Alta Corte che, sebbene l'imposta venga pagata due volte sul valore del nolo marittimo, non è incostituzionale in quanto l'imposta riguarda due diversi aspetti della transazione, vale a dire, la fornitura di servizio e importazione di merci.

Nella sua ordinanza emessa il 23 gennaio 2020, l'Alta Corte del Gujarat aveva annullato la notifica centrale che imponeva l'IGST agli importatori per il trasporto marittimo.

La GST è a carico del fornitore, ma se la compagnia di navigazione si trova in un territorio non imponibile, la GST è a carico dell'importatore, destinatario del servizio. Il trasporto marittimo è un metodo di trasporto mediante il quale merci e merci vengono trasportate dalle navi attraverso le linee di navigazione.

Leggi anche |28% GST su casinò, giochi: GoM finalizza la tecnica di valutazione

Quali osservazioni ha fatto il SC sulla struttura federale del paese?

Il federalismo in India è “un dialogo in cui gli stati e il Centro si impegnano costantemente in conversazioni”, ha affermato la corte, e sebbene la Costituzione conferisca “all'Unione una quota maggiore di potere in determinate situazioni per prevenire il caos e fornire sicurezza”, afferma “possono ancora resistere ai mandati dell'Unione utilizzando diverse forme di contestazione politica”.

“Non è imperativo che uno delle unità federali (Centro o Stati) deve sempre possedere una quota maggiore di potere sulle altre unità,” disse la panchina.

La corte ha sottolineato che l'articolo 246A della Costituzione stabilisce che sia il Parlamento che le legislature statali hanno “simultanee” potere di legiferare sulla GST — e le raccomandazioni del Consiglio “sono il prodotto di un dialogo collaborativo che coinvolge l'Unione e gli Stati”. (Articolo 246A (“Disposizione speciale in materia di imposta sui beni e servizi”) recita: “(1) Nonostante quanto contenuto negli articoli 246 e 254, Parlamento, e, fatto salvo il comma (2), il legislatore di ogni Stato, hanno il potere di legiferare in relazione alle imposte sui beni e sui servizi imposte dall'Unione o da tale Stato.”)

Inoltre, ha affermato la corte, Il Consiglio GST ha una “struttura di voto ineguale in cui gli stati collettivamente hanno una quota di voto di due terzi e l'Unione ha una quota di voto di un terzo”.

Best of Explained

Fai clic qui per ulteriori informazioni

< strong>Come hanno reagito il Centro e gli Stati?

Reagendo all'ordine del tribunale, il segretario alle entrate dell'Unione Tarun Bajaj ha dichiarato giovedì che la legge sulla GST prevede una raccomandazione e non un mandato. “Si tratta di un organo costituzionale, un organo esecutivo creato dalla Costituzione che si compone del Centro e degli Stati che raccomanderà e sulla base delle sue raccomandazioni abbiamo creato le nostre leggi sulla GST,” ha affermato.

Aggiungendo che la sezione 9 della legge CGST afferma chiaramente che la decisione sull'aliquota fiscale dovrebbe essere basata sulla raccomandazione del Consiglio, Bajaj ha affermato che i problemi potrebbero aggravarsi se uno stato decidesse di non accettare la raccomandazione del Consiglio.

“Un organo amministrativo creato dalla Costituzione non può avere un diritto preponderante sul legislatore… è (GST) un ottimo esperimento… ci stiamo unendo in una sovranità condivisa che è buona,” ha affermato.

Un funzionario del ministero delle Finanze ha affermato: “Questa sentenza non prevede in alcun modo nulla di nuovo per quanto riguarda il meccanismo istituzionale della GST, non ha alcuna incidenza sul modo in cui la GST ha funziona in India, né stabilisce nulla di fondamentalmente diverso dal quadro esistente della GST.”

Anche in Explained |Dove è diretta la rupia e cosa significa la sua caduta per i consumatori, i mercati

Gli stati governati dall'opposizione, tuttavia, hanno affermato che la sentenza offre spazio per una maggiore flessibilità per gli stati nella struttura del GST.

Il ministro delle finanze del Tamil Nadu Palanivel Thiaga Rajan ha affermato di aver evidenziato la questione del Consiglio come una gomma autorità di bollo nelle sue prime osservazioni alla riunione del consiglio GST di maggio 2021.

“Presi insieme, siamo arrivati ​​a una stranezza costituzionale e storica: un sistema GST e un Consiglio che funzionano con un mandato onnipotente e onnicomprensivo non previsto nella Costituzione indiana, ma profondamente limitato da una progettazione strutturale e da una piattaforma tecnologica che sono tutt'altro che adeguati al compito importante. Ciò che rende questa stranezza davvero allarmante è che l'attuale Consiglio sta diventando in qualche modo un mero sigillo cerimoniale, un'autorità ufficiale, con il vero potere di creare politiche abrogate ad agenzie (costituzionalmente) ad hoc come il TRU del CBIC, un debole segretariato GST e la rete quasi governativa GST,” aveva detto in quel momento.

L'ex ministro delle finanze del Kerala, Thomas Isaac, ha dichiarato: “La sentenza della Corte suprema sulla GST pone le basi per una revisione fondamentale dell'attuazione della GST e del funzionamento del Consiglio GST dal punto di vista del federalismo cooperativo. Osservazioni della corte aprire le questioni della flessibilità federale nella determinazione delle tariffe e delle procedure SGST.”

Abhishek A Rastogi, partner di Khaitan and Co, che ha sostenuto i firmatari dinanzi all'Alta Corte del Gujarat, alla Corte Suprema e vari altri tribunali hanno affermato: “Questo apre la questione se stati diversi potrebbero avere strutture tariffarie diverse per una fornitura simile e una posizione così deviata influenzerebbe fondamentalmente il concetto di una nazione, una tassa. Si prevede ottimisticamente che gli stati non avranno aliquote GST diverse per un'offerta simile poiché l'intero scopo dell'attuazione della GST viene vanificato in una situazione del genere.”

Newsletter | Fai clic per ricevere le migliori spiegazioni della giornata nella tua casella di posta