L'India 2.0 ha bisogno di prudenza fiscale, riforme del potere e dell'istruzione, nuovo approccio sanitario: Chief Economic Advisor

0
61

Dr V Anantha Nageswaran (ANI/File

Per la prossima fase dell'economia indiana, l'economia 2.0, il paese ha bisogno di prudenza fiscale, riforma del settore energetico, meno contenziosi governativi, riforma dell'istruzione per fare per le perdite dell'anno pandemico e un approccio diverso alla salute pubblica, ha affermato il consigliere economico capo V Anantha Nageswaran.

“La tecnologia può essere la ciliegina sulla torta”, ha affermato Nageswaran rivolgendosi alla sessione inaugurale dell'India Ideas Conclave, organizzata a Bengaluru dalla India Foundation, sostenuta dall'RSS. Il tema del conclave è “India 2.0: Rebooting to Meta Era”.

“C'è di più da raggiungere per fornire il tipo di tasso di crescita che ci porti a un'economia a reddito medio da un'economia a basso reddito . Dobbiamo avere un sistema finanziario dinamico che fornisca fondi per la crescita”, ha affermato.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La crisi ucraina ha dimostrato che la tecnologia così com'è può dare risposte parziali alle sfide che il Paese deve affrontare, ma le turbolenze create nel settore finanziario e le fluttuazioni nel mercato delle criptovalute hanno dimostrato che “gli esseri umani sono guidati dalla paura e dall'avidità” e che “a volte la tecnologia può accentuarli”, secondo Nageswaran.

Il meglio di Express Premium

Premium

FY22: Man mano che i cordoli di Covid si attenuano, le rimesse in uscita sono aumentate del 55% al ​​massimo storico

Premium

'A Mathura, Radha ki chunari bhi Salma silti hai '

Premium

Una lettera da Varanasi: ‘È il nostro waqt… Ayodhya accadrà a Kash…

Premium

Il male sotto il soleAltre storie premium >>

“I complessi produttivi devono essere aumentati. Il settore privato deve garantire che le MSME (micro, piccole e medie imprese) siano pagate in tempo e l'atteggiamento nei confronti della salute pubblica dovrebbe essere cambiato”, ha affermato, aggiungendo che la recente National Family Health Survey ha rilevato che il livello di obesità nel paese era in aumento. “L'India non dovrebbe essere malsana quando ottiene una crescita economica… La corretta etichettatura degli alimenti è molto importante”, ha affermato.

Affermando che il governo ha dovuto dedicare tempo a ripulire il bilancio pagando le quote poiché il paese doveva costruire il sistema, ha affermato che la prudenza fiscale era l'unica via d'uscita. Il paese ha dovuto affrontare una fase difficile nell'ultimo decennio, poiché le banche erano state indebitate in eccesso e il settore delle imprese era sovraindebitato, ha aggiunto.

Ha affermato che la mossa del governo di riprendere la privatizzazione e la monetizzazione degli asset è, tuttavia, migliorata il bilancio.

Ha lodato gli sforzi del governo per promuovere le riforme anche durante la pandemia introducendo nuovi schemi, riduzione dell'imposta sulle società e regole allentanti per le startup.

Parlando ai tre giorno del conclave, il ministro dell'Unione Ashwani Vaishnaw ha affermato che l'India dovrebbe affinare il proprio vantaggio nel settore delle telecomunicazioni e nella produzione di semiconduttori; padroneggiare l'ecosistema di progettazione e produzione di dispositivi; e lavorare per l'inclusione digitale per l'India 2.0. Una volta che gli standard globali avranno “i nostri input, l'accettazione della nostra tecnologia aumenterà”, ha affermato.

“La tecnologia può essere pervasiva ed essere utile. Dovremo creare una struttura normativa in cui la responsabilità dei produttori si accompagna alla libertà degli utenti”, ha aggiunto il ministro dell'elettronica e dell'informatica.