L'enorme perdita di ritiro del giudice L Nageswara Rao per Bench: CJI N V Ramana

0
55

Chief Justice of India N.V. Ramana . (PTI Photo/Vijay Verma)

Il capo della giustizia indiana N V Ramana Friday ha affermato che il ritiro del giudice L Nageswara Rao è un'enorme perdita per la panchina e le sue acute capacità analitiche e la sua passione per la causa della giustizia ci mancheranno completamente da tutti.

La giustizia Rao è la settima nella storia dell'apice court che è stata elevata direttamente dall'albo degli avvocati e si ritirerà dalla carica di giudice dell'apex court il 7 giugno.

Parlando a la funzione di addio del giudice Rao organizzata dall'Ordine degli avvocati della Corte suprema, il giudice Ramana ha affermato di aver svolto un ruolo fondamentale nell'esposizione della legge e nell'interpretazione della costituzione.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La CJI ha affermato che il viaggio del giudice Rao da una famiglia di agricoltori dell'Andhra Pradesh alla corte suprema del paese senza alcun padrino nella professione ispirerà molti giovani avvocati e giudici.

Il meglio di Express Premium

Premium

FY22: Man mano che Covid si attenua, le rimesse in uscita aumentano del 55% a tutti -tempo altoPremium

Una lettera da Mathura: ‘Radha ki chunari bhi Salma silti hai'

Premium

Una lettera da Varanasi: 'È il nostro waqt… Ayodhya accadrà a Kash…

Premium

Tavleen Singh scrive: Il male sotto il soleAltre storie premium >>

“Quando ha iniziato la sua pratica a Delhi, non aveva un sistema di supporto che lo sostenesse. Grazie alle sue eccezionali capacità, ha ottenuto riconoscimenti a livello nazionale. È stato nominato procuratore generale aggiuntivo dell'India per due mandati. Durante quegli anni, ha lasciato il segno come uno degli ASG più laboriosi e devoti del paese. In qualità di procuratore generale aggiuntivo, ha discusso in diversi casi importanti.

“Egli è comparso nella causa principale di Hyder Consulting, in cui la Corte Suprema ha interpretato l'articolo 31(7) della legge sull'arbitrato. Ha anche sostenuto nel famoso caso Subramanian Swamy v. Union of India relativo alla costituzionalità della diffamazione criminale. È apparso in numerosi altri casi di alto profilo ed è stato uno degli avvocati più ricercati del paese,” ha affermato la CJI.

La CJI ha affermato come giudice, il giudice Rao ha svolto un ruolo fondamentale nell'esporre la legge e nell'interpretare la costituzione in diverse opinioni degne di nota ed è stato autore di diverse decisioni storiche.

“È uno dei fondatori dell'International Arbitration and Mediation Centre, Hyderabad. Sotto la sua eccellente guida, sono certo, il Centro emergerà come uno dei principali centri di arbitrato e mediazione in questa parte del mondo. La sua competenza non si limita al campo legale, ma si estende anche al campo da cricket. Ha giocato per la sua università e ha anche giocato nel torneo Ranji Trophy nel 1982.

“La sua passione per lo sport è uno dei motivi per cui è così vivace e acuto. È stato capitano sia della squadra di cricket dell'avvocato che della squadra del giudice. Di recente, sotto il suo capitano, la squadra del giudice capo dell'India ha vinto per la prima volta contro gli avvocati. Il fratello Nageswara Rao è un bravo giocatore di golf. È anche un appassionato motociclista sin dalla sua giovinezza. È molto appassionato di recitazione, arte e musica. Sono sicuro che troverà il tempo per nuove avventure, dopo questa pausa dal suo frenetico programma di giudice,” ha detto il CJI.

Parlando della natura del giudice Rao, Ramana ha detto di essere estremamente pacato, sia come avvocato che come giudice.

“Di certo è il gioiello del Bar ed è rimasto uno degli anziani preferiti. Generazioni di giovani avvocati dovrebbero cercare di essere all'altezza del suo esempio. Crede fermamente nel restituire alla società e dà l'esempio. Ha lasciato una pratica ruggente per adornare la panchina per rendere giustizia. Non tutti possono pensare di fare un tale sacrificio.

“Suo padre, il defunto Lavu Venkateswarlu Garu, era un agro-imprenditore con una coscienza sociale e un impegno per la società. Sono i suoi ideali che hanno ispirato mio fratello Justice Nageswara Rao ad adottare il suo villaggio e a portare in un'era di crescita e progresso,” ha detto.

Il procuratore generale K K Venugopal ha elogiato il giudice Rao per aver accettato l'offerta di giudice e ha detto che era uno dei pochi pronti a lasciar andare tutta la ricchezza che avrebbe fatto.< /p>

“Ha pronunciato 163 sentenze e fatto parte di 552 banchi. Sembra che non ci sia nulla in cui il giudice Rao non possa riuscire. Assumere la carica di giudice non sarebbe stata una decisione facile considerando la sua pratica di successo. Questa è una prova della forza del proprio carattere,” ha affermato.

Il presidente dell'Ordine degli avvocati della Corte suprema e avvocato senior Vikas Singh ha affermato che il giudice Rao ha una personalità diversa ed è un eminente giurista e un vero custode della costituzione.

“ 65 non è l'età per andare in pensione di un giudice e questo dovrebbe aumentare poiché il tipo di anni produttivi che un giudice ha a 65 anni è completamente sprecato chiedendogli di andare in pensione a quell'età,” Singh ha detto.
L'avvocato senior Pradeep Rai, anche vicepresidente dell'SCBA, ha affermato che non molte persone sanno che il giudice Rao ha recitato in molti film come ispettore di polizia.

“Ha recitato in un film intitolato “ 8220;Kanoon Apna Apna” con Kader Khan e Sanjay Dutt,” ha detto.

Vari giudici della Corte Suprema e membri dell'Ordine erano presenti alla funzione di congedo.

Il giudice Rao andrà in pensione il 7 giugno e venerdì è il suo ultimo giorno lavorativo come apice da oggi il tribunale chiude per le vacanze estive.

Il giudice Rao, originario di Chirala nel distretto di Prakasam nell'Andhra Pradesh, ha studiato legge all'Università di Nagarjuna a Guntur ed è stato iscritto come avvocato nel 1982 presso il Consiglio degli avvocati di Andhra Pradesh.

Dopo aver esercitato per due anni presso il tribunale distrettuale di Guntur, è passato all'Alta corte dell'Andhra Pradesh e vi è rimasto fino al dicembre 1994.

Dal gennaio 1995 al maggio 2016, ha ha esercitato la professione di avvocato presso la Corte suprema ed è diventato avvocato anziano e poi procuratore generale aggiuntivo.

È stato nominato giudice della Corte suprema il 13 maggio 2016.