L'India chiama l'Occidente, afferma che i cereali non dovrebbero seguire la strada dei vaccini Covid

0
61

Ministro di Stato per gli Affari Esteri V Muraleedharan alle Nazioni Unite (Twitter/MOS_MEA)

Chiamando l'Occidente, mercoledì l'India ha affermato che i cereali non dovrebbero seguire il modo di i vaccini contro il Covid-19 in quanto ha espresso preoccupazione per l'accaparramento e la discriminazione in mezzo all'”aumento ingiustificato” dei prezzi dei generi alimentari.

Ha sottolineato che la sua decisione di limitare le esportazioni di grano farà in modo che possa davvero rispondere ai più bisognosi.

“Un certo numero di società a basso reddito si trovano oggi ad affrontare la doppia sfida dell'aumento dei costi e della difficoltà di accesso ai cereali. Anche quelli come l'India, che hanno scorte adeguate, hanno visto un aumento ingiustificato dei prezzi dei generi alimentari. È chiaro che l'accaparramento e la speculazione sono all'opera. Non possiamo permettere che ciò passi incontrastato”, ha affermato mercoledì il ministro di Stato per gli affari esteri V Muraleedharan alle Nazioni Unite.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Muraleedharan stava parlando alla riunione ministeriale “Global Food Security Call to Action” presieduto dal Segretario di Stato americano Antony Blinken sotto la Presidenza statunitense del Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite per il mese di maggio.

Best of Express Premium

Premium

Chiave UPSC CSE – 20 maggio 2022: cosa devi leggere oggi

Premium

Al processo, il governo MVA come BJP, il Centro si affronta nei tribunali

Premium

Spiegazione: il caso Krishna Janmabhoomi a Mathura e la sfida a …

Premium

Recensione del film Bhool Bhulaiyaa 2: Tabu domina tutti in questo Kartik …Altre storie premium >>

L'incontro è avvenuto pochi giorni dopo la decisione di venerdì scorso dell'India di vietare le esportazioni di grano nel tentativo di controllare i prezzi elevati a causa della scarsità di grano dovuta all'ondata di caldo torrido.

La decisione mira a controllare i prezzi al dettaglio di frumento e farina di frumento, che sono aumentati di una media del 14-20% nell'ultimo anno e soddisfano il fabbisogno di cereali dei paesi vicini e vulnerabili.

La direzione generale del commercio estero (DGFT), nella notifica della scorsa settimana, ha affermato che le esportazioni di grano saranno consentite sulla base dell'autorizzazione concessa dal governo centrale.

Al massimo- riunione di livello, l'India ha parlato della questione del divieto di esportazione di grano per la prima volta all'ONU dall'annuncio del 13 maggio.

Dietro il divieto di esportazione | Lezioni per oggi dalla crisi del grano in India del 2006

Muraleedharan ha affermato che il governo indiano ha riconosciuto l'improvviso aumento dei prezzi globali del grano che ha messo a rischio “la nostra sicurezza alimentare e quella dei nostri vicini e di altri paesi vulnerabili”.

< p>“Ci impegniamo a garantire che tale impatto negativo sulla sicurezza alimentare sia effettivamente mitigato e che i soggetti vulnerabili siano protetti da improvvisi cambiamenti nel mercato globale,” ha affermato.

“Al fine di gestire la nostra sicurezza alimentare complessiva e sostenere le esigenze dei paesi in via di sviluppo vicini e vulnerabili, abbiamo annunciato alcune misure relative alle esportazioni di grano il 13 maggio 2022″, ha affermato. aggiunto.

“Lasciatemi chiarire che queste misure consentono l'esportazione sulla base di approvazioni a quei paesi che sono tenuti a soddisfare le loro richieste di sicurezza alimentare. Ciò avverrà su richiesta dei governi interessati. Tale politica garantirà che risponderemo veramente a coloro che sono più bisognosi”, ha affermato.

Il ministro ha sottolineato che l'India svolgerà il proprio ruolo nel promuovere la sicurezza alimentare globale “e lo farà in un modo in cui sostiene l'equità, mostra compassione e promuove la giustizia sociale.”

L'India ha chiamato l'Occidente e ha avvertito che la questione dei cereali alimentari non dovrebbe seguire la strada dei vaccini Covid-19, che sono stati acquistati dalle nazioni ricche in quantità superiori a quelle di cui avevano bisogno, lasciando le nazioni povere e meno sviluppate a lottare per somministrare anche le dosi iniziali alla loro gente.

“È necessario che tutti noi apprezziamo adeguatamente l'importanza dell'equità, della convenienza e dell'accessibilità quando si tratta di cereali,” disse.

“Abbiamo già visto a nostre spese come questi principi sono stati disattesi nel caso dei vaccini Covid-19. I mercati aperti non devono diventare un argomento per perpetuare l'iniquità e promuovere la discriminazione”, ha affermato Muraleedharan, facendo una dichiarazione forte.

In vista degli eventi principali di Washington sulla sicurezza alimentare, l'ambasciatore statunitense alle Nazioni Unite Linda Thomas-Greenfield ha dichiarato: “Abbiamo visto il rapporto sulla decisione dell'India. Stiamo incoraggiando i paesi a non limitare le esportazioni perché riteniamo che qualsiasi restrizione alle esportazioni aggraverà la carenza di cibo. Ma voi avete ancora una volta, l'India sarà uno dei paesi che parteciperanno alla nostra riunione al Consiglio di sicurezza e speriamo che possano, poiché sentono le preoccupazioni sollevate da altri paesi, che riconsiderino questa posizione. ”

Muraleedharan ha messo in evidenza il “tracciato storico” dell'India nell'aiutare i suoi partner in difficoltà, affermando che anche nel mezzo della pandemia di Covid-19 e dei conflitti in corso, l'India non è mai stata trovata carente.< /p>

“Abbiamo fornito aiuti alimentari sotto forma di migliaia di tonnellate di grano, riso, legumi e lenticchie a diversi paesi, tra cui il nostro vicinato e l'Africa, per rafforzare la loro sicurezza alimentare”, ha affermato, aggiungendo che in vista del deterioramento situazione umanitaria in Afghanistan, l'India sta donando 50.000 tonnellate di grano alla sua popolazione.

L'India ha continuato il suo sostegno umanitario al Myanmar, inclusa una sovvenzione di 10.000 tonnellate di riso e grano, ha affermato. “Stiamo anche assistendo lo Sri Lanka, anche con l'assistenza alimentare, durante questi tempi difficili”.

“In linea con la nostra etica di 'Vasudhaiva Kutumbakam', (il mondo è una famiglia) e il nostro 'Vicinato Primo’ politica, continueremo ad assistere i nostri vicini, nel momento del bisogno, e staremo al loro fianco, sempre”, ha affermato.

L'India ha sottolineato che l'impatto globale della pandemia di Covid-19 e dei conflitti in corso, compresi in Ucraina, ha avuto un impatto negativo sulla vita della gente comune, in particolare nei paesi in via di sviluppo, con l'aumento vertiginoso dei prezzi dell'energia e delle materie prime e interruzioni nelle catene di approvvigionamento logistiche globali.