La psicologia di Console Wars (e perché non se ne andranno)

0
51
Syda Productions/Shutterstock.com< /figure>

Le guerre delle console esistono da quando le persone potevano scegliere tra più di un sistema, ma perché esistono in primo luogo? Si scopre che le console war sono solo un'espressione della più ampia natura umana.

Che cos'è esattamente una console war?

Nel caso in cui tu sia beatamente inconsapevole delle battaglie combattute in nome della fedeltà al marchio delle console, le guerre tra console sono essenzialmente l'animosità tra le persone che privilegiano una console nei confronti di persone che ne preferiscono un'altra.

È’ Non è sufficiente cantare le lodi percepite della tua console preferita, per essere un vero guerriero console devi abbattere e distruggere il “nemico” console. Ciò include attaccare i fan di quella console, diffondere FUD (Fear Uncertainty and Doubt) e usare tattiche palesemente disoneste per far sembrare le altre console il più cattive possibile.

Vedere la guerra tra console sui social media, sui forum e, a volte, anche nella vita reale è uno spettacolo brutto da vedere, ma sulla base di ciò che abbiamo appreso sugli esseri umani e sulla società non è così sorprendente.

Ci sono diverse teorie nel campo della psicologia che aiutano a spiegare perché accadono le console war, ma come sempre è pericoloso semplificare troppo qualsiasi cosa legata alle persone. Pensa a queste idee della psicologia come a un modo per far luce su alcune parti del motivo per cui si verificano le guerre tra console, ma probabilmente non è il quadro completo.

Le guerre tra console sembrano irrazionali dall'esterno

Barone Firenze/Shutterstock.com

Se non fai parte di questo fenomeno, può sembrare incredibilmente strano come estraneo. Ciò è particolarmente vero con la generazione PlayStation 5 e Xbox Series X. Queste console sono così simili per tecnologia e prestazioni, che è improbabile che qualcuno dica la differenza tra lo stesso gioco in esecuzione su entrambi i sistemi. Aggiungi a questo che l'età delle “esclusiva console” il gioco sta svanendo grazie alle versioni per PC su entrambi i lati della recinzione, e sembra davvero che due parti stiano litigando per differenze che nessun altro può vedere.

Pubblicità

Ai tempi di SNES e Sega Genesis, ogni console aveva un carattere distinto per i suoi giochi e personaggi letteralmente distinti sotto forma di mascotte come Mario e Sonic the Hedgehog. I fan di quelle console continuano a litigare per loro fino ad oggi, ma le piattaforme di social media come Twitter lo hanno amplificato da battute a qualcosa di molto più spiacevole. I sintomi sono visibili a tutti, ma quali sono le possibili cause?

Razionalizzazione post-acquisto

La razionalizzazione post-acquisto è un ottimo candidato per innescare guerre di console. Questo è un tipo di pregiudizio che le persone mostrano in cui razionalizzano qualcosa che hanno già acquistato concentrandosi sugli aspetti positivi e ignorando o minimizzando gli aspetti negativi.

La logica è un po' così: “Io’sono una persona intelligente che fa scelte intelligenti. Ho scelto di acquistare questa cosa, quindi, quindi, deve essere la scelta migliore.” Un altro modo per guardare a questo tipo di razionalizzazione è che, poiché la validità della tua scelta è messa in discussione da cose nuove che impari o cose che le persone dicono sul prodotto, più difendi quell'acquisto. È più facile ignorare la possibilità di aver fatto una (forse) cattiva scelta piuttosto che ammettere di aver commesso un errore o di aver fatto un compromesso per un motivo o per l'altro.

RELATEDPlayStation 5 vs. Xbox Series X: quale acquistare?

Questo pregiudizio si nutre di un altro tipo di comportamento dell'acquirente, in cui decidiamo di acquistare qualcosa non per ragioni razionali, ma per come ci fa sentire. Gli esperti di marketing si sono resi conto da tempo che i prodotti che si collegano emotivamente ai clienti sono più facili da vendere. Questo è il motivo per cui gli annunci per le auto non si limitano a elencare una serie di specifiche. Al contrario, ti mostra il tipo di stile di vita o le persone associate al prodotto.

I diversi marchi di console hanno determinati personaggi e stereotipi di stile di vita associati, quindi potrebbe essere più incentrato sull'allineamento con un determinato insieme di valori piuttosto che scegliere il miglior hardware e servizi su carta.

In-Groups, Out-Groups: la tua console fa schifo

Gli esseri umani sono animali sociali; proprio come i nostri cugini primati, formiamo naturalmente gruppi sociali e ci preoccupiamo di come siamo visti nella società. La teoria dell'identità sociale offre la nozione di “in-group” e “fuori-gruppi.” Le persone nel gruppo sono più simili a te e quelle nel gruppo esterno sono meno simili. Sei incline a sentirti più positivo nei confronti dei membri del gruppo rispetto agli “altri” del gruppo esterno. L'out-group è associato a stereotipi negativi e l'in-group a quelli positivi.

Pubblicità

Ci sono un numero infinito di cose che le persone usano per classificare dentro e fuori i gruppi. Possono essere cose davvero grandi e importanti come religione, nazionalità, politica, razza ed etnia. Può anche essere in base a categorie più banali come la musica che ascolti o il modo in cui ti vesti. Sembra che non ci sia nulla che le persone vinte non utilizzino per classificare gli altri, quindi i marchi di console si adattano perfettamente al paradigma dell'identità sociale.

Ogni persona appartiene a una moltitudine di gruppi, quindi la console che ti piace costituisce solo una piccola parte della tua identità sociale. Per i console warrior, la parte di quell'identità dedicata alla fedeltà al marchio potrebbe essere sproporzionatamente più grande, e quindi anche il desiderio di proteggersi dagli attacchi percepiti a quell'identità è più drammatico.

Non ci vuole molto: gruppi minimi

Potrebbe essere difficile credere che le persone si classificherebbero in base a cose così banali come un dispositivo di gioco, ma ci sono molte prove a sostegno. Henri Tajfel, lo stesso ricercatore noto per la teoria dell'identità sociale, ha escogitato qualcosa noto come il paradigma del gruppo minimo.

È un metodo sperimentale che ci aiuta a mostrarci qual è l'insieme minimo di condizioni per indurre le persone a discriminarsi a vicenda. Si scopre che anche se sei ordinato in modo casuale in gruppi arbitrari e non hai mai visto altri membri del tuo gruppo, mostrerai comunque un pregiudizio misurabile a favore del tuo gruppo rispetto all'altro gruppo.

Console Wars e la grotta dei ladri

Un famoso esperimento correlato di Muzafer Sherif noto come Robbers Cave Experiment ha dimostrato questa parte della natura umana con brutale efficienza. I ricercatori hanno riunito ventidue ragazzi di 11 anni che sono stati abbinati il ​​più possibile per razza, religione, condizione economica e così via. In altre parole, fanno tutti parte dello stesso gruppo generale.

I ragazzi sono stati poi divisi casualmente in due gruppi, senza che i due gruppi si incontrassero prima. Sono stati autorizzati a legare separatamente attraverso attività di cooperazione. Ciò ha aiutato a dimostrare come si formano le gerarchie all'interno del gruppo in condizioni controllate.

Pubblicità

I due gruppi sono stati quindi presentati l'un l'altro e si sono messi a competere l'uno contro l'altro per i premi che vanno al gruppo vincitore. L'animosità di gruppo ha raggiunto rapidamente un tale picco che i ragazzi di entrambe le parti hanno dovuto essere separati fisicamente.

Vale la pena leggere tutti i dettagli dell'esperimento, ma questo microcosmo di conflitto tra i gruppi sembra davvero un riflesso delle guerre tra console (e altri conflitti simili), nonostante il fatto che se questi due gruppi non fossero stati separati prima di incontrarsi, molto probabilmente sarebbero stati tutti amici!

RELATI: 5 trucchi psicologici nei giochi free-to-play (e come evitarli)

LEGGI SUCCESSIVO

  • › 10 cose che bloccano il segnale Wi-Fi a casa
  • › 4 modi per rovinare la batteria del tuo smartphone
  • › Cosa puoi fare con la porta USB del tuo router?
  • › Ecco come tornerà Mozilla Thunderbird nel 2022
  • › Ecco come Steve Jobs ha ucciso Adobe Flash
  • › Recensione ExpressVPN: una VPN facile da usare e sicura per la maggior parte delle persone