Detriti di templi, motivi indù visti nel complesso di Gyanvapi: rapporti di indagine

0
48

Vishal Singh ha detto ai giornalisti che il rapporto era stato redatto in modo equo. Ha detto che il rapporto riguardava l'area interna della moschea Gyanvapi.

Nelle rivendicazioni che potrebbero approfondire la lite tra Kashi Vishwanath e Gyanvapi, due rapporti su un'indagine videografica del complesso della moschea di Gyanvapi affermano che detriti di vecchi templi sono stati trovati all'angolo delle pareti settentrionale e occidentale al di fuori delle barricate e che motivi indù come campane, kalash, fiori e trishul erano visibili sui pilastri nel tehkhana (seminterrato).

I due rapporti sono stati presentati al tribunale di Varanasi che ha ordinato il sopralluogo. Sempre giovedì la Cassazione, accogliendo la richiesta di rinvio dell'udienza su un ricorso impugnato le ordinanze del tribunale di Varanasi, ha chiesto al tribunale di non intraprendere ulteriori azioni in merito fino a venerdì.

L'avv. tempio”. Ha detto che “l'azione dell'imperatore Mughal Aurangzeb di prendere il possesso forzato di un luogo religioso non può cambiare la natura della proprietà e anche i diritti di proprietà della divinità esistente”.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png Leggi anche |Caso Krishna Janmabhoomi: il tribunale di Mathura consente la richiesta di patteggiamento per la proprietà del terreno della moschea Shahi Idgah

Nel suo rapporto condotto dal 6 al 7 maggio, Ajay Kumar Mishra, che è stato rimosso dalla carica di Commissario Avvocato il 17 maggio, ha affermato che detriti di vecchi templi sono stati trovati all'angolo delle mura settentrionale e occidentale al di fuori delle barricate e strutture di divinità e furono avvistati dee e loto. Uno shilapatt (targa) aveva il design Sheshnag ed è stato filmato, afferma il rapporto.

Il meglio di Express Premium

Premium

Chirag Dilli e i suoi giorni passati di matrimoni colorati

Premium

Qasim Rasool Ilyas: per la prima volta, AIMPLB ha deciso di raggiungere out t…

Premium

Il professore dell'Hindu College del DU è stato arrestato per aver postato su ‘Shivling&#…

Premium

L'Occidente non deve mettere alla prova la determinazione di PutinAltre storie premium >>

Mishra, che ha presentato un rapporto di due pagine al tribunale di Varanasi, ha detto: “Il sondaggio del 6 e 7 maggio è stato fatto da me ed era nell'area esterna del complesso della moschea. Da allora sono stato rimosso dalla carica di avvocato commissario. Ho ritenuto necessario presentare la relazione del mio lavoro al tribunale. Ora spetta alla corte considerarlo come parte del rapporto del sondaggio o meno.”

Leggi anche |Dopo Gyanvapi, l'ago si sposta all'interno di BJP su Kashi, Mathura: ‘Shivling cambia tutto, Contesto Ayodhya non valido’

Il secondo rapporto sull'indagine della commissione è composto da 12 pagine ed è stato presentato in tribunale giovedì mattina dal commissario dell'avvocato speciale Vishal Singh alla presenza del commissario aggiunto dell'avvocato Ajay Pratap Singh. Insieme al rapporto scritto, Singh ha anche presentato registrazioni video come prova in tre scatole sigillate — video del sondaggio del 14, 15 e 16 maggio. In questi tre giorni, il sondaggio è stato condotto congiuntamente da Vishal Singh, Ajay Pratap Singh e Ajay Kumar Mishra.

Vishal Singh ha detto ai giornalisti che il rapporto era stato redatto in modo equo. Ha detto che il rapporto riguardava l'area interna della moschea di Gyanvapi.

Leggi anche |RSS su Gyanvapi: è ora di mettere i fatti storici nella giusta prospettiva

SM Yaseen, segretario congiunto di Anjuman Intezamia Masajid, il comitato che gestisce la moschea Gyanvapi, ha dichiarato: “La segretezza del rapporto e dell'intera commissione non è più mantenuta. La corte dovrebbe prenderne atto. Con la divulgazione del rapporto in pubblico, la sicurezza della moschea Gyanvapi e del tempio Kashi Vishwanth è in pericolo. Anche la Corte Suprema dovrebbe prenderne atto e dovrebbe essere intrapresa un'azione rigorosa contro i responsabili.”

Raees Ahmed, consigliere del comitato di gestione della moschea, ha dichiarato: “Il rapporto pubblicato in modo informale è inappropriato. Il tribunale e l'amministrazione dovrebbero stabilire la responsabilità in questa materia.” Ahmed ha detto che presenterà una domanda in tribunale venerdì per ottenere una copia del rapporto.

Nel suo rapporto, Mishra parla del sondaggio dalle 15:30 alle 17:45 il 6 maggio, e di nuovo il 7 maggio da Dalle 15:00 alle 16:50 quando è stato fermato perché lì si erano radunate oltre 100 persone.

Secondo il rapporto, le forme di quattro idoli sono state viste su uno shilapatt ed era ‘sindoori’ colorato. Tutte le targhe che giacevano a terra sembravano essere parti smantellate di un enorme edificio, afferma il rapporto. Alcuni dei disegni su queste targhe sembravano simili ai disegni sul muro occidentale della moschea, affermava il rapporto.

Leggi anche |'Il piccione chiude gli occhi mentre il gatto avanza': 1991 Lok Sabha, quando Uma Bharti sbatté Gyanvapi e si oppose Adora Bill

Durante il sondaggio, Mishra ha chiesto ai firmatari e ai loro avvocati se il “indoor” le strutture placcate e una targa simile a un ‘chaukhat’ erano gli stessi Shringar Gauri menzionati nelle loro affermazioni. In risposta, i firmatari hanno affermato che si trattava di resti (‘avshesh’) del ‘chaukhat’ del tempio Shringar Gauri e furono adorati.

Alla Corte Suprema, l'avvocato Vishnu Shankar Jain, che si è presentato per i partiti indù, ha chiesto l'aggiornamento di un giorno. Ha detto al tribunale presieduto dal giudice D Y Chandrachud che l'avvocato senior Hari Shankar Jain, che li rappresentava davanti al tribunale di Varanasi, era indisposto ed era stato dimesso dall'ospedale solo mercoledì.

Altro da Political Pulse

Clicca qui per ulteriori informazioni

L'avvocato senior Huzefa Ahmadi, in rappresentanza del comitato di gestione di Anjuman Intezamia Masajid, Varanasi, che ha presentato ricorso, ha affermato di non avere obiezioni all'aggiornamento ma la sua “unica apprensione è che sia stata presentata una domanda per demolire un muro vicino a il wazu khana” ed “è necessario che il tribunale di primo grado, che sta continuando a esaminare il procedimento oggi, possa desistere dal farlo fino a quando questa Corte non avrà aperto il procedimento domani.”

A una domanda dalla panchina, l'avvocato Vishnu Shankar Jain ha affermato che, vista l'apprensione espressa dall'altra parte, non avrebbero fatto pressioni per alcun ordine dal tribunale fino a quando la Corte Suprema non lo sentirà venerdì. Il tribunale ha registrato l'impegno e ha affermato nella sua ordinanza: “Il signor Jain afferma che il procedimento dinanzi al tribunale di primo grado non verrà ulteriormente avviato fino a quando la Corte non affronterà la questione domani. Di conseguenza, invitiamo la Corte di primo grado ad agire rigorosamente in termini di disposizione di cui sopra e di desistere dall'intraprendere ulteriori procedimenti nella causa in vista del consenso raggiunto tra le parti&8221;.

Newsletter | Clicca per avere nella tua casella di posta le migliori spiegazioni della giornata

Il 17 maggio la Corte Suprema, pur rifiutando di sospendere il procedimento dinanzi al tribunale di Varanasi, aveva chiesto al magistrato distrettuale di Varanasi di proteggere l'area in cui sarebbe stato trovato uno Shivling durante l'indagine videografica dell'area della moschea senza impedire o limitare i diritti dei musulmani di accedere e offrire namaz alla moschea.