Sanjiv Bajaj: “Come il Consiglio GST, serve una piattaforma per risolvere le questioni dello stato centrale su terra, energia, lavoro”

0
55

Il presidente della CII Sanjiv Bajaj (foto d'archivio)

Il neoeletto presidente della CII Sanjiv Bajaj afferma che l'India è un paese pronto per la crescita e gli investimenti e che i segni di una rinnovata attività sono visibili in tutto più settori, come le materie prime, l'edilizia, i trasporti, il settore immobiliare. In un'interazione con Pranav Mukul e Anil Sasi, Bajaj, presidente e amministratore delegato di Bajaj Finserv Ltd, la holding del gruppo per tutte le attività di servizi finanziari del gruppo Bajaj, segnala l'inflazione come una preoccupazione e chiede una regolamentazione intelligente da parte della RBI quindi l'innovazione nel settore finanziario non è ostacolata. Estratti modificati:

Ci stiamo lasciando alle spalle una fase che è stata considerata favorevole a causa di molteplici fattori, tra cui la spinta alla liquidità delle banche centrali globali, la bassa inflazione ecc., per entrare ora in un contesto imprenditoriale più difficile. Come vede il settore la transizione?

Bisogna guardarlo per capire qual era la malattia e qual era il rimedio. La malattia era la pandemia e i relativi shock. Il mondo e la nazione entrano in molteplici blocchi: l'interruzione delle catene di approvvigionamento, la perdita di posti di lavoro soprattutto all'estremità informale più bassa. La malattia era un caos completo nell'attività economica. Il rimedio è stato quello di fornire ulteriore liquidità e sostegno alle MSME non perché non siano competitive, ma perché non possono aprire i loro negozi. Il rimedio consisteva nel tagliare i tassi di interesse perché non c'era domanda. Le persone che avevano soldi li risparmiavano anche per il ricovero in ospedale, ecc. Negli ultimi due anni, come paese, siamo andati al passo con la vaccinazione. La situazione ora è che quei primi problemi stanno gradualmente scomparendo. Come paese, siamo pronti per una crescita e un investimento significativi e abbiamo iniziato a vederlo in alcuni settori sul lato privato, materie prime, costruzioni, trasporti, immobili. Ma poi è scoppiata la guerra, e quella era un'altra malattia. Quindi il rimedio è stato eliminato ancora per un po'. Ora stiamo iniziando a vedere una certa normalizzazione. In parte perché la pandemia è sotto controllo, in parte perché è sorta una nuova malattia: l'inflazione. Ci sono due lati dell'inflazione: c'è un lato della domanda e uno dell'offerta. Dal lato dell'offerta, c'è meno che qualsiasi politica monetaria possa fare. Ma dal lato della domanda, può. Quindi, con l'inversione dei tassi di interesse, si spera che riduca l'inflazione. I due principali fattori di costo sono i prezzi del carburante e i prezzi dei generi alimentari. I prezzi del carburante, negli ultimi anni, quando i prezzi erano bassi, il governo ha aumentato le tasse. Il nostro suggerimento ora è che, poiché i prezzi ora sono alti, in modo collaborativo se il Centro e gli Stati possono lavorare per tagliare le tasse, ciò aiuterà le tasche dell'uomo comune. La cura ora è il lento ritiro poiché anche la malattia sta scendendo. Naturalmente, la guerra è ancora sconosciuta, ma si spera che raggiunga una sorta di equilibrio se non completamente risolta.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

< forte>L'espansione della capacità viene influenzata dall'aumento del costo del denaro? E quale dovrebbe essere la strategia del settore per far fronte a tassi di interesse più elevati senza sconvolgere le dinamiche di crescita?

Il meglio di Express Premium

Premium

L'inflazione aumenta, le aziende FMCG aumentano i tassi, riducono il volume e il peso della confezione

Premium

Spiegazione: connessione di Lucknow Laxman e un grande moschea costruita nel…

Premium

‘Il piccione chiude gli occhi mentre il gatto avanza’: 1991 Lok Sabha, quando Um. ..Premium

In che modo le iconiche opere teatrali di Girish Karnad hanno ridefinito il teatro indianoAltre storie premium >>

Lo scenario dei tassi di interesse è ancora molto favorevole in realtà. È ancora molto basso, anche se siamo in una tendenza al rialzo. Per quanto riguarda le imprese, negli ultimi 2-3 anni, quando ci trovavamo in uno scenario di alta liquidità e bassi tassi di interesse — in un ciclo normale senza incertezze esterne — avresti visto entrare il nuovo ciclo di investimenti perché è quando il denaro è facilmente disponibile e le capacità entrano in gioco. Tuttavia, in questo caso, poiché la domanda è un punto interrogativo, hai effettivamente assistito a una riduzione dell'indebitamento in tutti i settori. È così che stai iniziando a vedere un ciclo di investimenti ora. Si verifica un utilizzo della capacità del 70-72%; nei prossimi trimestri vedrai più settori che iniziano a investire purché l'ambiente esterno sia ragionevole. La volatilità è ciò che crea perdita di fiducia. Alcuni degli aumenti dei tassi di interesse pianificati, non li vedo ostacolare l'enorme opportunità di domanda. Negli ultimi trimestri, abbiamo anche iniziato a vedere che un certo numero di aziende che hanno sopportato gran parte dell'aumento dei costi di input stanno ora iniziando a trasferire tali costi. Ecco perché stiamo assistendo anche a un aumento del prezzo del prodotto finale. Alcuni di questi aumenti dei tassi di interesse aiuteranno anche ad alleviare la pressione sui margini.

Abbiamo anche assistito a una dicotomia nel modo in cui il settore organizzato e il settore informale hanno resistito allo shock pandemico. Inoltre, la storia dell'India è stata sostanzialmente una storia di consumo, mentre gran parte delle misure introdotte per affrontare la pandemia erano misure dal lato dell'offerta. Vedete che questi due fattori stanno andando avanti?

Nell'India urbana, molto chiaramente con l'arrivo del nuovo ciclo di investimenti, dovrebbe aiutare a creare posti di lavoro e con salari. La dicotomia era presente negli affari formali e informali. Nelle attività formali, se si guarda ai dipendenti stipendiati, quasi nessuno ha perso il lavoro. Forse non hanno ottenuto grandi aumenti di stipendio negli ultimi due anni, anche questo ha iniziato a verificarsi quando la domanda ha iniziato a tornare negli ultimi due trimestri. Inoltre, negli ultimi 20 anni siamo diventati un'economia di consumo molto significativa. Dobbiamo tenere a mente che siamo anche un'economia con esportazioni record solo l'anno scorso, ed è per questo che l'attenzione dovrebbe continuare a costruirla. In modo che nel corso degli anni, diventiamo un'economia con più poli non limitati a un'unica fonte di domanda. Per il settore informale, un sistema di incentivi legato ai dipendenti aiuterà a creare milioni di posti di lavoro. Il turismo, ad esempio, può creare 40-50 milioni di posti di lavoro nei prossimi 5-7 anni. Stai anche ufficializzando i lavori. Credo che, per l'India urbana, questo dovrebbe essere l'obiettivo. Per quanto riguarda l'India rurale, gli MSP più alti con una buona agricoltura, il reddito agricolo dell'agricoltore andrà bene. La sfida è nel segmento non agricolo e nel loro reddito e continueranno ad aver bisogno del sostegno del governo per qualche tempo. Una certa quantità di persone ha lasciato l'India urbana negli ultimi anni ed è tornata a casa, ma quando l'India urbana riprenderà a riprendersi, le persone inizieranno a migrare indietro.

Mentre ci muoviamo verso un regime di tassi di interesse più elevati , vedi il problema delle NPA che si ripresentano?

A causa delle chiusure e della pandemia, la maggior parte delle persone non poteva lavorare e pagare le EMI, ecco perché è avvenuta la moratoria e nel regime dei bassi tassi di interesse, i prestatori hanno iniziato a provvedere a crediti inesigibili. Come puoi vedere, gli istituti di credito di buona qualità che lo hanno provveduto hanno iniziato a scrivere indietro ora. Man mano che le cose si stanno normalizzando, la causa del ritardo nei pagamenti EMI sta scomparendo. Non c'è motivo di ritenere che le aziende, che hanno adeguatamente provveduto negli ultimi anni a potenziali perdite, non mostreranno numeri migliori. Lo stiamo già vedendo per molti istituti di credito di buona qualità nel quarto trimestre. È un problema di causa ed effetto: man mano che la causa viene risolta, l'effetto scompare naturalmente.

Quanto è grave questa situazione di potere che si sta verificando per il settore? C'è anche la preoccupazione che ci sia un accumulo di energie rinnovabili, per quanto riguarda le NPA, con un certo numero di stati che rinnegano gli accordi di acquisto di energia firmati con sviluppatori verdi?

L'attuale sfida sull'energia ha più a che fare con l'improvvisa ondata di caldo. L'intera catena di approvvigionamento di materie prime come il carbone diventa una catena di approvvigionamento complessa a lungo termine e puoi cambiare le capacità all'improvviso. In secondo luogo, mentre entriamo nei monsoni, lo stoccaggio diventa un problema. Automaticamente, il bilanciamento delle scorte diventa una sfida per le piante. Quindi, chiaramente, tutti sono stati colti di sorpresa dall'intensità dell'ondata di caldo. Lo vedrei come un fenomeno acuto e non necessariamente qualcosa che avrebbe potuto essere previsto. Ma dato che questo è accaduto e che il cambiamento climatico è una realtà, come dovremmo pianificare per tali scorte e stoccaggio aggiuntivi è qualcosa a cui dobbiamo pensare. In secondo luogo, la questione della transizione verso un'energia più pulita: la direzione è molto chiara, ma la transizione deve essere molto solida. Stiamo vedendo in Europa ora, a causa dell'eccessiva dipendenza dalla Russia per l'energia, ora li sta danneggiando alla grande. Molti di loro hanno chiuso le loro centrali elettriche convenzionali. Questa pianificazione deve essere fatta con molta attenzione. Deve essere uno sforzo tra il Centro e gli Stati e speriamo che possano collaborare su questo e mettere in atto un forte piano di transizione nel prossimo decennio o più. Questo è uno dei suggerimenti che vorremmo dare al governo: il Consiglio GST ha dimostrato che, indipendentemente dalle vostre considerazioni politiche, le persone possono lavorare insieme e trovare un terreno comune che abbia senso per il paese.

Non significa che tutti possono ottenere tutto in ogni momento, ma finisce per bilanciarsi. Perché non avere un consiglio simile per tre cose fondamentali di cui l'industria ha bisogno: terra, energia e lavoro. Se riusciamo a risolvere queste tre cose tra il Centro e gli Stati con politiche e linee guida chiare, miglioreremo enormemente la facilità di fare affari.

Chiaramente richiede una certa quantità di dialogo tra il Centro e gli stati e stiamo vedendo sempre più punti di attrito tra i due. Quanto è problematico le aree fondamentali in cui esiste una giurisdizione sovrapposta?

Ogni volta che viene scelto un nuovo Papa, entrano in una stanza e dicono che se non vediamo del fumo bianco che esce dal camino, non puoi uscire. Ha funzionato molto bene per GST e può essere fatto anche qui. Le considerazioni politiche ci sono, ma una volta che si mettono insieme politici esperti, e se c'è un intento chiaro, non c'è motivo… ne traggono tutti vantaggio.

Per il settore dei servizi finanziari, c'è una preoccupazione per quanto riguarda uno squilibrio tra le normative per il settore bancario e quelle per le fintech?

Quando guardi alle fintech, ci sono due categorie: quelle che interagiscono con i consumatori e quelle che interagiscono con le imprese. Quelli che interagiscono con il consumatore, la maggior parte finisce solo per distribuire prodotti finanziari. Vendono quei prodotti alle banche e alle compagnie assicurative che possono detenerli. Ci sono alcuni che stanno sviluppando capacità di detenere i prestiti stessi: hanno bisogno di una licenza NBFC in modo che siano automaticamente soggetti alle normative. Ciò di cui abbiamo bisogno è incoraggiare l'innovazione ma garantire che vi sia un livello di cautela nel monitorare la supervisione che avviene in modo che il cliente finale sia protetto. Quindi la banca centrale richiede una certa quantità di regolamentazione intelligente. Ma deve essere fatto in modo ponderato in modo che l'innovazione non sia ostacolata. Il mondo sta cambiando radicalmente e molte di queste startup intelligenti ci stanno mostrando modi di fare cose che non sapevamo potessero essere fatte prima. Un attento monitoraggio da parte della banca centrale non solo garantirà la protezione dei clienti, ma consentirà anche la creazione di attività e startup più solide.

Alcune nuove aree vedono slancio, ad esempio criptovalute o veicoli elettrici, quanto di un vincolo è la mancanza di chiarezza politica su come andare avanti?

È molto reale che la regolamentazione segua l'innovazione. L'importante è che il regolatore o il governo non debbano vietare qualcosa di nuovo come prima reazione. Dovrebbe essere quello di monitorare, comprendere e creare ambienti di apprendimento come quelli di RBI o IRDAI, in cui queste innovazioni possono essere monitorate. La maggior parte delle innovazioni avrà aspetti positivi e negativi. Se guardi alle criptovalute, c'è movimento di denaro nero, finanziamento del terrorismo, ecc., Che sono chiaramente indesiderabili. Possono anche finire per creare un certo livello di volatilità nel sistema monetario formale. È molto importante riflettere su come dovrebbero essere monitorati. Il nostro suggerimento come CII sarebbe di non vietare a titolo definitivo. Monitora questo, imposta i meccanismi giusti per provarli in ambiente sandbox.