Il killer accusato di Buffalo ha seguito un percorso di radicalizzazione familiare

0
48

Gli investigatori lavorano sulla scena di una sparatoria in un supermercato, a Buffalo. (Foto: AP)

L'uomo armato di 18 anni accusato di una furia razzista mortale in un supermercato di Buffalo sembra adattarsi a un profilo fin troppo familiare: un uomo bianco addolorato intriso di odio – riempito di cospirazioni online e ispirato da altri massacri estremisti.

Payton Gendron di Conklin, New York, sembra essere stato spinto all'azione circa due anni dopo l'inizio del suo indottrinamento radicale, dimostrando quanto velocemente e facilmente si possano generare attacchi omicidi su Internet. Non è richiesto alcun addestramento tattico o aiuto organizzativo.

Leggi anche |Spiegazione: cos'è “The Great Replacement” e quali sono le sue origini?

Sebbene le forze dell'ordine siano diventate abili dagli attacchi dell'11 settembre a distruggere complotti ben organizzati, devono affrontare una sfida molto più difficile nell'intercettare giovani uomini autoradicalizzati che assorbono i messaggi razzisti sui social media e complottano la violenza da soli.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“Ecco perché tutti sono così preoccupati. Vai e scegli la tua ideologia e poi, se hai un'arma, non hai bisogno di un grande piano”, ha affermato Christopher Costa, ex direttore senior per l'antiterrorismo nel Consiglio di sicurezza nazionale dell'amministrazione Trump. “Quello che è cambiato è Internet.”

Il meglio di Express Premium

Premium

Sanjiv Bajaj: 'Come il GST Council, ho bisogno di una piattaforma per smistare gli iss centro-stato…

Premium

Spiegazione: dove stanno i casi di blocchi di carbone

Premium

Come affrontare la spirale dell'inflazione

Premium

Dopo Gyanvapi, l'ago si muove all'interno di BJP su Kashi, Mathura: ‘Shivlin…Altre storie premium >>

Gendron è accusato di aver sparato a morte a 10 neri e potrebbe essere accusato di crimini d'odio federali nei prossimi giorni. Presumibilmente ha lasciato una diatriba di 180 pagine in cui ha affermato che la furia aveva lo scopo di terrorizzare le persone non bianche e convincerle a lasciare il paese. Ripropone le idee lasciate da altri assassini bianchi i cui massacri aveva studiato in modo approfondito online.

Le prove finora sottolineano la minaccia in evoluzione che deve affrontare le forze dell'ordine.

Nei primi anni dopo gli attacchi dell'11 settembre, i funzionari statunitensi erano preoccupati dalla possibilità che cellule terroristiche organizzate mobilitassero seguaci per lanciare nuovi assalti contro la patria. In seguito si sono preoccupati della possibilità che i jihadisti islamici autoradicalizzati agissero da soli.

Ora, i suprematisti bianchi sono emersi come un obiettivo centrale. Il direttore dell'FBI Christopher Wray l'anno scorso ha descritto la minaccia del terrorismo interno come “metastatizzante”. Gli estremisti bianchi di matrice razzista sono stati responsabili della maggior parte degli attacchi più mortali sul suolo statunitense negli ultimi cinque anni, inclusa una sparatoria nel 2018 all'interno di una sinagoga di Pittsburgh e una furia l'anno successivo in cui un uomo armato che prendeva di mira gli ispanici all'interno di un Walmart del Texas ha ucciso 23 persone.

Un rapporto non classificato della comunità dell'intelligence statunitense lo scorso anno ha avvertito che estremisti violenti motivati ​​da rimostranze politiche e odio razziale rappresentano una minaccia “elevata” per il paese.

In riconoscimento del problema, la Casa Bianca a marzo ha affermato che il suo ultimo budget ha fornito all'FBI un aumento di 33 milioni di dollari per le indagini sul terrorismo interno. Nel 2019, l'FBI ha riunito in una cellula di fusione specializzata agenti specializzati in indagini sui crimini ispirati dall'odio con quelli incentrati su atti di terrorismo interno, un cenno alla natura sovrapposta delle minacce.

Negli ultimi anni le autorità federali hanno perseguito membri di gruppi di suprematisti bianchi e neonazisti, tra cui Atomwaffen Division e The Base. Queste organizzazioni hanno abbracciato una filosofia marginale nota come “accelerazionismo”, che promuove la violenza di massa per alimentare il collasso della società, innescare una guerra razziale o rovesciare il governo degli Stati Uniti.

Quegli imputati’ i percorsi verso l'indottrinamento digitale in qualche modo sembrano rispecchiare quelli di Gendron. Il massetto razzista che gli è stato attribuito ha avanzato idee dalla teoria del “grande sostituto” – una cospirazione infondata che dice che c'è un complotto per diminuire l'influenza dei bianchi – e racconta le sue stesse esperienze navigando negli angoli oscuri di Internet.

Una generazione fa, l'indottrinamento nei gruppi estremisti coinvolgeva persone che si incontravano faccia a faccia, parlavano e si scambiavano libri, e di conseguenza le ideologie dannose non avevano la stessa probabilità di diffondersi così rapidamente come oggi, ha affermato Shannon Foley Martinez, un estremista riformato chi guida le persone che cercano di lasciare i gruppi suprematisti.

“Quando vado a parlare con studenti delle scuole medie e superiori e universitari e chiedo loro chi ha visto commenti o contenuti razzisti o antisemiti online, il 100% delle mani salire”, ha detto Martinez, che ha interrotto i rapporti con gli estremisti 28 anni fa.

All'interno del sistema di giustizia penale è in corso da tempo un dibattito sulla capacità di riabilitare estremisti di matrice razziale o etnica, o di creare le cosiddette “diramazioni”, 8221; per loro prima che commettano violenza. Una volta accusati, diversi imputati hanno cercato di rinunciare alle loro ideologie, indicando fattori attenuanti nelle loro stesse vite che, secondo loro, avevano deformato il loro giudizio e portato a una serie di convinzioni avvelenate.

Dopo che il Dipartimento di Giustizia nel 2020 ha accusato quattro membri dell'Atomwaffen a Seattle in una campagna per intimidire giornalisti e altri con manifesti minacciosi nelle loro case, gli avvocati difensori hanno cercato di mettere in scena le somiglianze dei loro clienti&8217; background e percorso di radicalizzazione: sono stati vittime di bullismo, senza amici, ostracizzati; bramando una comunità, si sono trovati su Internet.

Cameron Shea era dipendente dagli oppiacei e viveva nella sua macchina quando ha trovato Atomwaffen.

“Ï era perso, triste e (a rischio di sembrare drammatico) arrabbiato con il mondo,” ha scritto in una lettera indirizzata al giudice che lo ha condannato a tre anni di reclusione. “Scegliere di scatenarsi e sentirsi arrabbiati per tutto è stato più facile che affrontare la tristezza e il senso di smarrimento che c'è sotto tutto.”

Taylor Ashley Parker-Dipeppe, che aveva 21 anni alla condanna, è un uomo transgender che era evitato dai suoi coetanei e spesso vittima di bullismo nella sua scuola superiore del New Jersey, ha detto il suo avvocato, Peter Mazzone. Dopo un tentativo fallito di “connettersi con la folla di LBGTQ”, Parker-Dipeppe ha gravitato online verso una cellula Atomwaffen in Florida guidata da un ragazzo di 16 anni ed è diventato un “seguace totale”, ha detto il suo avvocato.

< p>“Ma sentiva anche di essere 'passato' come un uomo, di essere stato accettato da un club 'virile' e di far parte di un gruppo che avrebbe combattuto per lui se necessario, a patto che nessuno scoprisse che in realtà era transgender”. Mazzone ha scritto.

Gli imputati Atomwaffen si sono dichiarati colpevoli o sono stati condannati da una giuria. Tutti e quattro sono stati condannati a pene detentive o già scontate dietro le sbarre.

Mentre quegli uomini si sono legati su Internet, i vagabondaggi online di Gendron potrebbero essere stati un'impresa più solista. Tuttavia, la dichiarazione che avrebbe pubblicato online indica che ha tratto ispirazione da altre furie razziste, come quella di un uomo bianco che ha ucciso 51 persone in due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda, nel 2019.

Nel documento , Gendron ha detto che stava vivendo “una noia estrema” con il progredire della pandemia di COVID-19 e che nel maggio 2020 ha iniziato a navigare su 4chan, una bacheca di messaggistica illegale che è popolare per post anonimi e spesso violenti o fuorvianti. Gendron ha detto di aver prima consultato la bacheca di messaggistica delle armi del sito.

Ben presto, si era imbattuto in siti web neonazisti pubblicati sul sito e, quindi, in una copia del video in live streaming della sparatoria alla moschea in Nuova Zelanda.

“Questo documento dimostra una traiettoria molto chiara dalla radicalizzazione online al terrorismo interno e all'estremismo”, ha affermato Sophie Bjork-James, assistente professore alla Vanderbilt University che si occupa di ricerca sul movimento nazionalista bianco e sui crimini ispirati dall'odio.

Gendron ha condiviso screenshot di meme e titoli di notizie conservatori che lo hanno aiutato a formulare il suo convinzioni estreme nel documento.

“Togliere il megafono a quelle persone è estremamente importante e in questo momento quel megafono è sui social media”, ha detto Bjork-James.

Facebook non l'ha fatto elimina il livestream della follia omicida della Nuova Zelanda fino a 17 minuti dopo la sua trasmissione, lasciando le copie del video a circolare indefinitamente su siti più squallidi come 4Chan. Il video in live streaming di Gendron si è diffuso anche sui siti di social media e potrebbe essere utilizzato per indottrinare più utenti.