Cos'è il VPS? Cosa può fare per te un server privato virtuale

0
51
ranjith ravindran/Shutterstock.com< /figure>

Se vuoi ottenere spazio su un server di qualche tipo non devi necessariamente affittare un intero server fisico, ci sono molte altre opzioni disponibili. Uno dei più interessanti è l'utilizzo di un server privato virtuale, o VPS. Diamo un'occhiata a come funzionano e cosa possono fare per te.

Che cos'è un server privato virtuale?

Un VPS è un piccolo server simulato che funziona virtualmente su uno esistente. Come ogni macchina virtuale, è separata dal suo host e opera come un'entità indipendente, ma non può nemmeno esistere al di fuori del suo host.

La tecnologia dietro VPS è simile ad altre macchine virtuali: la macchina host esegue un programma chiamato hypervisor o VMM (virtual machine manager) che gestisce tutte le macchine virtuali più piccole sotto di essa, chiamate guest. In un diagramma, finisce per assomigliare a questo:

Se pensi a un computer come a una torta, una macchina virtuale ne è una singola fetta. Le macchine virtuali sono un modo molto conveniente per suddividere la potenza di elaborazione di macchine più grandi e vengono utilizzate in tutti i tipi di applicazioni, grandi o piccole.

Perché Usi un VPS?

Per capire perché esiste VPS, probabilmente dovremmo fare un piccolo passo indietro e guardare prima ai server. Un server è un computer che fornisce file o dati ad altri computer su una rete. I server possono essere accessibili direttamente tramite mouse o tastiera oppure possono essere quelli che vengono chiamati server headless, a cui è possibile accedere solo da remoto.

Pubblicità

L'intera Internet è , in fondo, nient'altro che un'enorme raccolta di server interconnessi. Per fare qualsiasi cosa online, come avviare un sito come How-To Geek o eseguire un servizio come un'app meteo, devi eseguire un programma o ospitare file su un server. Nessun server, nessun sito.

Tuttavia, i server sono macchine grandi e potenti che sono costose da acquistare e mantenere. Di conseguenza, la maggior parte dei server è di proprietà di grandi società per uso personale (Google e Facebook, ad esempio, gestiscono principalmente i propri server) oppure sono affittati a società più piccole da provider di hosting web. Si tratta di aziende che possiedono e gestiscono server proprio per questo scopo.

Tuttavia, se ogni persona che volesse avviare un sito dovesse acquistare o affittare un intero server, andrebbe in bancarotta prima ancora di decollare e Internet sarebbe un luogo molto meno diversificato. È qui che entra in gioco la virtualizzazione: invece di dover acquistare o noleggiare un intero server per ogni sito o servizio online, privati ​​e piccole aziende possono affittare solo una frazione di un server da una società di web hosting.

Il la cosa grandiosa di un VPS è che, per elaborare la nostra precedente analogia, non si ottiene solo una fetta della torta informatica, ma si può decidere quanto deve essere grande la fetta. Di conseguenza, sono una soluzione molto flessibile per le aziende che vogliono crescere online e vogliono che il loro hosting cresca con loro.

Inoltre, i VPS sono interessanti anche perché offrono agli utenti molto controllo su come vogliono utilizzare le risorse che hanno, come se avessero il proprio server, ma pagano comunque solo una frazione di quanto macchina costerebbe.

VPS e hosting condiviso

A prima vista, VPS può sembrare molto simile all'hosting condiviso, in cui diversi siti condividono le risorse di un server. La differenza fondamentale tra i due è la virtualizzazione: poiché sono macchine virtuali, ogni VPS è un computer a sé stante e non condivide risorse come potenza di calcolo o memoria.

Pubblicità
< p>L'hosting condiviso, tuttavia, condivide queste risorse, quindi è praticamente un solo server con molte persone diverse che gestiscono il proprio sito al di fuori di esso contemporaneamente. Di conseguenza, quando un sito Web sullo stesso server ma in esecuzione su un altro VPS riscontra problemi, non avranno alcun effetto su di te. Quando si utilizza l'hosting condiviso, però, lo faranno.

Il vantaggio dell'hosting condiviso, tuttavia, è che è più economico e molto meno problematico da configurare, il che lo rende ideale per le persone appena agli inizi o con meno conoscenze tecniche. Al contrario, un VPS è un intero sistema chiuso che deve essere configurato da zero. Pertanto, devi sapere un po' di cosa avrai bisogno e come verrà utilizzato.

Ad esempio, quando si configura un VPS è necessario configurare il sistema operativo con cui verrà eseguito, se e come è necessario ottimizzare la CPU, nonché aggiungere memoria, spazio di archiviazione e una miriade di altri dettagli . Ognuno di questi avrà un impatto sulle prestazioni del tuo VPS, quindi devi avere un'idea di come funzionerà il tuo sito prima di configurarlo.

Detto questo, se hai le competenze e le conoscenze richieste , quindi l'utilizzo di un VPS è un'ottima alternativa ad altri tipi di hosting, in particolare l'hosting condiviso. La possibilità di controllare le prestazioni del tuo hardware può ripagare in molti modi, quindi se non ti dispiace sporcarti le mani, VPS potrebbe essere la strada da percorrere.

LEGGI SUCCESSIVO

  • › Cosa puoi fare con la porta USB del tuo router?
  • › 4 modi per rovinare la batteria del tuo smartphone
  • › Perché vedo “FBI Surveillance Van” nella mia lista Wi-Fi?
  • › Recensione ExpressVPN: una VPN facile da usare e sicura per la maggior parte delle persone
  • › Ecco come tornerà Mozilla Thunderbird nel 2022
  • › Perché i dati mobili illimitati non sono effettivamente illimitati