Quando Irrfan si è arrabbiato con Anup Singh

0
56

I due sul set di Qissa: The Tale of A Lonely Ghost (2013) (Courtesy Anup Singh)

In una scena di Qissa: The Tale of a Lonely Ghost (2013), Tisca Chopra arriva di corsa in una stanza per allontanare la Umber di Irrfan dalle loro figlie, la sua dupatta giallo-marrone vola davanti a lei e, a causa della forza del suo corpo , la dupatta tocca Irrfan prima di lei, “la violenza creata dal colore, non il colpo vero e proprio del telo, fa reagire Irrfan in modo molto spaventato, disperato, forte, spinge Tisca (che vola e le fa male alla schiena) con un'energia, una violenza quasi, che dubito che avrebbe in qualsiasi altra circostanza”, afferma il regista Anup Singh.

Leggi anche |Naseeruddin Shah: ‘Irrfan&#8217 L'eredità di ;s è come una costellazione di stelle da cui ogni attore può trarre ispirazione da’

“Anup saab, bahut hi ajeeb ruoli laateh ho aap mere liye (Sono davvero strani, i ruoli che mi porti).” Per Irrfan, che aveva già esplorato gli altri rasa del navarasa (nove emozioni) attraverso la sua miriade di personaggi, il bibhatsa (ripugnante) era ancora un terreno incontaminato finché Singh non gli portò i ruoli complessi, oscuri e liminali di Umber Singh (Qissa ) e Aadam (Il canto degli scorpioni, 2017). Un Irrfan riluttante e visibilmente arrabbiato gli aveva chiesto: “È così che mi vedi?”

I due con i cammelli sul set di The Song of Scorpions (2017) (per gentile concessione di Anup Singh)

Irrfan ha lasciato il mondo prima che Singh potesse interpretarlo in modo diverso — come ballerino in l'ormai sospeso a tempo indeterminato Lasya (che sarà formato da Waheeda Rehman) o un anziano compositore di musica per film.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Il ginevrino Singh, 61 anni, il cui libro, Irrfan: Dialoghi con il vento (Copper Coin), arriva due anni dopo la morte dell'attore, dice: “In lui ho visto la rara capacità di trasformare le banalità del nostro mondo in grazia . Dilip Kumar saab è stato l'unico altro attore in grado di trasformare il banale, la routine, il male in una qualità vivente. Anche quando Irrfan interpretava dei buoni personaggi, come in The Namesake (2006), vedi l'amarezza e il risentimento e altri elementi di ciò che concorre alla realizzazione di questa bontà. Irrfan, che rende più ricco il tuo mondo interiore, è uno spirito, una forza, un djinn se vuoi, che appartiene tanto alla nostra vita interiore quanto alla sua. Ecco perché la sua scomparsa ci ha ferito così tanto, sembrava come se qualcosa nel profondo di noi fosse morto.”

Il meglio di Express Premium

Premium

Dopo Gyanvapi, l'ago si sposta all'interno di BJP su Kashi, Mathura: ‘Shivlin…

Premium

Spiegazione: condivisioni di LIC vengono scambiati con uno sconto, ma qui’…

Premium

Chiave UPSC CSE – 17 maggio 2022: cosa ti serve da leggere oggi

Premium

Spiegazione: cosa sono le isole di calore urbane e perché peggiorano durante…Altre storie premium >&gt ; Anche in Eye |Inimitabile Irrfan

Intuitivo e intimo, il libro è una riflessione in medias res, si srotola al contrario e si aggancia al treno della memoria lineare. Le battute di amici; la preparazione di un attore; l'inseguimento quasi comico dei due da parte di un toro affamato; i passaggi con il nodo alla gola nel reparto ospedaliero, vedere un caro amico in preda alla malattia, una vita che si spegne.

Il libro di Anup Singh su Irrfan Khan (per gentile concessione di Anup Singh)

Tutto ciò che ha fatto nella vita gli avrebbe portato qualche idea su come interpretare un determinato ruolo. Ad esempio, avrebbe chiamato Singh alle 3 del mattino per raccontare di aver guidato su una strada buia una notte: “Non riuscivo a vedere la strada davanti a me. Arre Anup saab, e se la strada non ci fosse? Ho guidato per provare quel senso di paura e poi provare la gioia di essere sopravvissuto alla prova e di essere ancora vivo. Anche quando la morte era vicina, sarebbe stato curioso del processo. “Spesso evitava di prendere antidolorifici e diceva: 'questo dolore, disagio, ingrigimento del corpo, paura di ciò che accadrà è la mia vita in questo momento, perché dovrei rinunciarvi?'”, ricorda Singh.

Da leggere |'La perdita di questo magnifico attore è incomparabile per il cinema indiano'

Le loro strade si sono incrociate nei primi anni '90. Per un episodio di un'ora per Star TV, in cui una forza forte sconvolge la relazione tra una giovane ispettore di polizia (Mita Vashisht) e un criminale. Singh voleva un “attore straordinario per incarnare quella forza”. Vashisht è entrata con la sua compagna di classe della National School of Drama. Mentre tracciava i suoi movimenti, la melodia che Singh pensava stesse suonando nella sua testa veniva canticchiata da questa nuova persona. In piedi accanto alla telecamera c'era Irrfan. Su entrambe le labbra, Jee karda mein tenu vekhi jaanwan di Nusrat Fateh Ali Khan. Dopo lo scatto, il giovane allampanato ha detto: “Aaj ke baad, ogni volta che facciamo uno scatto insieme, per favore dammi una melodia”.

Leggi anche |La scelta di Shubhra Gupta: in 7 decenni, 75 film che celebrano il viaggio dell'India

Melodia, scambi onomatopeici e comodi silenzi diventerebbero il loro codice segreto. La prossima volta che i due si incontrarono, anni dopo, per il secondo anno di Singh, Nusratsaab sigillerebbe di nuovo l'accordo. Ispirato dalla vita del nonno di Singh, Umber è un uomo ambiguo ed egoista, che cerca l'immortalità. Per aiutarlo a diventare Umber, Singh diede a Irrfan suoni (canzoni turche, africane e di Nusrat saab e interpretazioni per violoncello della Sarabanda di Bach) e immagini – Il boschetto degli ulivi di Vincent van Gogh (1889), in cui “il vento e l'inclinazione del la terra fa sembrare l'olivo come se stesse per iniziare a muoversi, eppure senti la sua immensa forza nell'aggrapparsi alla terra. Umber è un patriarca brutale e un padre affettuoso, la cui dimostrazione di violenza era un segno del suo amore e “Qissa è stato il dialogo mio e di Irrfan con ciò che stava accadendo nel paese”, afferma Singh.

Irrfan non ha mai voluto lavorare con le idee, ma con l'esperienza: sperimentare l'altro e se stesso in incontri diversi (Courtesy Anup Canta)

…Anche gli Scorpioni parlano al nostro tempo. La mappatura dei personaggi di Nooran (l'attore iraniano in esilio Golshifteh Farahani) suscita la domanda: “quando inspiriamo, abbiamo questo senso della vita, che continuiamo a prendere e prendere, ma ogni volta che espiriamo, respiriamo vita a ciò che è dandoci la vita o espiriamo il veleno che potremmo portare in noi stessi?”

Il sempre curioso Irrfan aveva molte domande: “Chi sei? Perché sei qui? Perché l'hai detto in quel modo? Quella maglietta, da dove l'hai presa? Quell'accento, da dove l'hai scelto?” Rispondeva quasi sempre agli stimoli, anche al vento, in un colpo. Rievoca la sua passione per il volo degli aquiloni (portava gli aquiloni sui set cinematografici), che ha dato a un giovane Irrfan, a Jaipur, un braccio contorto per la vita e una filosofia: “ogni piccolo tiro e rilascio dell'aquilone è un dialogo con il vento, questione di vita o di morte, ecco cosa stava agendo”.

Per lui, il suono sotto i dialoghi – il tono, il timbro, l'esitazione, la pausa, le note spente – che rivelano i segreti di un personaggio era una questione di importanza e gioia. Ogni spazio era “uno spazio di esplorazione”. Esiterebbe sulla soglia di una stanza, scruterebbe per vedere dove si sentirebbe a suo agio, se gravitasse verso una persona interessante o un aroma interessante dalla cucina. Preferiva gli spazi che gli permettessero di fluire liberamente in qualsiasi direzione, non quelli che lo racchiudevano. Anche sui set si sedeva dove doveva esibirsi, tastava la terra, si appoggiava a un albero o a un muro, dormiva in mezzo a un deserto, come un cammello, “voleva sentirsi a casa ovunque e con tutti”.

“Ora, abbiamo idee molto strane sulla casa e sul paese, ma il modo in cui io o Irrfan pensavamo a casa, non sono i confini ma la nostra appartenenza a qualcuno, che pensa a noi o anche un breve scambio di sguardi, che fa una casa”, afferma il laureato del Film and Television Institute of India, la cui storia è affascinante.

Leggi anche | Il regista di “Qissa” Anup Singh annuncia il libro su Irrfan Khan in occasione del compleanno dell'attore

Negli anni prima della partizione, la famiglia del nonno di Singh, in un villaggio del Punjab (ora in Pakistan), fu attaccata. Quando il nonno ha ripreso conoscenza, aveva perso entrambi i genitori. Fu mandato da un parente in Africa, dove “cresciuto in un uomo strano, amorevole ma facilmente trascinabile nella violenza”. Singh è nato nella capitale della Tanzania Dar-es-Salam, ma gli anni '70, l'ascesa di Idi Amin in Uganda e la sua sfiducia nei confronti degli stranieri che si diffuse in Kenya e Tanzania, costrinsero la famiglia a emigrare a Bombay (la corruzione lo renderebbe semplice padre uomo d'affari, anni dopo, per lasciare l'India). Sul ponte della nave diretta in India, tra il cielo africano e il vasto mare, mentre guardava un film in hindi – che spesso amava era Sahib, Bibi aur Ghulam (1962), anche se non riesce a ricordare bene – l'adolescente “trauma, paura di uscire di casa, di andare in un nuovo paese” ha lasciato il posto alla sensazione di essere “parte di un più ampio senso di casa o paese: quello era il cinema”.

Irrfan Khan con Anup Singh (per gentile concessione di Anup Singh)

Cinemaridefinirebbe le sue idee di casa in un cosmo senza confini, per gentile concessione degli ampi film di Ritwik Ghatak, “il suo obiettivo grandangolare e il rapporto uomo-natura mi hanno portato un senso di casa” e Irrfan, che Singh chiama un “essere di confine”. Come Toba Tek Singh. “Non prende posizione. Non a causa di idee facili di laicità o neutralità, non era neutrale, come dimostrano le sue interviste/discussioni e le scelte cinematografiche, ma si preoccupava esclusivamente di come parlare con te (anche con il non umano, come il cammello in & #8230;Scorpioni) e ha portato nel mondo, ogni volta, un nuovo modo di parlare con esso”, dice Singh.

Essere “incerto era quasi un bisogno etico per lui. Una specie di aprirsi, di diventare vulnerabile. In un mondo in cui sistemiamo le persone in scatole e concettualizziamo rapidamente tutto: Sardar, Maharashtrian, Hindu, Parsi… — l'esperienza delle persone è perduta”, dice Singh, “e Irrfan non ha mai voluto lavorare con le idee, ma con l'esperienza: sperimentare l'altro e se stesso in incontri diversi”.