L'indagine sull'incendio dell'autobus J&K esamina l'uso della “bomba adesiva”

0
59

L'autobus, che trasportava principalmente pellegrini, era appena partito per Jammu quando ha preso fuoco vicino a Khanak, a circa 1,5 km dalla città di Katra. Katra è il campo base per i pellegrini diretti al santuario Vaishno Devi. È virando verso una sonda terroristica, hanno detto le fonti.

Secondo le fonti, prove circostanziali suggeriscono che l'incendio sia stato un atto di sabotaggio e l'uso di un IED per innescare un'esplosione nel serbatoio del carburante dell'autobus non può essere escluso. Gli inquirenti sospettano che sia stata utilizzata una “bomba adesiva”, che può essere attaccata a un veicolo tramite magneti.

L'autobus, che trasportava principalmente pellegrini, era appena partito per Jammu quando ha preso fuoco vicino a Khanak, a circa 1,5 km dalla città di Katra. Katra è il campo base per i pellegrini diretti al santuario Vaishno Devi.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Secondo le indagini preliminari, l'incendio è scoppiato nel motore dell'autobus, e presto ha inghiottito il veicolo. L'indagine iniziale della polizia lo ha definito un caso in cui il motore ha preso fuoco a causa di un guasto tecnico. Tuttavia, dopo aver esaminato il posto e l'autobus, le agenzie di sicurezza hanno sospettato un attacco IED da parte di un gruppo terroristico.

Il meglio di Express Premium

Premium

Sanjiv Bajaj: 'Come il GST Council, ho bisogno di una piattaforma per smistare gli iss centro-stato…

Premium

Spiegazione: dove stanno i casi di blocchi di carbone

Premium

Come affrontare la spirale dell'inflazione

Premium

Dopo Gyanvapi, l'ago si muove all'interno di BJP su Kashi, Mathura: ‘Shivlin…Altre storie premium >>

“C'è un buco vicino ai serbatoi del carburante con le lamiere piegate verso l'interno. Se fosse stata un'esplosione a causa di un problema tecnico dall'interno del motore, le lamiere si sarebbero rivolte verso l'esterno vicino al foro. Inoltre, i campioni prelevati dai vestiti di una delle vittime suggeriscono l'uso di un qualche tipo di esplosivo, anche se non è chiaro di cosa si tratti”, ha affermato un funzionario dell'istituto di sicurezza.

Fonti affermano che il sospetto è sull'uso di una “bomba adesiva”. “Non ci sono prove materiali per dimostrarlo, poiché quando le squadre forensi hanno raggiunto il sito, la scena del crimine era stata completamente sbiadita nel tentativo di domare l'incendio. Ma prove circostanziali indicano la possibilità che venga utilizzata una bomba adesiva”, ha affermato un ufficiale della National Investigation Agency (NIA) che sta conducendo un'indagine parallela.

Lo sviluppo getta un'ombra sull'Amarnath Yatra, che dovrebbe iniziare il 30 giugno. C'è stata una notevole preoccupazione all'interno del governo sulla sicurezza dell'Amarnath Yatra, che si terrà dopo due anni. Viene sullo sfondo di uccisioni mirate di civili, in particolare migranti, nella Valle.

“Katra è stata presa di mira raramente. Ma, negli ultimi tempi, assistiamo a un aumento degli attacchi a Jammu che prendono di mira le aree dominate dagli indù. Solo quest'anno ci sono state sei esplosioni di IED a Jammu. Ci sono stati input crescenti da parte delle agenzie di intelligence sugli attacchi imminenti nelle aree indù. Molti sono stati prevenuti, con diversi IED recuperati da aree popolate e molti agenti arrestati negli ultimi mesi”, ha affermato un agente di polizia di J&K.

Mentre sabato i combattenti per la libertà del Jammu e Kashmir hanno affermato responsabile dell'incendio dell'autobus Katra, fonti lo hanno minimizzato, dicendo che il gruppo meno noto aveva in precedenza rivendicato il merito di attacchi che sono stati successivamente ricondotti ad altri gruppi. “Al momento il sospetto è sugli agenti del Jaish-e-Mohammed poiché usano da tempo gli IED. Ma non ci sono ancora prove”, ha detto un agente.

Nel frattempo, il tenente governatore della J&K Manoj Sinha, che ha raggiunto Delhi domenica notte tardi, ha tenuto un incontro con il ministro della Difesa Rajnath Singh lunedì. Martedì incontrerà il ministro dell'Interno Amit Shah.

Anche se si dice che questi siano incontri di routine per discutere di progetti di sviluppo in J&K, fonti hanno affermato che l'attenzione era concentrata sull'attuale situazione della sicurezza nella valle e persino su Jammu . Fonti hanno affermato che le disposizioni di sicurezza per garantire un Amarnath Yatra senza incidenti sono state tra le questioni chiave discusse lunedì e sarebbero state discusse anche con Shah.

Secondo le fonti, Shah dovrebbe tenere un incontro per rivedere la sicurezza in J&K e gli accordi per l'Amarnath Yatra con i capi della BSF, CRPF e Intelligence Bureau martedì. Sinha parteciperà a questa riunione.

La scorsa settimana, anche il ministro dell'Interno dell'Unione, Ajay Bhalla, ha tenuto una riunione sulla stessa questione. Secondo fonti, il DG Kuldiep Singh del CRPF è attualmente in tournée a J&K per pianificare le disposizioni di sicurezza per l'Amarnath Yatra.