Caso di manipolazione della NSE del 2018: in ordine alla libertà vigilata, un ritornello di Dylan: i soldi non parlano… giurano

0
53

Chitra Ramkrishna. (Foto: Reuters/File)

Il denaro ha un'influenza pervasiva sulle persone, ha affermato un tribunale di Delhi, utilizzando il testo di una canzone di Bob Dylan nel suo ordine dettagliato in cui negava la libertà su cauzione all'ex amministratore delegato di NSE Chitra Ramkrishna e all'ex funzionario operativo del gruppo Anand Subramanian in un caso di manipolazione della borsa del 2018.

“Bob Dylan una volta ha detto 'i soldi non parlano, giura', che è una canzone dell'album del 1964 'It's Alright Ma I’m Only Bleeding '” Il giudice speciale Sanjeev Aggarwal ha scritto nell'ordine di 42 pagine. “… significa che il denaro non solo ha un'influenza, ma ha una grande influenza, persino un'influenza perversa sulle persone.”

Il giudice ha detto che Ramakrishna prima facie sembrava aver gestito gli affari dell'NSE “simile a quello di un circolo privato”.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Spiegando i motivi per negare la libertà su cauzione, la corte ha affermato che poiché i due avevano tenuto una pole position all'NSE, le loro possibilità di manomettere le prove e non è possibile escludere testimoni influenti.

Il meglio di Express Premium

Premium

Chiave UPSC CSE – 18 maggio 2022: cosa devi leggere oggi

Premium

Spiegazione: il contenuto e la portata dell'articolo 142, invocato dalla Corte di Cassazione…

Premium

Dalla bandiera di Indra e dallo stendardo di Krishna alla bandiera zafferano: dalla bandiera di…

Premium

Sanjiv Bajaj: 'Come il GST Council, ho bisogno di una piattaforma per ordinare gli iss…Altre storie premium &gt ;>

Nel commentare la principale borsa valori del Paese, il giudice ha affermato che il mondo finanziario, compresi gli investitori istituzionali esteri (FII), “stanno aspettando con il fiato sospeso che la NSE si riscatti, in modo che possano volare in questo Paese per investire in massa, che è attualmente una destinazione brillante per gli investimenti.”

“Per quanto riguarda gli affari di NSE al momento rilevante, non sarebbe fuori luogo osservare qui che arriva un momento nella vita di un'istituzione, in cui si trova a un bivio, allora dovrebbe prendere un percorso che è un strada giusta per ripristinare la sua gloria, piuttosto che seppellire gli scheletri, che in seguito potrebbero trasformarsi in mostri di Frankenstein”, ha affermato la corte.

Il caso del 2018 riguarda le accuse di accesso preferenziale al sistema di trading ad alcuni broker attraverso il struttura di co-location, in cui i broker possono acquistare “spazio rack” per i loro server presso NSE, accesso anticipato e “fibra oscura”, che possono consentire a un trader un accesso più rapido di una frazione di secondo al feed di dati dello scambio. Anche un vantaggio di una frazione di secondo è considerato in grado di portare enormi guadagni a un trader.

Secondo il Securities and Exchange Board of India, diverse decisioni chiave prese da Ramkrishna durante il suo incarico di MD di NSE e CEO dal 2013 al 2016, inclusa la nomina di Subramanian, sono stati guidati da uno yogi non identificato “che potrebbe abitare in gran parte nelle catene dell'Himalaya”. Si presume che Ramkrishna abbia condiviso informazioni riservate sulla borsa con lo “Yogi himalayano”.

La CBI ha detto alla corte che lo “Yogi himalayano” non era altro che lo stesso Subramanian.