“La nostra vita ruota intorno a poche centinaia di metri. Non può diventare più miserabile'

0
56

Una colonia di Pandit del Kashmir nel distretto di Budgam. (Foto espressa di Shuaib Masoodi)

Al di fuori della strada principale di Sheikhpora, uno stretto tratto conduce a un gruppo di edifici rosa e gialli. I veicoli corazzati della polizia J&K e delle forze paramilitari fiancheggiano la corsia e sorvegliano il cancello della colonia. I poliziotti chiedono l'identità di ogni passante, consentendo l'ingresso solo dopo il controllo. Appena dentro il cancello, un centinaio di residenti siedono sotto una tenda con una foto di Rahul Bhat.

Due giorni dopo Bhat è stato ucciso all'interno dell'ufficio tehsilnon lontano da questo complesso residenziale, la rabbia dei residenti è palpabile. “Paani sar ke upar se ja chuka hai (Abbiamo raggiunto la fine del nostro legame)”, dice uno dei residenti, un insegnante del governo, rifiutandosi di fornire il suo nome.

Sabato nessuno da la colonia, destinata ad accogliere i migranti Pandit del Kashmir che hanno iniziato a lavorare nella Valle sotto il pacchetto di lavoro di un Primo Ministro, è andata a lavorare. Né i loro figli hanno frequentato la scuola, a parte quelli che hanno sostenuto gli esami.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La richiesta è unanime: “Se il governo non può fornirci un ambiente sicuro, dovrebbe spostarci dove ci sentiamo al sicuro”. Per la maggior parte, quella posizione è Jammu.

Il meglio di Express Premium

Premium

ExplainSpeaking: perché il governo indiano ha torto nel sostenere che l'inflazione ha colpito il ri…

Premium

Bhupinder Singh Hooda a Idea Exchange: l'unico modo combattere per …

Premium

Vistara potrebbe fondersi con Air India, decisione probabilmente entro la fine del 2023Premium

L'esperto spiega: come proteggersi dalle malattie legate al caloreAltre storie premium >>

I residenti hanno anche affermato che mentre si parla molto dei Pandit del Kashmir sotto ogni dispensa, “si fa molto poco”.

Sperando di calmare gli animi, venerdì il Luogotenente Governatore Manoj Sinha ha incontrato la famiglia di Bhat e ha accettato la richiesta di fornire un lavoro a sua moglie e di sostenere le spese educative della figlia di cinque anni.

Leggi anche | I Pandit del Kashmir sono scesi in strada, bloccano l'autostrada Srinagar-Budgam per aver ucciso

Ma sabato, la protesta sembrava pronta per il lungo raggio — non lontano da dove l'auto di Bhat è ancora parcheggiata nella colonia, dove ha vissuto per quasi un decennio. Un registro girava intorno alla tenda dove le persone mettevano cartelli contro i loro nomi per la raccolta di fondi per acquisire un sistema di amplificazione. I residenti hanno spiegato che molti avevano perso la voce a causa di oltre due giorni di slogan.

Circa 300 famiglie vivono in appartamenti di due stanze nella ‘alloggio di transito’ di Sheikhpora, molte delle quali condividono una piatto. In molte famiglie, più di una persona è al servizio del governo e diverse si spostano per lavoro in diversi distretti, fino a 70 km di distanza. La maggior parte di loro lavora nei dipartimenti dell'istruzione, dello sviluppo rurale e delle entrate.

“Alcune persone iniziano già alle 6 del mattino, prendono il treno o l'autobus per luoghi lontani e tornano dopo il tramonto”, dice Roshan Lal, la cui figlia è un'insegnante ad Anantnag nel Kashmir meridionale.

Nelle immagini |Rabbia a Valley: i Pandit del Kashmir sono scesi in strada

Colonie come Sheikhpora furono costruite esclusivamente per i Pandit migranti che tornavano nella Valle, per vivere in ‘transito’ prima del loro reinserimento nella società. Sheikhpora, tra le prime, è stata costruita 14 anni fa e rimane la più grande colonia del genere, circondata da un muro di cemento sormontato da filo spinato. Quando la risposta iniziale è stata scarsa, il governo ha trasferito oltre 30 famiglie Pandit da Budgam, che non erano emigrate dal Kashmir, per ispirare fiducia.

Le altre colonie recintate si trovano a Vessu a Qazigund , Haal a Pulwama, Mattan ad Anantnag, Veervan a Baramulla, Tulmulla a Ganderbal e Nutnusa a Kupwara. Sono in corso i lavori per costruire altre sei colonie Pandit — Marhama a Bijbehara, Wandhama a Ganderbal, Fatehpora a Baramulla, Keegam a Shopian, Sumbal a Bandipora e Khullangam a Kupwara.

Forse nessuno ha assistito a proteste del tipo scoppiato venerdì, anche se pochi sono rimasti sorpresi dalla risposta del governo che è seguita. Venerdì sera, i cancelli della colonia di Sheikhpora sono stati chiusi a chiave dall'esterno, per trattenere i residenti dopo che avevano protestato per la morte di Bhat, imperterriti dalle cariche di polizia e dai lacrimogeni.

“Ci è stato detto che LG Sinha sarebbe venuto, ma ha mandato il suo segretario principale e questo non è abbastanza”, dice uno dei residenti. Il segretario principale Nitishwar Kumar ha incontrato i manifestanti dopo che il Raj Bhavan ha annunciato l'accettazione delle loro richieste.

Leggi anche |Il padre del personale del governo è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da militanti a Budgam preoccupati per la sicurezza dei Pandit che lavorano in Kashmir

Un residente, Sanjay, dice che il personale di sicurezza ha chiuso i cancelli per la prima volta venerdì mattina. “Abbiamo protestato perché alcuni genitori hanno dovuto accompagnare i propri figli a scuola. Poi l'hanno aperto”. Alle 13, la folla si era ingrossata e aveva chiesto di poter marciare fino a Lal Chowk, il centro della città di Srinagar. Tuttavia, il personale di sicurezza non li ha autorizzati.

Molti dei manifestanti affermano che la gente del posto che viveva fuori dalla colonia aveva fornito loro acqua e sostegno mentre sedevano sulla strada sotto il sole.

Gli adolescenti Saksham e Kartik, appesi al bordo della tenda che reggeva i manifestanti, affermano di aver saltato volontariamente la scuola sabato. I due aggiungono che generalmente non si sentono in pericolo in Kashmir, né erano desiderosi di andarsene, come volevano alcuni adulti.

Tuttavia, l'omicidio di Rahul ha lasciato la maggior parte di loro a sentirsi vulnerabili. “Era un amico per tutti noi. Era gentile, andava al lavoro, si prendeva cura della sua famiglia. Non sarebbe d'intralcio a nessuno”, dice Sheila.

Un residente dice di essersi sentito in gabbia, senza libertà di movimento o senza paura. “A volte, queste colonie recintate sembrano non avere alcuno scopo. Ogni giorno dobbiamo trasferirci per lavoro, senza alcuna sicurezza. I nostri figli devono andare a scuola. Possiamo essere al sicuro durante la notte, ma siamo vulnerabili durante il giorno.”

Colonie come Sheikhpora furono costruite esclusivamente per i Pandit migranti che tornavano nella Valle, per vivere in ‘transit’ prima del loro reinserimento nella società. (Foto espressa di Shuaib Masoodi)

Un insegnante che vive nella colonia parla di altri insegnanti Pandit uccisi in precedenza, aggiungendo: “Ogni omicidio è una battuta d'arresto. Ora, quando vado a scuola, i miei studenti si preoccupano per me. E quando ho un minuto tutto per me, mi sorprendo a guardare il cancello per vedere chi sta entrando.”

Aggiunge che nonostante gli anni di servizio e l'abitudine a vivere in colonie recintate in un luogo dove la gente possiede case a più piani, “non si può vivere nella paura costante”.

Un residente dice che la disponibilità di strutture ricettive più sicure ha allentato una certa pressione, ma le condizioni di vita rimangono cattive. Nella maggior parte delle case, l'intonaco viene via dalle pareti umide. “Ci sono ancora molti casi di famiglie ristrette in un unico appartamento. La nostra vita ruota intorno a poche centinaia di metri. È questo ciò che chiami vita? Non può diventare più miserabile di così.”

I pandit che non erano emigrati dalla Valley e sono stati trasferiti a Sheikhpora affermano che le loro vite sono solo peggiorate. “Non siamo nemmeno trattati alla pari con gli altri che vengono da fuori,” dice uno di loro. “Siamo come cittadini di seconda classe qui.”