La casa di PM Awas è stata geotaggata 5 volte, l'ultimo pagamento effettuato una settimana prima che il bulldozer la demolisse

0
70

La casa di Hasina è stata geotaggata cinque volte secondo le linee guida PAY.

“Il nostro stand è molto chiaro. È stata un'invasione del territorio del governo e abbiamo seguito tutte le dovute procedure e l'abbiamo rimossa. “

Questa è la raccoglitrice del distretto di Khargone Anugraha P all'Indian Express quando gli è stato chiesto della demolizione dell'11 aprile di Hasina La casa di Fakhroo costruita sotto il Primo Ministro Awas Yojna (Urban), come evidenziato per la prima volta in questo giornale.

A un mese dalla demolizione, le pretese di “giusta procedura” non corrispondono a quanto si è svolto sul campo, rivela un'indagine dell'Indian Express su registri fondiari, ordini di tehsildar, estratti conto e la sequenza degli eventi prima che il bulldozer arrivasse 11 aprile.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Mostra che la casa di Hasina è stata geotaggata cinque volte secondo le linee guida PAY; le sue foto sono state caricate in ogni fase chiave della costruzione, due hanno caratterizzato la beneficiaria (lei e suo figlio) in piedi alla porta. I registri bancari mostrano che Rs 2,5 lakh sono stati versati, a rate, sul conto bancario di Hasina a intervalli regolari nell'arco di un anno.

Il meglio di Express Premium

< img src="https://indianexpress.com/wp-content/plugins/lazy-load/images/1x1.trans.gif" />Premium

La mano dei Rajapaksas

Premium

Ho provato HealthifyMe Pro e non sono sicuro che tutti abbiano bisogno di gl continui. ..

Premium

Ricordando Pandit Shivkumar Sharma: l'uomo che ha reso santoor classico

Premium

Spiegazione: la teoria persistente che il Taj Mahal fosse un tempio indù chiamato…Altre storie premium >> Le immagini 1, 3, 4, 6 e 8 sono ottenute dal portale del governo per il monitoraggio di PAY-U tramite geotagging

In effetti, è stato solo dopo quattro round di geotagging e il trasferimento di Rs 2 lakh sul conto del beneficiario , che il primo avviso di invasione è stato emesso ad Hasina dal Nagar Tehsildar.

Ha negato le accuse e il 10 marzo di quest'anno il tribunale di Tehsildar ha ordinato la sua costruzione illegale. Eppure, anche dopo questo ordine, è stato effettuato un pagamento di Rs 50.000 sul suo conto e la casa di Hasina è stata demolita in soli quattro giorni, incluso un fine settimana, dopo il secondo avviso il 7 aprile.

Questo, ha detto , non le ha concesso il tempo di appellarsi contro l'ordinanza all'SDM o all'Alta Corte.

Questa fotografia mostra il figlio di Hasina in piedi davanti alla porta del loro Casa.

Che la demolizione è avvenuta il giorno successivo dopo uno scontro comunalenel quartiere, sostiene l'amministrazione, è una mera coincidenza. Ironia della sorte, un altro primo ministro Awas Yojana House è stato danneggiato, questo appartenente a Leela Bai Chhagan Lal, durante la lapidazione da parte di una folla. Ma ne parleremo più avanti: la demolizione è ora oggetto di un caso presso la Corte Suprema.

Immagine satellitare che mostra la posizione della casa PAY-U di Hasina Fakhroo sull'applicazione HFA del Bhuwan

Geotagging e pagamenti

I record consultati dall'Indian Express mostrano che la casa di Hasina è stata geotaggata cinque volte sull'app Bhuvan HFA (Housing For All), una piattaforma dell'Indian Space Research Organization (ISRO). Il geotagging è un processo per aggiungere l'esatta identificazione geografica a vari media, comprese le fotografie:

  • Il primo geo-tagging della trama di Hasina è stato il 22 luglio 2020 da un “osservatore” di una società con sede a Gurgaon, Egis India Consulting. L'immagine caricata sull'app Bhuvan mostra suo figlio, Amjad, in piedi davanti alla loro casa con il tetto di lamiera al “7, Khaskhaswadi” a Khargone. I dettagli caricati dall'osservatore registrano che la casa era “Kachcha (erba o paglia o tela cerata o legno)” “occupata” dal beneficiario.
  • Il secondo geotagging è stato eseguito dopo che la costruzione ha raggiunto il livello delle fondamenta e del plinto il 24 gennaio 2021. La foto caricata sull'app Bhuvan mostra il telaio della porta e della finestra nella parete anteriore.
  • Il terzo geotagging è stato completato il 27 gennaio 2021 quando la costruzione ha raggiunto la fase dell'architrave.
  • Quando il tetto era pronto, il 10 maggio 2021 è stata eseguita la quarta geo-tagging e l'”osservatore” ha caricato una foto di Hasina in piedi davanti alla casa con materiale da costruzione adagiato intorno a lei.
  • Il quinto e ultimo geotagging è stato effettuato il 3 novembre 2021 quando la casa è stata completata. L'immagine caricata mostra Hasina in piedi davanti alla sua casa di nuova costruzione. La parete anteriore della casa aveva un timbro dello schema che mostrava il nome e l'ID del beneficiario e menzionava che la casa era stata approvata nel 2019-20 e costruita con una sovvenzione di Rs 2,5 lakh.

< p>Egis ha rifiutato di commentare.

< p>I pagamenti sono stati collegati alla geo-tagging. I registri mostrano che la prima rata di Rs 1 lakh è stata pagata sul conto bancario di Hasina il 28 ottobre 2020; il secondo di Rs 1 lakh è stato accreditato il 31 marzo 2021 e l'ultima rata di Rs 50.000 è stata accreditata il 4 aprile 2022.

I registri mostrano che durante il periodo di costruzione, tra il 24 gennaio 2021 e maggio 10, 2021 — il geotagging ha registrato che gli allacciamenti elettrici, idrici e fognari non erano disponibili in cantiere. Tuttavia, una volta completata la casa, sono stati forniti tutti questi collegamenti.

Altro da Political Pulse

Fai clic qui per ulteriori informazioni

La casa di Hasina è stata costruita nell'ambito della costruzione di 1480 unità abitative a Khargone per la sezione economicamente più debole (EWS) nell'ambito della verticale Beneficiary Led Construction (BLC) del Pradhan Mantri Awas Yojana-Urban.

Sotto BLC , il beneficiario ammissibile dovrebbe avere diritti di proprietà su un terreno o una patta o ricevute fiscali sulla proprietà del terreno in cui il beneficiario vuole costruire la casa. In questo caso, la casa di Hasina è stata approvata da Nagar Palika, Khargone sulla base delle entrate fiscali.

Per inciso, il paragrafo 7.8 delle linee guida dello schema, diffuso dal Centro a tutti gli stati, impone la geo-tagging per il monitoraggio. Le linee guida rendono inoltre obbligatorio per le autorità statali registrare “se è stato assicurato che i beneficiari selezionati abbiano la legittima proprietà della terra”, ed è responsabilità dell'ente locale urbano verificare le informazioni fornite dal beneficiario e controllarle ammissibilità.

Quando sono stati contattati, i funzionari di Nagar Palika, Khargone, affermano che “la geo-tagging è stata eseguita da un'agenzia di terze parti” e non hanno fornito ulteriori dettagli.

Hasina Fakhroo mostra le foto della sua casa “kuccha” e del suo PM Awas.

Avvisi a Hasina

Dopo quattro round di geotagging e trasferimento di Rs 2 lakh all'account del beneficiario, i registri mostrano che il primo avviso è stato emesso a Hasina dal Nagar Tehsildar, Khargone, il 17 settembre, 2021.

Questo avviso affermava che la famiglia aveva invaso la terra del governo, sotto Khasra n. 379, che misurava 900 piedi quadrati: una casa pucca su un'area di 12&30 piedi e una casa kachcha di 18&30 piedi.

< p>Il 28 settembre 2021, Hasina ha risposto dicendo che lei, una “vedova”, aveva “costruito la casa su detto terreno per scopi residenziali della sua famiglia dopo che era stata approvata a nome di suo marito sotto Pradhan Mantri Awas Yojana”. Ha detto che la sua famiglia non aveva un'altra casa.

Il 7 aprile 2022, il Tehsildar (Khargone Nagar), ha informato la famiglia che il tribunale di Tehsildar aveva emesso un'ordinanza il 10 marzo 2022, che la famiglia aveva invaso un terreno del governo, che misurava 900 piedi quadrati sotto Khasra n. 379, Khaskhaswadi , Birla Marg, Khargone, senza l'approvazione dell'autorità competente.

Hasina e il figlio Amjad hanno affermato di non aver mai ricevuto l'ordine del 10 marzo. Alla domanda se l'ordine le fosse stato comunicato, i funzionari hanno rifiutato di commentare.

Il 7 aprile, il tribunale ha dato un ultimatum di tre giorni a Hasina per rimuovere l'invasione, informare per iscritto il tribunale di Tehsildar, in caso contrario l'amministrazione avrebbe rimosso l'invasione “illegale” e avrebbe recuperato il costo della rimozione.

< p>Il 9 aprile, la famiglia ha risposto all'avviso che aveva una casa kachcha sul terreno di 900 piedi quadrati dove aveva vissuto negli ultimi 40 anni. Ha detto di aver ricevuto una sovvenzione nell'ambito del programma PAY-U con cui ha costruito la sua casa. Pertanto, non dovrebbe essere sfrattata dalla casa, ha affermato Hasina.

Il giorno successivo, durante una processione di Ramnavami sono scoppiati degli scontri e almeno 10 case sono state date alle fiamme a 1 km dalla casa di Hasina.

Il giorno successivo, la sua casa era tra una dozzina di strutture, demolite dai amministrazione.

12 case sono state demolite nell'ambito della campagna contro le proprietà illegali.

Ha detto Hasina:“Jab todna tha toh hamari kothi kyon pass ki? (Quando doveva essere demolita, allora perché hanno approvato la nostra casa?)”

I funzionari hanno detto che la casa PAY è stata approvata per un indirizzo diverso, ma si sono rifiutati di fornire dettagli quando gli è stato chiesto di quell'indirizzo.

L'Indian Express ha trovato tre indirizzi in documenti relativi ad Hasina.

Uno, la casa demolita si trova a Khasra 379, Khaskhaswadi, Birla Marg; nella sua dichiarazione giurata depositata il 21 ottobre 2020, Hasina ha chiesto un “ampliamento” della loro casa nel rione n. 11, Khaskhaswadi Mohalla. Hasina e suo figlio affermano che questi sono entrambi gli stessi indirizzi: l'Indian Express ha visitato il reparto n. 11 e non è riuscito a rintracciare nessuna casa di Hasina.

Un terzo indirizzo figura in un record datato novembre 2020, correlato alla domanda di assistenza di Hasina sotto Rashtriya Parivar Sahayata Yojana, in base alla quale vengono forniti 20.000 rupie per la morte del “capofamiglia principale” di una famiglia che vive al di sotto della soglia di povertà. Ciò menziona la strada n. 6 a Khaskhaswadi Ward n. 11. L'Indian Express ha visitato la zona e la gente del posto ha detto che non c'era la strada numero 6.

Su queste discrepanze, un funzionario ha detto: “Ha costruito la casa a un luogo che non è stato approvato. Ha ricevuto l'avviso, avrebbe dovuto interrompere la costruzione”.

Alla domanda sul motivo per cui è stata eseguita la geo-tagging e i pagamenti sono stati effettuati, il funzionario ha detto: “Questo è un problema di terze parti, l'hanno contattata direttamente”. Alla domanda se fosse a conoscenza del georeferenziamento della casa di Hasina e che i pagamenti erano stati effettuati sul suo account anche quando ha ricevuto notifiche, il collezionista Anugraha non ha commentato.