Spiegazione: cosa hanno detto Tilak, Gandhi e Nehru sulla sezione 124A dell'IPC, la legge sulla sedizione

0
28

Mentre Bal Gangadhar Tilak è stato accusato di sedizione tre volte, anche Mahatma Gandhi e Jawaharlal Nehru sono stati processati secondo la legge. (Archivio Express)

Mercoledì (11 maggio), la Corte Suprema ha sospeso tutti i processi pendenti, i ricorsi e i procedimenti relativi alla Sezione 124A, che tratta dell'accusa di sedizione, fino al governo dell'Unione completa il suo esercizio di revisione della disposizione dell'era coloniale.

La corte sta ascoltando una serie di petizioni per annullare la legge, che è stata utilizzata dagli inglesi contro diversi leader della lotta per la libertà dell'India. Martedì, l'avvocato senior Kapil Sibal ha citato le dichiarazioni rilasciate dal Mahatma Gandhi e Jawaharlal Nehru sulla sezione 124A e ha affermato di volere che la disposizione fosse cancellata.

Anche in Explained |Perché l'ordine della Corte Suprema blocca virtualmente il funzionamento della legge sulla sedizione < p>Quali sono stati alcuni dei principali casi di sedizione intentati contro i leader nazionalisti dal governo coloniale e cosa hanno detto sulla legge?

Bal Gangadhar Tilak

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Il meglio di Express Premium

Premium

Spiegazione: perché il crash di Luna ha sollevato domande sulla stabilità delle criptovalute …

Premium

Aviation Secy, la moglie ottiene biglietti Air India a tariffa ridotta per USA, passa a Busi…

Premium

Oroscopo di oggi, 14 maggio 2022: Gemelli, Ariete, Pesci e altri segni — cap…< figura>Premium

Ferro nel Tamil Nadu 4.200 anni fa: una nuova datazione e il suo significatoAltre storie premium >>

Il Lokmanya è stato processato per sedizione tre volte ed è stato imprigionato due volte.

Nel 1897 fu accusato di sedizione per "eccitazione e tentativo di suscitare sentimenti di disaffezione nei confronti del governo pubblicando alcuni articoli" nel (suo giornale) il Kesari nel numero del 15 giugno 1897" .

Il governo ha anche affermato che un discorso pronunciato da Tilak, in cui si riferiva all'uccisione del generale Adilshahi Afzal Khan da parte di Shivaji nel 1659, aveva istigato l'assassinio del commissario per la peste di Poona, Walter Rand , dai rivoluzionari fratelli Chapekar nel 1897.

Nell'aprile 1908, i rivoluzionari adolescenti Khudiram Bose e Prafulla Chaki uccisero accidentalmente due donne europee a Muzaffarpur in un attentato dinamitardo contro il magistrato britannico Douglas Kingsford. Chaki si è sparato prima che potesse essere arrestato; Bose è stato arrestato e impiccato. Tilak pubblicò una forte difesa dei rivoluzionari a Kesari e fu prontamente arrestato con l'accusa di sedizione.

Nel luglio dello stesso anno, Tilak fu accusato di “fonte di odio, disprezzo ed eccitante slealtà e sentimenti di inimicizia verso Sua Maestà e il governo ” attraverso i suoi scritti in Kesari.

Best of Explained

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Aveva scritto: “Questo, senza dubbio, ispirerà molti odio contro le persone appartenenti al partito dei ribelli. Non è possibile far scomparire il dominio britannico da questo paese con azioni così mostruose. Ma i governanti che esercitano un potere illimitato devono sempre ricordare che c'è anche un limite alla pazienza dell'umanità.”

Tilak ha rifiutato un avvocato e ha scelto di perorare la propria causa. Durante la sua difesa, ha attaccato a gran voce l'accusa di sedizione. Ha sostenuto che in quanto suddito britannico aveva diritto a determinati diritti legali, come la libertà di espressione che gli erano stati negati. “Il punto è se fossi nei miei diritti e se un suddito di Sua Maestà in India può o non può godere della stessa libertà di cui godono i sudditi britannici in patria e gli anglo-indiani qui fuori,” ha detto alla corte.

Ha sottolineato che l'accusa non era stata in grado di provare né che avesse intenzioni criminali nei suoi scritti né che queste intenzioni criminali fossero state in grado di influenzare la società in generale. Tilak è stato dichiarato colpevole e condannato a sei anni’ imprigionamento con i mezzi di trasporto.

Editoriale |Sulla sedizione, il governo ha tentato di salire su un'altura, invocando l'intenzione di PM. L'apice court lo ha messo alla prova

Mahatma Gandhi

Nel marzo 1922, Gandhi fu accusato di sedizione per aver scritto tre articoli sul suo settimanale Young India. Anche Shankarlal Banker, il proprietario del giornale, è stato accusato ai sensi della Sezione 124A dell'IPC.

Piuttosto che dichiararsi innocente per l'accusa di diffondere disaffezione (sedizione), Gandhi dichiarò che poiché non aveva alcun affetto per il governo coloniale, era suo dovere morale disobbedire a leggi ingiuste. Sibal ha ricordato che Gandhi aveva descritto la sezione 124A come “il principe tra le sezioni politiche del codice penale indiano progettate per sopprimere la libertà del cittadino”.

Gandhi ha anche detto: “L'affetto non può essere fabbricato o regolato dalla legge. Se uno non ha affetto per una persona o un sistema, dovrebbe essere libero di dare la massima espressione alla sua disaffezione, purché non contempli, promuova o inciti alla violenza. Ma la sezione in cui siamo accusati il ​​signor Banker ed io è quella in cui la mera promozione della disaffezione è un crimine. Ho studiato alcuni dei casi processati ai sensi di esso (Sezione 124A) e so che alcuni dei più amati patrioti indiani sono stati condannati in base a esso. Considero un privilegio, quindi, essere imputato a quella sezione.”

Gandhi, quindi, invertì l'associazione morale e politica della sedizione, annunciando che la diffusione del disamore nei confronti di un governo immorale era necessario per coloro che si consideravano nazionalisti.

Nel suo articolo pubblicato nel 1921, ‘Tampering with Loyalty’, Gandhi scrisse: “…La sedizione è diventata il credo del Congresso. Ogni non collaboratore è impegnato a predicare disaffezione verso il governo stabilito dalla legge. La non-cooperazione, sebbene sia un movimento religioso e strettamente morale, mira deliberatamente al rovesciamento del governo, ed è quindi legalmente sedizioso ai sensi del codice penale indiano.”

Numeri rivelatori |399 casi di sedizione dal 2014 , pendenza alta

Jawaharlal Nehru

Nehru fu accusato di sedizione nel 1930. Come Gandhi, anche lui non si difese in tribunale e si dichiarò colpevole ai sensi della Sezione 124A. Disse al magistrato: “Non ci può essere compromesso tra libertà e schiavitù, e tra verità e falsità. Ci siamo resi conto che il prezzo della libertà è il sangue e la sofferenza — il sangue dei nostri connazionali e la sofferenza dei più nobili della terra — e quel prezzo lo pagheremo in piena misura…” (Citato in Chitranshul Sinha: ‘The Great Repression: The Story of Sedition in India’, Penguin Viking, 2019)

Nonostante sia stata utilizzata dallo stato coloniale per prendere di mira i leader nazionalisti, la sedizione la legge ha continuato ad esistere nell'India indipendente. Tuttavia, Nehru ne ha compreso i problemi e ha detto al Parlamento che “prima ce ne liberiamo, meglio è.

Durante il dibattito sul primo emendamento che imponeva &#8220 ;restrizioni ragionevoli” sul diritto fondamentale alla libertà di parola e di espressione garantito dall'articolo 19, paragrafo 1, lettera A), ha affermato: “Riprendere la sezione 124A del codice penale indiano. Ora, per quanto mi riguarda, quella sezione particolare è altamente discutibile e odiosa e non dovrebbe avere posto sia per ragioni pratiche che storiche, se vuoi, in qualsiasi corpo di leggi che potremmo approvare. Prima ce ne liberiamo, meglio è.”

Newsletter | Fai clic per ricevere le migliori spiegazioni della giornata nella tua casella di posta