Adhir scrive a Shah: assicurati che gli indù pak ​​non siano molestati

0
62

Adhir Ranjan Chowdhury (File)

Giorni dopo che è venuto alla luce che quasi 800 indù pakistani in Rajasthan sono tornati in quel paese l'anno scorso, il leader del Congresso a Lok Sabha Mercoledì Adhir Ranjan Chowdhury ha scritto al ministro dell'Interno dell'Unione Amit Shah e ha chiesto provvedimenti immediati da parte del governo per garantire che i “nostri fratelli indù” non subiscano “molestie” e non debbano tornare in Pakistan “per frustrazione”.

Queste persone erano venute in India in cerca di cittadinanza a causa della persecuzione religiosa in Pakistan.

Attirando l'attenzione di Shah sulla “grave situazione dei rimpatriati indù pakistani in India”, Chowdhury ha scritto che “un gran numero di indù pakistani che erano venuti in India per sfuggire alla persecuzione religiosa hanno dovuto tornare perché non erano in grado di garantire la cittadinanza indiana”.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“Il ministero dell'Interno nel 2018 e di nuovo nel 2021 aveva annunciato che indù, cristiani, sikh, parsi, giainisti e budisti provenienti da Pakistan, Afghanistan e Bangladesh possono richiedere la cittadinanza indiana online. Migliaia e migliaia di indù dal Pakistan sono venuti in India e hanno chiesto la cittadinanza indiana. Tuttavia, a causa del processo lento e macchinoso, ci sono pochi progressi e sono diventati così frustrati da tornare in Pakistan”, ha scritto.

Il meglio di Express Premium< /h3>

Premium

Spiegazione: causa ed effetto dell'aumento dell'inflazione

Premium

L'equazione personale di PM Modi con Xi ha risolto molte crisi: Ajit Doval

Premium

Spiegazione: Per la quinta volta il PM dello Sri Lanka Ranil Wickremesinghe, politico e …

Premium

Inflazione, aumento dei tassi, mercati in calo : what nowAltre storie premium >>

In una seconda lettera, Chowdhury ha chiesto a Shah di ritirare la legge sull'emendamento sulla cittadinanza.

“Sono più di due anni che hai approvato la legislazione mal ponderata chiamata CAA”, ha scritto. “Ma ancora, non sei in grado di implementarlo a causa della sua incostituzionalità intrinseca e manifesta. Ecco perché i rimpatriati indù pakistani stanno tornando in Pakistan per pura frustrazione e disperazione. Questa legislazione draconiana non può essere attuata perché è una legislazione rivolta a una comunità particolare. È contro i principi e i fondamenti fondamentali della nostra etica costituzionale.”

Il leader del Congresso ha affermato che il valore alla base della costituzione indiana è “vivere e lasciar vivere”. “E quindi, sono sicuro che questa legislazione mirata contro una particolare comunità non resisterà al controllo giudiziario”, ha affermato. “Forse lo sai bene ed è per questo che nonostante il passaggio della Legge da più di due anni, non sei riuscito a inquadrare nemmeno le rudimentali regole del CAA.”

Sottolineando che “il mondo ci osserva e ci ha etichettato come un Paese di particolare interesse per quanto riguarda la libertà religiosa,” Chowdhury ha scritto: “è importante preservare i fondamenti del nostro governo, cioè il secolarismo e la giustizia sociale. Altrimenti, la nostra grande civiltà radicata in valori secolari e tolleranti sarà offuscata in modo irreparabile. Vi invito a ritirare la legislazione CAA nell'imminente sessione monsonica del Parlamento, come le tre controverse leggi agricole”.

Chowdhury, nella sua prima lettera, ha affermato che il governo pakistano sta costringendo molti di coloro che sono tornati a dire di essere stati maltrattati in India. “La parte peggiore è che dopo il loro ritorno (indù pakistani), sono stati usati dalle agenzie pakistane per diffamare l'India. Vengono mostrati davanti ai media e costretti a dire che sono maltrattati in India”, ha scritto.

Evidenziando i difetti del sistema, ha affermato: “Sebbene l'intero processo sia online, il portale non accetta passaporti pakistani scaduti, costringendo le persone in cerca di rifugio a correre all'Alto Commissariato pakistano a Delhi per farsi rinnovare i passaporti per una grossa somma”.

Chowdhury ha scritto: “Queste persone vengono in India in mezzo a grandi difficoltà finanziarie e sborsare una somma esorbitante per il rinnovo del passaporto pachistano è davvero difficile per loro. La condizione di questi indù pakistani rimpatriati in India è miserabile, terribile e patetica. Non sono né qui né là. Vi esorto a prendere misure immediate e appropriate affinché i nostri fratelli indù non subiscano molestie e non debbano tornare in Pakistan per la frustrazione”.