Scindia dice che indagherà IndiGo sul “negare” l'imbarco a bambini con bisogni speciali, assicura l'azione

0
58

Il ministro dell'aviazione civile dell'Unione Jyotiraditya Scindia.

Un giorno dopo l'incidente all'aeroporto di Ranchi, che ha coinvolto la compagnia di bandiera IndiGo ha negato l'imbarco a un bambino con disabilità >r, è venuto alla luce, il ministro dell'Aviazione civile Jyotiraditya Scindia ha dichiarato su Twitter che sta “indagando sulla questione da solo, pubblicando quale azione appropriata verrà intrapresa”. IndiGo, da parte sua, ha dichiarato lunedì di aver preso la “migliore decisione possibile in circostanze difficili”.

Scindia ha twittato: “Non c'è tolleranza verso tale comportamento. Nessun essere umano dovrebbe passare attraverso questo! Indagando sulla questione da solo, pubblicando quale azione appropriata verrà intrapresa”.

L'incidente, avvenuto sabato, è stato portato alla luce in un post Facebook condiviso domenica da un viaggiatore presente in aeroporto. Manisha Gupta, l'autrice del post, ha scritto che il personale di IndiGo all'aeroporto di Ranchi non ha permesso al bambino di salire a bordo dell'aereo, affermando che “era un rischio per gli altri passeggeri”.

In una dichiarazione lunedì, Il CEO di IndiGo Ronojoy Dutta ha dichiarato: “Durante il processo di check-in e imbarco il nostro intento era ovviamente quello di portare la famiglia, tuttavia, nell'area di imbarco l'adolescente era visibilmente in preda al panico”.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“Sebbene fornire un servizio cortese e compassionevole ai nostri clienti sia di fondamentale importanza per noi, il personale dell'aeroporto, in linea con le linee guida sulla sicurezza, è stato costretto a prendere una decisione difficile sul fatto che questo trambusto si sarebbe propagato a bordo dell'aeromobile. Dopo aver esaminato tutti gli aspetti di questo incidente, noi come organizzazione siamo del parere di aver preso la migliore decisione possibile in circostanze difficili”.

Nella dichiarazione, Dutta ha aggiunto che l'azienda ha offerto “sincere rimpianti” alla famiglia colpita per la loro esperienza e “come piccolo segno del nostro apprezzamento per la loro dedizione per tutta la vita, vorrei offrire l'acquisto di una sedia a rotelle elettrica per il loro figlio”. /p>

L'incidente è anche oggetto di indagine da parte dell'autorità di regolamentazione della sicurezza aerea DGCA. “Stiamo esaminando (l'incidente) e prenderemo le misure appropriate”, ha detto il capo della DGCA Arun Kumar a The Indian Express. Anche la Direzione Generale dell'Aviazione Civile (DGCA) ha chiesto un rapporto dettagliato alla compagnia aerea sull'incidente.

Gupta ha notato nel suo post su Facebook che c'era una delegazione di medici sullo stesso volo che ha chiesto il posto a terra personale per convincere il medico dell'aeroporto a fare una visita sulla forma fisica del bambino e ha offerto “pieno supporto” al bambino e ai suoi genitori durante il volo.

“Questo bambino è incontrollabile. È in uno stato di panico”, il manager di Indigo continuava a urlare e a dirlo a tutti. Ma tutto ciò che potevamo vedere era un giovane adolescente, seduto molto tranquillamente su una sedia a rotelle, terrorizzato dal modo in cui veniva chiamato come un rischio per il mondo normale. ‘L'unica persona in preda al panico sei tu, una passeggera ha ribattuto”, ha scritto Gupta.