La situazione di stallo del Ladakh mostra che la Cina intende mantenere viva la questione dei confini, afferma il capo dell'esercito Gen Pande

0
42

Il capo dell'esercito Manoj Pande ha affermato che “negli ultimi due anni abbiamo preso la decisione di riequilibrare e riorientare le nostre forze per affrontare la situazione nel Ladakh orientale”. (Express File Photo di Amit Mehra)

Anche se i due paesi sono coinvolti in discussioni per trovare una soluzione alla situazione di stallo durata oltre due anni nel Ladakh orientale, l'intero episodio sembra indicare che la Cina non ha l'intenzione di trovare una soluzione tempestiva alla questione del confine generale, < strong>Il capo dell'esercito generale Manoj Pande ha dichiarato lunedì.

Nella sua prima interazione formale con i media, Pande ha affermato che quando si tratta della Cina, “la questione fondamentale rimane la risoluzione dei confini”. Stava parlando nel contesto della più ampia questione del confine instabile di 3488 km tra i due paesi.

“Quello che vediamo è che l'intento della Cina è stato quello di mantenere viva la questione dei confini”, ha detto Pande, che ha assunto la carica di nuovo capo dell'esercito il 1 maggio. “Ciò di cui abbiamo bisogno è un approccio dell'intera nazione” per affrontare la questione nel suo interamente. “Nel dominio militare, questo serve per prevenire e contrastare qualsiasi tentativo di alterare lo status quo al LAC (Line of Actual Control)”, ha affermato.

https://images.indianexpress.com/2020/08 /1×1.png

Parlando della situazione di stallo nel Ladakh orientale, ha espresso la speranza che la soluzione per i punti di attrito dell'equilibrio venga trovata attraverso il dialogo. Pande ha affermato che attraverso il dialogo tra i comandanti di corpo delle due parti, “molte aree di attrito sono state risolte dopo aver parlato tra loro”. Per quanto riguarda le aree di equilibrio, in cui il disimpegno non è ancora avvenuto, tra cui Hot Springs, Depsang Plains e Demchok, Pande ha affermato che “possono essere risolte solo attraverso il dialogo” e ha aggiunto: “è positivo che stiamo parlando e interagendo l'uno con l'altro .”

Il meglio di Express Premium

Premium

L'università centrale impone una multa a KPMG, il partner ora agisce da V-C

Premium

Il governo UP progetta un nuovo look di Ayodhya: strade larghe, telecamere a circuito chiuso, aeroporto internazionalePremium

Spiegazione: cosa potrebbero significare i nuovi ritrovamenti nel sito di Harappan

Premium

Il conflitto in Ucraina non farà sì che Biden abbandoni la strategia indo-pacificaAltre storie premium >> Da non perdere | “Due anni dopo l'aggressione cinese nel Ladakh orientale, è tempo di cambiare la narrativa”

“Le nostre truppe continuano a ricoprire posizioni importanti lungo il LAC. Ha detto che la guida per le truppe è quella di “avere una posizione ferma e risoluta” per “impedire qualsiasi tentativo di alterare lo status quo”. L'”obiettivo e l'intenzione dell'esercito, per quanto riguarda la situazione, è di ripristinare lo status quo ante prima dell'aprile 2020″. Ha affermato che “l'obiettivo è anche ristabilire la fiducia e la tranquillità da entrambe le parti”.

Tuttavia, ha aggiunto, “non può essere una faccenda a senso unico. Gli sforzi dovrebbero essere fatti da entrambe le parti.”

Pande ha affermato che “negli ultimi due anni abbiamo preso la decisione di riequilibrare e riorientare le nostre forze per affrontare la situazione nel Ladakh orientale”. Anche se c'è una “rivalutazione e rivalutazione della nostra preparazione”, ha affermato, aggiungendo, “abbiamo una posizione solida sul LAC” e “forze adeguate per affrontare tutte le contingenze”.

Opinione | Un'occasione persa per le relazioni India-Cina

Per quanto riguarda l'introduzione di nuove tecnologie lungo tutto il confine settentrionale, Pande ha affermato che “l'obiettivo è stato il potenziamento delle nostre capacità di intelligence, sorveglianza e ricognizione (ISR)” e la costruzione di infrastrutture a supporto la logistica. “L'introduzione e l'incorporazione di nuove tecnologie in queste aree fa parte del processo in corso di sviluppo delle capacità nel Ladakh orientale e lungo l'intero confine settentrionale.”

Ha definito la risoluzione della situazione al confine con la Cina una delle principali sfide di fronte a lui come capo dell'esercito. Il secondo “imperativo”, ha affermato, sono gli “sforzi per la modernizzazione, la trasformazione e la ristrutturazione dell'esercito”.

“Man mano che andiamo avanti, dovremo continuare a rimanere preparati per l'intero spettro di conflitti”, ha affermato, “dal conflitto convenzionale a quello della zona grigia e non convenzionale”. L'esercito continuerà a modernizzarsi, sulla base dell '”analisi dei vuoti di capacità basata sulla percezione della minaccia”. Ha affermato che per la preparazione operativa, l'esercito “esamina costantemente la minaccia”.

Leggi anche | Speciale da esprimere: “Due anni dopo l'aggressione cinese nel Ladakh orientale, è tempo di cambiare la narrativa”

Attraverso lo sviluppo delle capacità, lo “stato finale” avere un esercito indiano “come una forza moderna, pronta al combattimento e strutturata in modo ottimale” che è “capace di vincere merci attraverso l'intero spettro del conflitto”.

Alla domanda sulle lezioni apprese dalla guerra in corso tra Russia e Ucraina, Pande ha detto, ci sono state diverse “lezioni importanti”. “Il primo è che la rilevanza della guerra convenzionale rimane ancora. Stiamo vedendo molte piattaforme – cannoni di artiglieria, cannoni per la difesa aerea, razzi, missili e carri armati impiegati in questa guerra in un modo o nell'altro. Ci dice anche che le guerre non devono essere necessariamente brevi e rapide. Potrebbe prolungare in un modo in cui è l'attuale conflitto.”

La seconda importante lezione, ha detto, sarebbe “per noi cercare di essere autosufficienti in termini di armi, armamenti, equipaggiamento e pezzi di ricambio dall'esterno. Dipendiamo da alcuni sistemi d'arma, soprattutto nell'area della difesa aerea, razzi, missili e alcuni carri armati provenienti da Russia e Ucraina”. Ha ribadito che “aumentare l'autosufficienza e diminuire la nostra dipendenza da fonti esterne è una lezione importante”. Ha detto che l'esercito sta lavorando nell'ambito della campagna governativa di Aatmanibhar.

Ma per quanto riguarda “l'impatto immediato è interessato”, ha sottolineato, “la catena di approvvigionamento di alcuni pezzi di ricambio e munizioni ha avuto un impatto in una certa misura, ma abbiamo scorte adeguate per durare per un periodo di tempo ragionevole”. Pande ha affermato: “stiamo anche esaminando alcune misure di mitigazione alternative, identificando fonti alternative da paesi stranieri amici. A lungo termine, questa è anche un'opportunità per l'industria privata di aumentare la produzione e soddisfare i requisiti.”

Ha menzionato la “guerra senza contatto o non cinetica” come un'altra questione importante, aggiungendo che “la lezione è emersa forte e chiara” che nei domini cibernetici e dell'informazione “abbiamo visto che la battaglia delle narrazioni è stata utilizzata per guadagnare vantaggio sull'avversario. Dobbiamo concentrarci sempre più sui nuovi domini della guerra, concentrarci sullo sviluppo delle capacità”.

Parlando dell'impatto della guerra sull'India, Pande ha affermato che “oltre all'impatto immediato”, ha affermato, “di più è importante sottolineare che l'ordine geopolitico emergente è qualcosa che dovremo monitorare molto da vicino in termini di riallineamento, in termini di nuove alleanze”. Questo, ha aggiunto, “è qualcosa che forse sarà molto chiaro una volta terminato il conflitto. Dobbiamo anche fare attenzione alla posizione e alla posizione dei nostri avversari”.

Un altro aspetto importante è che “l'attenzione delle nostre immediate aree di interesse, l'Afghanistan e l'Indo-Pacifico, non viene distratta su ciò che sta accadendo nella guerra Russia-Ucraina. Questi sono i problemi di cui abbiamo bisogno per continuare a monitorare ed evolvere le nostre risposte a livello nazionale.”