Gli hacker trovano un nuovo modo strano per dirottare i droni DJI

0
189
DJI

Un team di hacker della Michigan State University ha scoperto uno strano nuovo modo per dirottare i droni a marchio DJI. Secondo l'assistente professore di informatica e ingegneria Qiben Yan, questo exploit richiede un solo semplice strumento: una luce molto brillante.

Sebbene i droni DJI siano controllati manualmente da un operatore, utilizzano un sistema di imaging AI per rilevare ed evitare automaticamente gli ostacoli. Una forma più robusta di questo sistema di imaging potrebbe alimentare droni autonomi in futuro, quando aziende come Amazon adotteranno droni per consegne rapide.

RELATEDDJI lancia il drone RoboMaster per bambini con insegnamento del codice

La ricerca di Qiben Yan mostra che, se fai brillare una luce intensa nel sistema di imaging di un drone DJI, questo scambierà questa luce per un ostacolo e si sposterà verso evitare una collisione. Con un sistema avanzato di luci o laser, puoi dirottare un drone attivando il suo sistema di evitamento degli ostacoli e costringendolo a muoversi nella direzione desiderata.

Ora, non devi preoccuparti che un gruppo di spartani dello stato del Michigan rubino il tuo drone. L'assistente professore Yan descrive la sua squadra come “cappello bianco,” il che significa che segnalano hack ed exploit ai produttori di dispositivi. Inoltre, DJI è a conoscenza del problema e non è molto preoccupato.

Ecco una dichiarazione che Adam Lisberg, capo delle comunicazioni nordamericane di DJI, ha fornito a DroneDJ:< /p>

Ci opponiamo fermamente a chiunque descriva questo trucco di illuminazione come “hacking” un drone — non può davvero prendere il comando di un drone, non mette a rischio i dati dei droni e non penetra le forti protezioni di sicurezza informatica di DJI … Eseguirlo nel mondo reale richiederebbe l'accesso senza ostacoli a un drone vicino, movimenti precisi di luci accuratamente calibrate e molta fortuna.

Adam Lisberg ha continuato dicendo che DJI prenderà in considerazione questa ricerca in prodotti futuri, il che è ovviamente una buona idea. Sebbene controllare correttamente un drone con le luci sia estremamente difficile, gli hacker potrebbero utilizzare questo exploit per rimuovere un drone dal controllo del suo operatore, qualcosa che potrebbe portare a un drone rotto (non un grosso problema) o a un drone che cade sulla testa di qualcuno (un grosso problema).

RELAZIONATODJI rilascia il suo drone più conveniente di sempre e ti sta ancora in mano

Questo exploit ha alcune implicazioni anche al di fuori del mondo dei droni. La maggior parte dei veicoli autonomi, comprese le auto a guida autonoma, si affida a sistemi di imaging AI per evitare incidenti o violazioni del codice stradale. Se questi sistemi di imaging possono essere manipolati con qualsiasi mezzo, allora siamo nei guai.

Ecco la buona notizia; Il professore assistente Yan afferma che DJI potrebbe risolvere questa vulnerabilità con software più avanzati o hardware per l'intercettazione della luce. Forse i droni del futuro avranno grandi occhi di plastica che impediscono alla luce intensa di interferire con i loro sistemi di imaging.

Fonte: Michigan State University tramite DroneDJ