Microsoft acquista Activision Blizzard per dare il via al suo Metaverse

0
74
Microsoft

Microsoft acquisirà Activision Blizzard, lo sviluppatore di Call of Duty, World of Warcraft e Candy Crush, per 68,7 miliardi di dollari. Questo accordo, che è l'acquisizione più costosa nella storia di Microsoft, renderà Microsoft la terza società di giochi più grande per fatturato dietro Tencent e Sony. Ma soprattutto, darà il via all'avventura di Microsoft nel metaverso.

Certo, il termine “metaverso” viene sballottato un po' più del dovuto. La maggior parte delle applicazioni VR e AR hanno ben poco a che fare con il metaverse, un mondo virtuale (ancora inesistente) a cui puoi accedere da qualsiasi dispositivo, inclusi TV o telefono.

COLLEGATOL'evento VR “Ignite” di Microsoft si è trasformato in un festival virtuale di Burning Man

Ma Microsoft ha già gettato le basi per un primo metaverso grazie alla sua piattaforma di cloud computing Azure, che alimenta Xbox Cloud Gaming e Windows 365. Questi servizi sono le prime incarnazioni del futuro metaverso; funzionano su tutte le piattaforme e offrono agli utenti l'accesso on-demand ai dati che normalmente si trovano a casa o in ufficio.

Come spiegato dal CEO di Microsoft Satya Nadella, che ha sostenuto lo sviluppo di Azure all'interno dell'azienda, i giochi “giocheranno un ruolo fondamentale nello sviluppo delle piattaforme metaverse.” Solo gli sviluppatori di giochi possono creare un mondo virtuale immersivo sull'infrastruttura cloud di Azure e Activision Blizzard è particolarmente utile in questo tipo di sviluppo grazie alla sua conoscenza dell'IA e del software mobile.

Ecco come Satya Nadella spiega il metaverso di Microsoft in una teleconferenza con Activision Blizzard:

Abbiamo bisogno di supportare molte piattaforme metaverse, nonché un solido ecosistema di contenuti, commercio e applicazioni. Nei giochi, vediamo il metaverso come un insieme di comunità e identità individuali ancorate a franchise di contenuti forti, accessibili su ogni dispositivo. E l'unione di un fantastico intrattenimento con nuove tecnologie, comunità e modelli di business è esattamente l'obiettivo di questa transazione.

Sì, la visione di Microsoft del metaverso sembra molto meno aziendale di quella su cui si sta concentrando Mark Zuckerberg. Non credo che vedrai Microsoft guidare con orgoglio la carica per le riunioni in ufficio VR o le pubblicità VR—beh, non per i prossimi anni, almeno.

Ma sia Meta che Microsoft condividono qui un obiettivo di base; prendi le comunità esistenti e mettile in un universo sempre online per rafforzare la loro connessione e renderle più accessibili alle aziende. Satya Nadella afferma che il metaverso di Microsoft rimuoverà tutte le barriere tra “contenuto, consumo e commercio” da “intersecare comunità globali radicate in forti franchise.”

RELATEDProvare i laboratori VR Horizon di Facebook sembrava il futuro che nessuno abbraccerà

I passaggi che portano a questo metaverso sono un po' un mistero. Dopotutto, l'acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft non è uno schema a breve termine. Ma sappiamo alcuni cambiamenti che avverranno dopo che l'accordo sarà concluso. Microsoft afferma che gran parte dei contenuti di Activision Blizzard arriverà su Game Pass, anche se Microsoft prevede di continuare a supportare i contenuti di Activision Blizzard su piattaforme di terze parti.

Ci sono alcune cose dell'ultimo minuto da segnalalo qui. Innanzitutto, Microsoft afferma che Bobby Kotick continuerà a ricoprire il ruolo di CEO di Activision Blizzard (sotto la supervisione del nuovo CEO di Microsoft Gaming, Phil Spencer). È una mossa strana che si riflette negativamente su entrambe le società, dati i recenti rapporti secondo cui Bobby Kotick ha ignorato le accuse di cattiva condotta sessuale all'interno di Activision Blizzard. L'anno scorso, oltre 2.000 ex e attuali dipendenti di Activision Blizzard hanno firmato una petizione per chiedere le dimissioni di Kotick.

Inoltre, non vi è alcuna garanzia che Microsoft acquisirà con successo Activision Blizzard. Microsoft è già uno dei più grandi nomi nel settore dei giochi e potrebbe essere oggetto di esame da parte delle autorità di regolamentazione, che attualmente stanno litigando per leggi anti-trust che potrebbero cambiare il modo in cui operano le grandi aziende tecnologiche.

Fonte: Microsoft (1, 2 , 3, 4)