Come installare la nuova beta ottimizzata per Apple M1 di Dropbox

0
71
Apple, Dropbox

Prima d'ora, Dropbox era una delle peggiori applicazioni di archiviazione cloud da eseguire su un Mac M1. Non offriva il supporto nativo di Apple Silicon, quindi sprecava risorse di sistema, inghiottiva RAM e bruciava la durata della batteria. Ma proprio come promesso da Dropbox, la sua ultima versione beta dell'app è finalmente ottimizzata per i Mac M1.

Abbiamo installato la build beta di Dropbox (versione 140.3.1903) e possiamo confermare che offre il supporto nativo di Apple Silicon. Installare questa versione beta è facile: basta visitare la pagina della build beta più recente di Dropbox e selezionare il programma di installazione di macOS X (che funziona anche su macOS 11 e 12, non ti preoccupare).

Funziona! Andrew Heinzman

Questo programma di installazione sostituirà automaticamente qualsiasi versione di Dropbox in esecuzione sul tuo Mac. Tuttavia, suggerisco di verificare che la versione beta sia stata installata correttamente. Espandi l'icona Dropbox nella barra dei menu, fai clic sulla foto del profilo e seleziona Preferenze. Quindi, seleziona “Informazioni su Dropbox” per il tuo numero di versione. Dovresti eseguire Dropbox v140.3.1903 o successivo.

Se desideri ricontrollare che Dropbox sia in esecuzione in modo nativo, fai clic sull'icona Apple sul lato sinistro della barra dei menu e seleziona Informazioni su questo Mac. Quindi, fai clic su Rapporto di sistema, vai alla scheda Applicazioni e cerca Dropbox. Le parole “Apple Silicon” dovrebbe apparire nella colonna all'estrema destra.

Ancora una volta, Dropbox con supporto nativo di Apple Silicon dovrebbe utilizzare meno risorse di sistema e consumare meno batteria rispetto alla vecchia app Dropbox. Tieni presente che questa è un'app beta e, in quanto tale, potrebbe essere un po' instabile.

Dropbox Beta Build 140.3.1903

Installa l'ultima versione Dropbox Beta per sbloccare il supporto M1 nativo (e una migliore durata della batteria) sul tuo Mac.

Installa

 

Fonte: Dropbox