Hillary ha alzato l'accordo per l'elicottero con il governo, i russi hanno spinto l'India troppo lontano: Michel

0
101

Christian Michel è attualmente detenuto nel carcere di Tihar. (Express File Photo)

Nell'aprile 2019, l'Enforcement Directorate (ED) ha presentato una denuncia contro l'agente di armi britannico il presunto ruolo di Christian Michel nel caso AgustaWestland e le sue dichiarazioni durante l'interrogatorio in custodia. L'addebito riguarda principalmente tranche per un totale di 42 milioni di euro che AgustaWestland avrebbe pagato a Michel e ai suoi dispacci che alludevano a presunti pay-off politici.

Ma la serie completa di dichiarazioni di custodia, accessibili da The Indian Express, rivela molto di più, da quello che secondo Michel è stato un intervento del Segretario di Stato americano Hillary Clinton a presunte discussioni nel Cabinet Committee on Security (CCS).

Inoltre Leggi | Il Primo Ministro (Manmohan) che chiede al Gabinetto di Agusta ci ha gettato ai lupi: Michel

Sabato, The Indian Express ha riferito che Michel ha affermato di aver esercitato pressioni sull'accordo Chopper e poi sul governo UPA quando, come lo descrive, l'accordo era “sull'orlo del precipizio” prima di essere siglato nel 2010. Sabato ha segnato anche tre anni da quando Michel è stato estradato da Dubai.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Nei dispacci ad AgustaWestland sugli sforzi disperati compiuti per annullare l'accordo da parte dei concorrenti, principalmente statunitensi produttore di aerei Sikorsky e i russi, Michel scrive su come Clinton avrebbe accettato l'accordo con l'elicottero VVIP con l'allora primo ministro Manmohan Singh, portando a un frenetico giro di lobby e controllo dei danni.

Leggi anche |Accordo Agusta Westland: i dettagli chiave degli accusati su come sono state pagate le tangenti, collegamenti al nipote, figlio di Kamal Nath

Il primo riferimento a questo arriva in un dispaccio datato 4 dicembre 2008: “La scorsa settimana, Sikorsky ha inviato una lettera al Segretario affermando che AgustaWestland aveva mostrato favoritismi indebiti e gli adempimenti finanziari sono stati trascurati. La lettera minacciava azioni legali. In breve, lui (il funzionario Sikorsky) ha accusato il CNC (Comitato per la negoziazione dei contratti) di essere compromesso e con un nuovo governo in arrivo che indagherà su tutte le azioni…”

Leggi anche | L'intermediario di AgustaWestland Christian Michel in sciopero della fame, parente “ritardo” nel processo

Il 28 agosto 2009, Michel ha inviato un dispaccio alla società che descrive il presunto intervento dell'allora Segretario di Stato americano. “Dal 19 luglio (2009) al 23, Hillary Clinton ha visitato l'India. Ha avuto incontri con il Primo Ministro indiano… ha sollevato un punto che non era nell'agenda (perché l'India sta comprando il 101? Come può farlo l'India?),” scrive in un apparente riferimento all'AW-101 di AgustaWestland.

Le migliori notizie in questo momento

Fare clic qui per ulteriori informazioni

Per mantenere “buono” Relazioni bilaterali India-USA come “sua eredità,” Michel afferma in un fax, il PM “ha promesso di esaminarlo.”

Nei dispacci, Michel afferma che alla riunione del Comitato di gabinetto per la sicurezza (CCS), il Primo Ministro ha chiesto a tutti i ministri di sollevare eventuali domande sull'accordo al Ministero della Difesa — e che dovrebbero ricevere risposta prima che il fascicolo del contratto venga inviato al comitato per la seconda volta.

Michel afferma che lui e il team AgustaWestland sono stati “storditi” dall'”aggressività” degli americani e rinforzati la seconda nota CCS. L'accordo è stato approvato durante la seconda riunione del CCS.

Leggi anche | Accordo AgustaWestland: il tribunale respinge le richieste di cauzione dell'intermediario Christian Michel

Secondo Michel, l'intervento del primo ministro ha avuto due scopi: placare gli americani e respingere le obiezioni.

Le pretese obiezioni sollevate dall'allora ministro delle finanze Pranab Mukherjee trovano menzione anche nei dispacci citati nella denuncia dell'ED. In un dispaccio datato 31 luglio 2009, Michel scrive: “Ciò che ha fatto il Primo Ministro è eliminare ogni ostacolo all'eliminazione del fascicolo. Tutte le domande che qualsiasi ministro potrebbe avere riceveranno risposta. Se il ministro delle finanze desidera creare problemi, questo processo dovrebbe superarlo in astuzia e possiamo aspettarci un passaggio regolare del nostro fascicolo al CCS.''

Nello stesso dispaccio, scrive: “Pensiamo che le finanze Il ministro ora sta bene… In questo momento l'intera squadra si è mossa con ogni connessione possibile. Se questa squadra non fosse stata al suo posto, il VIP (accordo chopper) non sarebbe mai stato in grado di superare questo periodo.”

I registri degli interrogatori mostrano che in risposta alle domande sul suo accesso ai procedimenti CCS, Michel ha affermato che ciò era dovuto principalmente agli sforzi dei diplomatici britannici. “Non ho mai avuto accesso o utilizzato informazioni riservate del Ministero della Difesa per inclinare l'accordo a favore di AgustaWestland. Tutto ciò che io e il mio team abbiamo fatto è stato accedere alle informazioni rese disponibili gratuitamente per migliorare la trasparenza dell'accordo”, ha affermato.

Nel secondo dispaccio, afferma che “senza il nostro canale politico, l'ambasciatore e Jeff Hoon (ex ministro della Difesa britannico) avremmo probabilmente scoperto il loro bluff, avremmo optato per l'escalation (del prezzo) e avremmo perso l'accordo”

Durante l'interrogatorio, Michel ha anche dettagliato il presunto approccio russo: “I russi si sono svegliati. Si erano improvvisamente resi conto che stavano per perdere il VIP (accordo chopper). Stava per andare avanti senza di loro, quindi hanno lanciato un attacco diplomatico e mediatico.”

Confrontato durante l'interrogatorio con un dispaccio del 10 aprile 2008, gli atti mostrano che Michel ha parlato di come è stata affrontata la competizione russa. “I russi pensavano di sapere cosa stavano facendo e hanno spinto l'India troppo oltre. È stato deliberato dalla parte della Russia e non è stato un caso, tranne per il fatto che l'India intendeva ciò che diceva loro e che i russi non lo sapevano”, scrive.

Secondo i documenti, Michel ha affermato che la parte russa ha anche rifiutato di dare un'offerta cauzionale o di firmare un patto di integrità per evitare un “precedente”. Rispondendo alle domande, Michel ha affermato: “I russi sentivano che se l'avessero fatto avrebbero dovuto farlo da lì in poi e volevano essere trattati in modo diverso: qualcuno, qualcuno, molto vicino a loro di cui si fidavano implicitamente doveva averlo detto loro per non tirarsi indietro. Quindi i russi hanno chiamato il bluff dell'India e l'India li ha buttati fuori…”

Parlando con The Indian Express, l'avvocato di Michel, Aljo K Joseph, ha affermato che il processo di Michel “comincerà solo dopo che le indagini saranno state completate”. Secondo lui, “Michel è in sciopero della fame e le sue condizioni di salute sono precarie: la prigione di Tihar fornirà assistenza medica, se necessario.”

(Domani: come il caso di corruzione ha fondato altri progetti di difesa)

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd