“È molto importante avere un'arte pubblica”: Paresh Maity

0
58

"Il COVID-19 ha ribadito l'importanza di prendersela con calma e contemplare le cose… i miei colori sono diventati più puri. Mi sono concentrato maggiormente sull'espressione," Paresh Maity ha detto.

La tua mostra alla galleria CIMA di Calcutta, “Noise of Many Waters”, cattura il tuo fascino per l'acqua, sia come soggetto che come mezzo (acquerello). Puoi parlarne?

L'acqua è la fonte della vita. Sono cresciuto nel villaggio di Tamluk nel Bengala occidentale, circondato da canali e fiumi. È difficile allontanarmi dall'acqua, è il mio cuore e la mia anima. La natura è la fonte ultima della mia arte. Quando vedo qualcosa, visualizzo il suo riflesso sull'acqua, i colori cambiano ogni momento. Fin dall'inizio, dipingo ad acqua e anche il mezzo è principalmente l'acquerello. È un mezzo impegnativo e non puoi davvero cambiare molto se vacilli. O hai successo o sei un fallimento, motivo per cui pochissimi artisti ci lavorano.

All'età di sette anni, avevi deciso di voler diventare un'artista e, in seguito, hai viaggiato chilometri per inseguire quel sogno. Puoi condividere questo viaggio?

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Da bambino, ero molto ispirato dalle miniature, dall'arte tribale e dall'argilla modellazione. Ricordo di aver realizzato il mio primo dipinto all'età di sette anni. Ho strappato un pezzo di carta dal mio taccuino e ho realizzato un paesaggio.

I colleghi di mio padre insistevano perché facessi esami di ammissione congiunti per medicina e ingegneria, ma io volevo studiare arte. Quindi, sono scappata a Delhi, ed è stato allora che la mia famiglia ha accettato di farmi ammettere al Government College of Art and Craft, a Calcutta. Per sei anni, ho viaggiato per quattro ore e 200 km a tratta per raggiungere il mio college da Tamluk, dal momento che non avevo i soldi per rimanere a Calcutta.

I tuoi paesaggi si sono trasformati per includere più figure e la tavolozza dei colori è diventata più brillante dopo che sei venuto a Delhi, per la tua post-laurea al College of Art. Cosa ha portato a quel cambiamento?

Nel 1990, ho viaggiato in Rajasthan e quella è stata l'apertura di un nuovo mondo per me. I panorami e i colori del deserto hanno influenzato il mio stile e le figure che ho visto hanno iniziato a entrare nel mio lavoro. In effetti, il Bengala e il Rajasthan condividono una lunga storia e ne vedi un riflesso nei dipinti di corte del Rajasthan e negli havelis.

‘Dopo la pioggia’ (1995), acquerello su carta

Nel corso degli anni, ovunque andassi, ho cercato di esplorare e introdurre nel mio lavoro diversi elementi del luogo. Studio la storia, la cultura e l'energia di ogni città. Dipingo anche quando viaggio, i miei materiali mi accompagnano ovunque, da Calcutta a Varanasi a Venezia.

Motivi come le formiche (Procession, 2010) e le campane ricorrono nei tuoi lavori. Alcuni di questi si riflettono nelle installazioni della tua personale in corso “Cast”, presentata da Gallery Art Exposure. Qual è il loro significato?

I ricordi della mia infanzia sono rimasti con me e si riflettono anche nel mio lavoro. A Tamluk, ho visto formiche ovunque. Ammirerei la disciplina con cui si muoverebbero in linea. Alcuni anni fa, quando ho visto una moto Royal Enfield, ho sentito di volerci fare qualcosa. Ho acquistato più di 100 biciclette, le ho smontate e ho creato un'enorme installazione, Processione, con le formiche che strisciano intorno. La mostra in corso alla Birla Academy of Art and Culture, Calcutta, ha un'installazione intitolata Motion, in cui ho usato materiale spazzatura, tra cui biciclette Royal Enfield
e ventilatori a soffitto, per progettare cavallette.

La mostra ha anche un'installazione intitolata Power, dove centinaia di campane si uniscono per formare un toro. Anche queste campane risalgono alla mia infanzia, le vedevo nei templi e al collo degli animali. Un'altra installazione, Birth of the Golden Egg (2018), aveva antiche gabbie di metallo che ho visto in Rajasthan. Mi è stato chiesto di creare qualcosa perché mi ricordavano le galline che avevamo quando ero piccola. Quando davano le uova, le vendevo e usavo i soldi per comprare materiale artistico, fare giocattoli e venderli nel villaggio.

Hai lavorato con una vasta gamma di supporti (dagli acquerelli agli acrilici ) e forme (installazioni, fotografie, film). Quanto è importante sperimentare?

Come artista, è estremamente importante esplorare. Mi piace sperimentare e trasformare; che pone sfide e permette di fantasticare. Finora ho realizzato due cortometraggi e sto lavorando ad altri. The Magic of Monsoons: Montage, Moments, Memories (2011) ha catturato i suoni naturali intorno ai monsoni in tutta l'India, da Calcutta, Goa, a Mumbai e Kanyakumari. The Mystic Melody: A Day in the Golden Desert (2010) è stato girato in Rajasthan. Questi film sono legati alla mia arte, sono stato in questi posti centinaia di volte. L'intento è quello di portare dentro la ricchezza dei luoghi, il misticismo, nelle opere. Al momento, sto lavorando a un film su Varanasi, sulle immagini ei suoni della città, su ciò che si osserva dall'acqua.

‘Il potere’ (2018), scultura in ottone e rame

Il tuo dipinto monumentale Odissea indiana di 7×800 piedi si trova all'aeroporto internazionale Indira Gandhi di Nuova Delhi. Quanto è importante raggiungere le masse con l'arte?

È molto importante avere arte pubblica. Guarda le pitture rupestri della preistoria. In India, stiamo gradualmente lavorando per l'educazione artistica. Indian Odyssey è uno dei dipinti più lunghi del mondo. Ci è voluto quasi un anno per dipingere e fin dall'inizio sapevo che volevo che rappresentasse diverse sfaccettature dell'India, dalla sua diversità al colore, alla ricchezza, alla bellezza e ai suoi diversi stati.

Come hai reagito quando, all'inizio di quest'anno, il tuo ritratto di Subhas Chandra Bose è stato confrontato con l'attore bengalese Prosenjit Chatterjee, che interpreta Bose nel film biografico del 2019 Gumnaami.

Non mi preoccupo da tutto questo, altrimenti non potrò dipingere. Il ritratto è venuto dalla famiglia e so cosa ho fatto. Sono cresciuto ascoltandolo e ammirandolo. Per me, Bose è stato un grande eroe da dipingere.

Perché lavori solo di giorno? Il COVID-19 ha cambiato il tuo modo di lavorare?

La luce gioca un ruolo fondamentale nella mia pittura. Capire la luce è importante e dipingo sempre vicino alla fonte di luce perché mi aiuta ad analizzare l'intensità di un colore. Per me, il COVID ha riaffermato l'importanza di prendersela con calma e contemplare le cose. Sento anche che i miei colori sono diventati più puri. Mi sono concentrato di più sull'espressione.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sugli occhi, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd