Spiegazione: cos'è la “Greater Tipraland” e perché gli abiti tribali in Tripura spingono per questo

0
91

Nel sito di dharna nel Jantar Mantar di Delhi. (Twitter/Pradyot Manikya)

Diversi gruppi tribali in Tripura si sono uniti per spingere la loro richiesta di uno stato separato per le comunità indigene nella regione, sostenendo che la loro “sopravvivenza ed esistenza” era in gioco. Hanno organizzato una dharna a Jantar Mantar il 30 novembre e il 1 dicembre con la richiesta, che almeno tre partiti politici – il Congresso, Shiv Sena e AAP – hanno promesso di accogliere con il governo dell'Unione.

Tra i partiti politici che si sono uniti per la causa sono TIPRA Motha (Tipraha Indigenous Progressive Regional Alliance) e IPFT (Indigenous People's Front of Tripura), che finora erano stati rivali nella mischia elettorale.

< p>Newsletter | Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Qual ​​è la loro richiesta principale?

Le parti chiedono uno stato separato di ‘Greater Tipraland’ per le comunità indigene dello stato nord-orientale. Vogliono che il Centro si ritagli lo Stato separato ai sensi degli articoli 2 e 3 della Costituzione. Tra le 19 tribù programmate notificate a Tripura, Tripuris (alias Tipra e Tiprasas) sono le più grandi. Secondo il censimento del 2011, nello stato ci sono almeno 5,92 lakh Tripuris, seguiti da Reangs (1,88 lakh) e Jamatias (83.000).

Cosa dice la Costituzione?

L'articolo 2 della Costituzione riguarda l'ammissione o la costituzione di nuovi Stati. “Il Parlamento può per legge ammettere nell'Unione, o istituire, nuovi Stati a tali termini e condizioni, come ritiene opportuno,” si afferma. L'articolo 3 entra in gioco in caso di “formazione di nuovi Stati e alterazione di aree, confini o nomi di Stati esistenti” dal Parlamento.

Come è nata la richiesta?

Tripura era un regno governato dalla dinastia Manikya dalla fine del XIII secolo fino alla firma dello strumento di adesione con il governo indiano il 15 ottobre 1949.

< img src="https://indianexpress.com/wp-content/plugins/lazy-load/images/1x1.trans.gif" />Shiv Sena MP Priyanka chaturvedi a un dharna al Jantar Mantar di Delhi chiedendo uno stato separato per i nativi tribali di Tripura. (Twitter/Pradyot Manikya)

La richiesta nasce principalmente dall'ansia delle comunità indigene in relazione al cambiamento demografico dello stato, che le ha ridotte a una minoranza. È successo a causa dello sfollamento dei bengalesi dall'ex Pakistan orientale tra il 1947 e il 1971. Dal 63,77% nel 1881, la popolazione dei tribali in Tripura è scesa al 31,80% nel 2011. Nei decenni successivi, conflitti etnici e insurrezioni attanagliato lo stato, che condivide un confine lungo quasi 860 km con il Bangladesh. Il forum congiunto ha anche sottolineato che gli indigeni non solo sono stati ridotti a una minoranza, ma sono stati anche sloggiati dalle terre a loro riservate dal penultimo re della dinastia Manikya Bir Bikram Kishore Debbarman.

Cosa è stato fatto per affrontare le lamentele delle comunità indigene?

Il Consiglio distrettuale autonomo delle aree tribali di Tripura (TTADC) è stato formato secondo il sesto programma della Costituzione nel 1985 per garantire lo sviluppo e garantire i diritti e il patrimonio culturale delle comunità tribali. Il TTADC, che ha poteri legislativi ed esecutivi, copre quasi i due terzi dell'area geografica dello stato. Il consiglio è composto da 30 membri di cui 28 eletti mentre due sono nominati dal Governatore. Inoltre, dei 60 seggi dell'Assemblea nello stato, 20 sono riservati alle tribù programmate. ‘Grande Tipraland’ prevede una situazione in cui l'intera area TTADC sarà uno stato separato. Propone inoltre organismi dedicati per garantire i diritti dei Tripuris e di altre comunità aborigene che vivono al di fuori di Tripura.

Best of Explained

Clicca qui per ulteriori informazioni

Qual è stato l'innesco immediato per la dharna?

L'agitazione nella politica dello stato con l'ascesa di TIPRA Motha e i sondaggi dell'Assemblea previsti per l'inizio del 2023 sono le due ragioni principali dietro lo sviluppo. TIPRA Motha, guidata da Pradyot Debbarman che è il capo titolare della famiglia reale, ha vinto la maggioranza nei sondaggi TTADC di quest'anno, lasciando l'IPFT, che è un alleato del governo BJP, con un'influenza ridotta.

In vista dei sondaggi dell'Assemblea del 2018, l'IPFT aveva catturato l'immaginazione dell'elettorato tribale mentre conduceva una campagna aggressiva con la richiesta di uno stato separato di “Twipraland”. Dopo le elezioni, si è unito al governo guidato dal BJP e ha abbassato il suo tono. Nel 2018, il Centro ha formato un comitato di 13 membri per affrontare le rimostranze tribali. Tuttavia, secondo un leader IPFT, tale comitato si è riunito solo tre volte negli ultimi quattro anni.

Finora Pradyot è riuscito a occupare lo spazio lasciato libero dall'IPFT, non lasciando altra scelta che unire le mani con lui. Durante i due giorni di dharna, il deputato del Congresso Deepender Hooda, il deputato di Shiv Sena Priyanka Chaturvedi e il deputato Rajya Sabha di AAP Sanjay Singh si sono rivolti al raduno di sostenitori a Jantar Mantar. Per inciso, Pradyot aveva lasciato il Congresso nel 2019 dopo essere stato presidente della sua unità Tripura.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie spiegate, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.