Gli Emirati Arabi Uniti accettano di acquistare aerei da guerra francesi mentre Emmanuel Macron visita il Golfo

0
52

Il presidente francese Emmanuel Macron, a sinistra, stringe la mano al principe ereditario di Abu Dhabi e vice comandante supremo delle forze armate degli Emirati Arabi Uniti, lo sceicco Mohammed bin Zayed al-Nahayan, prima di un incontro, a all'Eliseo, a Parigi, mercoledì 21 giugno 2017. (AP)

La Francia afferma che gli Emirati Arabi Uniti hanno acquistato 80 aerei da guerra Rafale di fabbricazione francese per 16 miliardi di euro. Non c'è stata alcuna conferma immediata dell'accordo da parte dei funzionari degli Emirati.

Il ministero della Difesa francese ha descritto l'accordo come il più grande contratto di esportazione di armi della Francia. Il presidente francese Emmanuel Macron è negli Emirati per la prima tappa della sua visita di due giorni nel Golfo.

La visita di due giorni di Macron negli Emirati Arabi Uniti, in Qatar e in Arabia Saudita arriva a un mese prima che la Francia assuma la presidenza di turno dell'Unione Europea e in vista delle elezioni presidenziali francesi del 2022 in cui Macron dovrebbe cercare un secondo mandato.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Il ritorno dal Golfo con un contratto per la vendita di aerei da combattimento francesi agli Emirati, un accordo di cui Parigi e Abu Dhabi hanno discusso per quasi un decennio, stimolerebbe l'industria della difesa francese dopo il crollo di un contratto da 66 miliardi di dollari per l'Australia per acquistare 12 sottomarini francesi.

E il trattamento da tappeto rosso che Macron può aspettarsi dai pesi massimi politici del Golfo presenterebbe la Francia come la potenza dell'UE nel Golfo e in Medio Oriente dall'uscita della Gran Bretagna dal blocco.

“Macron si distingue tra i leader dell'Unione europea per la sua volontà di essere sotto i riflettori, di guidare la politica estera e di portare avanti le cose,” ha affermato Silvia Colombo, esperta di relazioni UE-Golfo presso l'Istituto per gli affari internazionali di Roma.

Ma, soprattutto, Macron sta perseguendo interessi commerciali francesi, ha affermato Colombo. “Ha un'idea molto chiara che deve andare dove vuole essere la comunità imprenditoriale, dove la Francia può ottenere guadagni economici.”

Il vivo interesse di Macron nel creare relazioni personali con leader come Mohamed bin Zayed Al Nahyan, il principe ereditario di Abu Dhabi, e il suo omologo in Arabia Saudita, Mohamed bin Salman Al Saud, lo rendono un ospite gradito. Entrambi i leader del Golfo apprezzano un certo pragmatismo quando discutono di questioni relative alla democrazia e ai diritti umani per le quali i loro paesi sono stati pesantemente criticati da gruppi per i diritti umani e legislatori europei mentre perseguivano opportunità commerciali.

La Francia ha profondi legami con gli Emirati Arabi Uniti, una federazione di sette sceiccati nella penisola arabica, in particolare dopo gli attacchi dell'11 settembre 2001.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno aperto una base navale francese nel 2009 ad Abu Dhabi 8217;s Port Zayed. Aerei da guerra e personale francesi sono anche di stanza presso la base aerea di Al-Dhafra, un'importante struttura fuori dalla capitale degli Emirati, Abu Dhabi, che ospita anche diverse migliaia di truppe americane.

Mesi dopo l'elezione di Macron nel 2017, si è recato negli Emirati Arabi Uniti per inaugurare il Louvre Abu Dhabi, costruito nell'ambito di un accordo da 1,2 miliardi di dollari per condividere il nome e l'arte del famoso museo di Parigi.

A settembre, Macron ha ospitato il principe ereditario di Abu Dhabi nello storico Chateau de Fontainebleau fuori Parigi, restaurato nel 2019 con una donazione degli Emirati Arabi Uniti di 10 milioni di euro (11,3 milioni di dollari).

Anche gli Emirati Arabi Uniti e la Francia hanno diventare sempre più allineato su una sfiducia condivisa nei confronti dei partiti politici islamisti in tutto il Medio Oriente e ha sostenuto la stessa parte nella guerra civile in Libia.

Notizie principali in questo momento

Clicca qui per ulteriori informazioni

Un alto funzionario della presidenza francese che ha parlato con i giornalisti prima del viaggio alle consuete condizioni di anonimato ha affermato che Macron “continuerà a spingere e sostenere gli sforzi che contribuiscono alla stabilità della regione, dal Mediterraneo al Golfo.

< p>Saranno discusse le tensioni nel Golfo, ha detto il funzionario, in particolare i colloqui rivisti sull'accordo nucleare iraniano con le potenze mondiali, a seguito del ritiro degli Stati Uniti dall'accordo da parte del presidente Donald Trump. I paesi del Golfo sono da tempo preoccupati dalle ambizioni nucleari e dall'influenza dell'Iran nella regione, in particolare in Iraq, Siria e Libano.

“Questo è un argomento scottante,” ha detto il funzionario francese, aggiungendo che Macron ha discusso i problemi in una telefonata lunedì con il presidente iraniano. Parlerà della chiamata e delle questioni tra cui i colloqui sull'accordo nucleare a Vienna con i leader del Golfo, che sono “direttamente interessati da questo argomento, come tutti noi ma anche perché sono vicini (dell'Iran)”, ” ha detto il funzionario.

La Francia, insieme a Germania e Regno Unito, pensa che l'accordo nucleare del 2015 “con piccole modifiche” è la strada da percorrere con l'Iran, dicono gli analisti. Gli Emirati Arabi Uniti e l'Arabia Saudita si sono aspramente opposti all'accordo negoziato dell'Occidente con l'Iran.

“Sebbene i paesi del Golfo non abbiano apprezzato l’accordo dell’Occidente con l’Iran, la prospettiva che esso vada a pezzi in modo aspro è anche negativo per loro e presenta probabilmente rischi peggiori,” ha affermato Jane Kinninmont, un'esperta del Golfo con sede a Londra presso il think-tank European Leadership Network.

“La loro opinione è sempre stata che l'Occidente avrebbe dovuto ottenere di più dall'Iran prima di concludere l'accordo,& #8221; ha detto Kinninmont. ?Ma se l'Occidente se ne va senza nulla, i paesi del Golfo stanno cominciando a capire che la loro sicurezza non migliorerà di conseguenza.

📣 L'Indian Express è ora attivo Telegramma. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.