Spiegazione: cosa perderà la WTA dopo il ritiro dalla Cina?

0
59

L'ex giocatore di doppio n. 1 al mondo Peng Shuai. (AP)

Mercoledì tardi, un mese dopo la scomparsa dell'ex numero uno al mondo di doppio Peng Shuai, la Women's Tennis Association (WTA) ha deciso di ritirarsi da tutte le attività in Cina . Il due volte campione del Grande Slam aveva postato sui social l'accusa di essere stato aggredito sessualmente dall'ex vicepremier cinese Zhang Gaoli. Tuttavia, il post è stato cancellato quasi immediatamente e le ricerche su Internet relative a Shuai, e anche al “tennis”, sono state bloccate nel paese. Da allora ci sono state speculazioni su dove si trovi e sulla sicurezza di Peng.

Giocatori di tennis e artisti del calibro delle Nazioni Unite e di Amnesty International hanno fatto eco alle richieste di indagini trasparenti sulle accuse di Shuai e di garantire la sua sicurezza. La WTA, tuttavia, ha ora deciso di staccare la spina dalle sue operazioni in Cina, diventando il primo ente sportivo a fare il passo nel paese dell'Asia orientale.

Leggi anche | Gli eventi della perdita della Cina a causa di Peng Shuai potrebbero andare oltre 2022: WTA

“Con il pieno supporto del Consiglio di amministrazione della WTA, annuncio l'immediata sospensione di tutti i tornei WTA in Cina, compreso Hong Kong”, ha dichiarato in una nota il capo della WTA Steve Simon.

https ://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Qual è la posta in gioco per la WTA?

La Cina offre un mercato forte per qualsiasi sport. Nel 2018, la WTA ha firmato un contratto record di 10 anni – del valore di $ 1 miliardo secondo SportsBusiness Journal – per ospitare il suo evento di fine anno a Shenzhen. Nell'anno solare 2019 – l'ultima stagione prima che la pandemia creasse scompiglio nel programma – la WTA ha organizzato 10 eventi in Cina con un montepremi totale di $ 31,033,118.

Il corpo dovrà ora trasferire quei 10 tornei in altre sedi che potrebbero o meno essere in grado di offrire lo stesso premio in denaro.

L'ATP ha già fatto qualcosa nel caso Peng?

I giocatori dell'associazione maschile hanno applaudito la mossa della WTA, ma l'ente stesso non ha fatto molto oltre a rilasciare una dichiarazione alcune settimane fa che chiedeva un'”indagine equa e trasparente” sulle affermazioni di Shuai.

Come la WTA , anche l'ATP ha importanti interessi commerciali in Cina, forse di maggior valore monetario. I quattro eventi ATP tenuti in Cina nel 2019, incluso lo Shanghai Masters 1000, hanno avuto un montepremi di $ 14.202.455. L'ATP ha anche organizzato numerosi eventi Challenger in Cina prima che la pandemia colpisse.

Leggi | Radunando per Peng Shuai, la WTA colpisce un vincitore contro la Cina

E il Comitato Olimpico Internazionale?

Curiosamente, il CIO è stato l'unico organismo che apparentemente è entrato in contatto con Shuai. Il corpo aveva rilasciato una fotografia del suo presidente Thomas Bach in un'apparente videochiamata di 30 minuti con Shuai, e ha affermato che il tre volte olimpionico era al sicuro. Il filmato della chiamata effettiva non è stato rilasciato e la WTA non era convinta della sicurezza di Shuai.

Poco prima della presunta videochiamata del CIO, il corpo ha deciso di non intraprendere alcuna azione sulla scomparsa di Shuai, dicendo alla CNN: “L'esperienza mostra che la diplomazia tranquilla offre la migliore opportunità per trovare una soluzione a questioni di tale natura”.

È anche importante capire che a febbraio il CIO ospiterà le Olimpiadi invernali a Pechino e Gaoli è stato, secondo la CNN, il volto del comitato organizzatore dei prossimi Giochi.

Peng Shuai, tre volte olimpionico ed ex giocatore di doppio di prim'ordine, ha abbandonato pubblica dopo aver accusato l'ex vice-premier Zhang Gaoli di abusi sessuali. (AP)

In una nuova dichiarazione, il CIO ha affermato di aver avuto una seconda telefonata con Peng, in cui la tennista ha “riconfermato” di essere sana e salva, data la “situazione difficile” in cui si trova. Tuttavia, non è stata fornita alcuna prova visiva della seconda chiamata.

Leggi anche |La posizione cinese della WTA sulla scomparsa di Peng Shuai potrebbe essere unica, costare milioni

La WTA ha preso posizione, ma perché l'NBA si è scusata con la Cina?

Nel 2019, tra le proteste a Hong Kong, l'ex direttore generale degli Houston Rockets Daryl Morey ha twittato a favore dei manifestanti che stavano combattendo “per la libertà”. Immediatamente, il post è stato cancellato, ma i Rockets hanno iniziato a perdere sponsor e il merchandising della squadra non era più disponibile per l'acquisto in Cina. Anche l'NBA ha sofferto quando la principale emittente cinese ha rimosso tutte le partite della franchigia dal programma.

L'NBA ha incassato miliardi dalla Cina, a partire dall'accordo del 2019 che ha siglato per trasmettere in streaming le partite nel Paese per cinque anni, un vincolo del valore di 1,5 miliardi di dollari. Dopo il tweet di Morey, tuttavia, la CCTV statale ha vietato la trasmissione delle partite NBA, costando al gruppo sportivo 400 milioni di dollari, secondo Forbes.

Morey si è scusato con la Cina, con cui si è schierato LeBron James, che generalmente si schiera contro le atrocità dei diritti umani. Poi anche il fuoriclasse dei Rockets, James Harden, si è scusato con la Cina.

“Ci scusiamo. Amiamo la Cina, adoriamo suonare lì”, ha detto Harden ai giornalisti all'epoca.

Best of Explained

Clicca qui per ulteriori informazioni

Il governo cinese ha esercitato la sua influenza anche nel calcio?

Sì. Secondo la pubblicazione tedesca Deutsche Welle, i funzionari cinesi hanno ritenuto che l'importo dell'investimento richiesto superi i rendimenti, spingendo il governo a dissuadere gli investitori dall'entrare in questo sport. Ciò ha avuto un impatto in Cina, dove la Super League ha iniziato a diminuire, e all'estero. Nel 2017, c'erano 20 club europei con proprietari cinesi, ma sono scesi a 10 entro il 2021.

La Repubblica, un quotidiano italiano, ha riferito che anche i proprietari dell'Inter dalla Cina, Suning Holdings, stavano cercando di vendere la propria partecipazione nel club.

In che modo la Cina utilizza lo sport come strumento di politica del governo?

Il paese ha pompato miliardi nello sviluppo di infrastrutture sportive nel paese. L'emittente statale CGTN ha affermato nel 2019 che la Cina ha speso 3,9 miliardi di dollari per le Olimpiadi invernali, che si terranno lo stesso anno in cui il paese ospita i Giochi asiatici. Bloomberg ha anche riferito che il paese ha in programma di investire 773 miliardi di dollari entro il 2025 nella sua industria sportiva.

La Cina è anche un produttore leader di articoli sportivi, in particolare nel tennis da tavolo.

Il mese scorso , anche la Formula 1 ha esteso il suo contratto con la Cina fino al 2025.

Newsletter | Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie spiegate, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.