I conservatori della Corte Suprema degli Stati Uniti sembrano disposti a eliminare il diritto all'aborto

0
63

Foto d'archivio della Corte Suprema di Washington. (AP)

I giudici conservatori della Corte Suprema degli Stati Uniti mercoledì hanno segnalato la volontà di ridurre drasticamente i diritti all'aborto in America e forse ribaltare la storica sentenza Roe v. Wade del 1973 che ha legalizzato la procedura a livello nazionale poiché hanno indicato che avrebbero sostenuto un restrittivo Legge del Mississippi sostenuta dai repubblicani.

La corte, che ha una maggioranza conservatrice 6-3, ha ascoltato circa due ore di discussioni orali nel tentativo dello stato meridionale di rilanciare il divieto di aborto a partire dalla 15 settimana di gravidanza, una legge bloccata dai tribunali inferiori.

I giudici liberali hanno messo in guardia contro l'abbandono di precedenti legali importanti e di lunga data come Roe e l'abbandono di un diritto su cui le donne americane possono fare affidamento.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1. png Le migliori notizie in questo momento

Clicca qui per ulteriori informazioni

La Jackson Women’s Health Organisation, l'unica clinica per aborti del Mississippi, ha sfidato la legge e ha il sostegno dell'amministrazione del presidente democratico Joe Biden . Una sentenza è attesa entro la fine del prossimo giugno.

Roe v. Wade ha riconosciuto che il diritto alla privacy personale ai sensi della Costituzione degli Stati Uniti protegge la capacità di una donna di interrompere la gravidanza. La Corte Suprema, in una sentenza del 1992, chiamò Planned Parenthood of Southeastern Pennsylvania v. Casey riaffermando il diritto all'aborto e vietando le leggi che imponevano un “onere eccessivo” sull'accesso all'aborto. Il Mississippi ha chiesto ai giudici di ribaltare le sentenze Roe e Casey.

Il giudice conservatore Brett Kavanaugh ha espresso l'opinione spesso espressa dagli oppositori dell'aborto secondo cui nulla nella Costituzione protegge i diritti all'aborto.

“La Costituzione non è né a favore della vita né a favore della scelta sulla questione dell'aborto, ma lascia la questione al popolo degli stati o forse al Congresso da risolvere nel processo democratico,” ha detto Kavanaugh. Se Roe venisse rovesciato, molti stati “continuerebbe a consentire liberamente l'aborto,” Kavanaugh ha aggiunto.

Prima della sentenza Roe, molti stati vietavano l'aborto.

Julie Rikelman, sostenendo la clinica per l'aborto, ha affermato che il ribaltamento di Roe non significherebbe che la corte è neutrale sull'aborto poiché Kavanaugh suggerito.

“Le donne hanno uguale diritto alla libertà secondo la Costituzione, Vostro Onore, e se non sono in grado di prendere questa decisione, se gli stati possono prendere il controllo dei corpi delle donne e costringerle a sopportare mesi di gravidanza e parto, allora non avranno mai lo stesso status secondo la Costituzione,” Rikelman ha detto a Kavanaugh.

Circa una donna americana su quattro ha abortito, ha aggiunto Rikelman.

‘Sopravvivi alla puzza’< /p>

La giustizia liberale Sonia Sotomayor ha affermato che i funzionari del Mississippi hanno cercato di portare la questione ai giudici solo a causa dello spostamento a destra della corte.

“Questa istituzione sopravviverà al fetore che questo crea nella percezione pubblica che la Costituzione e la sua lettura sono solo atti politici?” ha chiesto Sotomayor.

Leggi anche | Il prezzo degli aborti frena: gli economisti pesano sul dibattito negli Stati Uniti

Kavanaugh e il giudice Amy Coney Barrett – entrambi nominati dall'ex presidente repubblicano Donald Trump, che ha promesso di nominare i giudici che avrebbero ribaltato Roe – potrebbero essere voti chiave nel determinare fino a che punto si spingerà la corte.

Barrett ha detto che ribaltando un precedente importante è giustificato in alcuni casi, ma si chiedeva se la “reazione del pubblico” dovrebbe essere considerato. Barrett ha anche chiesto se la recente adozione in alcuni stati di “porto sicuro” leggi, che consentono alle donne di consegnare i bambini non desiderati alle strutture sanitarie senza penalità, mina alcune giustificazioni per gli aborti perché le donne non sono costrette alla maternità semplicemente con il parto.

Il giudice capo conservatore John Roberts ha suggerito che la corte potrebbe sostenere la legge del Mississippi senza ribaltare Roe. Non era chiaro se gli altri cinque conservatori si sarebbero fermati prima di rovesciare Roe.

“Perché 15 settimane non sono sufficienti” che una donna decida di abortire, ha chiesto Roberts.

Il divieto del Mississippi fa parte di una serie di leggi restrittive sull'aborto approvate negli stati governati dai repubblicani negli ultimi anni. Il 1° novembre la Corte Suprema ha ascoltato le argomentazioni su una legge del Texas che vieta l'aborto a circa sei settimane di gravidanza, ma non ha ancora emesso una sentenza.

I sostenitori dell'anti-aborto credono di essere più vicini che mai al rovesciamento di Roe, un obiettivo di vecchia data per i conservatori cristiani.

‘Egregiamente sbagliato’

I giudici conservatori hanno minimizzato l'idea che la corte debba stare attenta nel ribaltare i propri precedenti, osservando che lo ha fatto in molti contesti, incluso il ribaltamento di una famigerata sentenza del 1895 che consente la segregazione razziale.

“Quindi ci sono circostanze in cui una decisione … deve essere annullato semplicemente perché era egregiamente sbagliato nel momento in cui è stato deciso,” ha dichiarato il giudice conservatore Samuel Alito.

Il procuratore generale degli Stati Uniti Elizabeth Prelogar, in rappresentanza dell'amministrazione Biden, ha affermato che il ribaltamento di Roe sarebbe una “contrazione senza precedenti” dei diritti individuali. “La corte non ha mai revocato un diritto così fondamentale per tanti americani e così centrale per la loro capacità di partecipare pienamente ed equamente alla società,” Prelogar ha detto.

I sondaggi di opinione mostrano che la maggioranza degli americani sostiene il diritto all'aborto.

Le decisioni di Roe e Casey hanno stabilito che gli stati non possono vietare l'aborto prima che un feto sia vitale al di fuori dell'utero, generalmente considerato dai medici tra le 24 e le 28 settimane. Il divieto di 15 settimane del Mississippi lo sfida. Roberts ha affermato che un divieto a 15 settimane è &8220;non una partenza drammatica” dalla redditività.

Scott Stewart, sostenendo il Mississippi, ha affermato che le sentenze Roe e Casey “perseguitano il nostro paese”.

“Non hanno alcun fondamento nella Costituzione. Non hanno casa nella nostra storia o nelle nostre tradizioni. Hanno danneggiato il processo democratico. Hanno avvelenato la legge. Hanno soffocato il compromesso,” Stewart ha detto.

Il Mississippi è tra i 12 stati con le cosiddette leggi trigger progettate per vietare l'aborto se Roe v. Wade viene capovolto. Altri stati probabilmente ridurrebbero rapidamente l'accesso all'aborto.

Se Roe fosse ribaltato o limitato, in vaste aree dell'America le donne che vogliono interrompere una gravidanza potrebbero affrontare la scelta di avere un aborto illegale potenzialmente pericoloso, recarsi in un altro stato in cui la procedura rimane legale e disponibile o acquistare pillole abortive online. La procedura rimarrebbe legale negli stati di tendenza liberale, 15 dei quali hanno leggi che proteggono il diritto all'aborto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.