La variante Omicron, in almeno 20 nazioni, si è diffusa prima di quanto si conoscesse

0
58

FILE Ñ Dr. Rochelle Walensky, direttore dei Centers for Disease Control and Prevention, durante un'audizione del Senato a Washington il 4 novembre 2021. (Stefani Reynolds/The New York Times)

Scritto da Richard Pérez-Peña

La nuova variante del coronavirus fortemente mutata era in Europa diversi giorni prima di quanto precedentemente noto, hanno detto martedì funzionari sanitari e il numero dei paesi in cui è stato riscontrato è aumentato ad almeno 20, sollevando dubbi sul fatto che la pandemia stia per aumentare ancora una volta.

L'Istituto nazionale olandese per la salute pubblica e l'ambiente ha affermato che i campioni prelevati il ​​19 e il 23 novembre, prima dell'annuncio del 24 novembre dell'esistenza dell'omicron, sono risultati positivi per la variante. I funzionari sanitari hanno informato le due persone infette e stanno effettuando il tracciamento dei contatti per cercare di limitare la diffusione.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Le mutazioni nella variante omicron fortemente suggeriscono che è più contagioso delle precedenti forme di virus, affermano gli scienziati. Avvertono che non possono essere sicuri senza ulteriori test e dati, ma le prove finora fanno riflettere.

Le migliori notizie in questo momento li>Il ciclone si avvicina, i contadini dell'Odisha iniziano la raccolta anticipata, vendita di emergenza

Clicca qui per ulteriori informazioni

Martedì, l'amministrazione Biden stava cercando modi per rafforzare lo screening del coronavirus per le persone che volano negli Stati Uniti, incluso se richiedere a tutti i passeggeri di fornire un risultato negativo da un test effettuato entro 24 ore dalla partenza.

La preoccupazione è che le regole attuali, che consentono alle persone completamente vaccinate di fare un test fino a tre giorni prima di partire per un volo per gli Stati Uniti, potrebbero non essere abbastanza rigide.

Un giorno dopo aver avvertito che il rischio da omicron era “molto alto”, martedì l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha affermato che le persone non vaccinate che hanno più di 60 anni, sono malate o hanno rischi per la salute di base “dovrebbero essere avvisate di posticipare il viaggio”. In Grecia, il primo ministro ha annunciato che le vaccinazioni COVID sarebbero state obbligatorie per le persone di età pari o superiore a 60 anni e che coloro che non fossero riusciti a prenotare un primo colpo entro il 16 gennaio sarebbero stati multati.

FILE Ñ Un tecnico lavora in un laboratorio presso la Nelson R. Mandela School of Medicine di Durban, in Sudafrica, il 15 novembre 2021. (Joao Silva/The New York Times)

In Sudafrica, dove la variante era annunciato per la prima volta ed è già diffuso, i nuovi casi di coronavirus segnalati sono schizzati da circa 300 al giorno a metà novembre a circa 3.000 al giorno, il tasso di aumento più veloce al mondo. Venerdì, su due voli dal Sudafrica ai Paesi Bassi, proprio mentre veniva annunciata una cascata di divieti ai viaggi dall'Africa meridionale, 61 passeggeri sono risultati positivi al virus, di cui almeno 14 per l'omicron.

Oltre alla domanda sulla trasmissibilità dell'omicron, gli scienziati non hanno ancora altre risposte che il mondo chiede a gran voce: i vaccini sono meno efficaci contro di esso? Sono trattamenti? L'omicron causa malattie più gravi?

Gli esperti hanno avvertito di non dare troppa importanza ai rapporti secondo cui la variante sta causando solo malattie lievi, perché i dati sono ancora scarsi. Le prime prove provenienti dal Sudafrica indicano che l'omicron, più delle varianti precedenti, sta infettando persone che avevano già avuto il COVID-19, ma anche questo richiede test rigorosi.

“Saranno due o quattro settimane , forse un po' prima”, prima che siano disponibili le risposte preliminari, il dottor Anthony Fauci, il massimo esperto di malattie infettive degli Stati Uniti, ha dichiarato martedì durante un briefing alla Casa Bianca.

A partire da martedì sera, nessun caso di omicron era stato riscontrato segnalato negli Stati Uniti, sebbene la variante sia stata rilevata in Canada. I funzionari statunitensi affermano che è solo questione di tempo e che l'obiettivo dovrebbe essere quello di rallentarne la diffusione.

I media brasiliani hanno riferito martedì che la variante è stata rilevata in Brasile, il che significherebbe che è già presente in tutti i continenti tranne l'Antartide.

I Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie stanno sequenziando i genomi di 80.000 campioni di coronavirus settimanalmente — circa un settimo di tutti i test di laboratorio PCR positivi nel paese e intensificherà i controlli sui passeggeri internazionali in arrivo, ha affermato alla Casa Bianca il direttore dell'agenzia, la dott.ssa Rochelle Wollensky.

Martedì 30 novembre 2021 un operatore sanitario somministra un vaccino contro il COVID-19 in una clinica nel quartiere di Hillbrow a Johannesburg.
(Joao Silva/The New York Times)

La variante ha un numero molto elevato di mutazioni mai viste in combinazione prima, circa 50, di cui più di 30 sulla proteina “spike” che utilizza per attaccarsi alle cellule ospiti; il picco è l'obiettivo primario dei vaccini. Quell'alto grado di mutazione è dietro le paure sull'omicron e l'incertezza sul fatto che tali paure siano esagerate.

Molte volte prima, le nazioni hanno abbassato la guardia, pensando che il peggio della pandemia fosse dietro di loro, solo per essere travolto da un'altra ondata, più recentemente quella causata dalla variante delta altamente contagiosa.

I produttori di vaccini stanno già cercando di riformulare i loro colpi per affrontare l'omicron, un passaggio che non era necessario per combattere il delta.

E Regeneron, produttore di un efficace trattamento con anticorpi monoclonali iniettati per COVID, ha affermato martedì che la sua terapia potrebbe non funzionare altrettanto bene contro l'omicron. Martedì un comitato consultivo della Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha raccomandato l'approvazione di un trattamento orale per ridurre la gravità del COVID, realizzato da Merck, e presto ne prenderà in considerazione un altro da Pfizer.

Nelle precedenti ondate di pandemia, quando sono stati rilevati i primi casi del virus o di una particolare variante, in realtà erano molto di più ed era già diffuso.

Ma la fornitura mondiale di vaccini è andata principalmente ai paesi più ricchi, dove molte persone hanno ricevuto tre colpi prima che la stragrande maggioranza degli africani ne ricevesse anche solo uno. Finché molte persone non saranno vaccinate, la pandemia continuerà e emergeranno nuove varianti.

“L'equità vaccinale non è beneficenza; è nell'interesse di ogni paese”, ha detto lunedì il dott. Tedros Adhanom Ghebreyesus, capo dell'OMS, all'inizio di una conferenza intesa a produrre un trattato internazionale per coordinare la risposta alle malattie.

“È giunto il momento affinché i paesi concordino un approccio comune e vincolante a una minaccia comune che non possiamo controllare completamente né prevenire”, ha affermato.

Le dosi di vaccino stanno infatti diventando più abbondanti, ma i paesi africani devono ancora affrontare sfide nella distribuzione e superare le esitazioni vaccinali. Il Sudafrica ha recentemente respinto una spedizione, non essendo sicuro di poter utilizzare le dosi in tempo.

I parenti incontrano un viaggiatore che arriva in sala operatoria Aeroporto internazionale Tambo di Johannesburg, 27 novembre 2021. (Joao Silva/The New York Times)

La nuova variante è stata trovata per la prima volta in Botswana l'11 novembre e giorni dopo nel vicino Sudafrica, dove il suo genoma è stato sequenziato da scienziati che hanno annunciato la sua esistenza due settimane dopo. Ricercatori in Sudafrica l'hanno trovata in campioni risalenti al 9 novembre e gli esperti hanno affermato che era probabile che ulteriori test su vecchi campioni avrebbero mostrato che circolava anche prima.

In Europa, il numero di casi confermati è finora piccolo, sotto i 100, ma i funzionari si stanno preparando per di più.

“È probabile che ci sia una trasmissione comunitaria?” Lo ha detto Sajid Javid, il segretario alla salute britannico, in una conferenza stampa. “Penso che dobbiamo essere realistici: è probabile che ci sarà, come stiamo vedendo in altri paesi europei. Ci aspetteremmo che i casi aumentino mentre ora cerchiamo attivamente i casi.”

I tempi sono foschi per un continente già attanagliato dalla più grande ondata di pandemia, costringendo i governi a ridimensionare drasticamente i piani per rimanere aperti per il vacanze.

I paesi europei segnalano più di 2 milioni di nuovi casi di coronavirus ogni settimana, più della metà del totale mondiale, anche se con vaccinazioni e trattamenti migliorati, i decessi sono diminuiti rispetto a un anno fa. Germania, Paesi Bassi, Belgio, Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia, Danimarca e Norvegia hanno stabilito record di nuovi casi la scorsa settimana; molti altri hanno raggiunto nuovi massimi all'inizio di novembre.

I governi degli Stati Uniti, dell'Europa e di altri paesi hanno vietato l'ingresso a persone – di solito ad eccezione dei propri residenti – che sono state di recente in Sudafrica e in molti paesi limitrofi paesi.

Ma l'esperienza dei due voli arrivati ​​ad Amsterdam venerdì sera dal Sud Africa mostra quanto tardi possano essere tali misure.

Con l'entrata in vigore del divieto di viaggio, tutti i passeggeri sono stati testati , e più di 1 su 10 aveva il virus; quanti altri viaggiatori infetti sono passati inosservati è un'ipotesi.

Non solo 14 dei passeggeri dal Sudafrica avevano la variante omicron, che non era ancora nota al mondo quando sono decollati, ma ne avevano anche diverse versioni, ha affermato l'istituto di sanità pubblica olandese.

< p>“Ciò significa”, ha affermato, “che le persone sono state molto probabilmente infettate indipendentemente l'una dall'altra, da fonti diverse e in luoghi diversi.”

📣 Il Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.