“È esilarante, se non tragico”: l'interrogazione del Parlamento sull'incursione cinese è stata annullata per l'interesse nazionale, afferma Subramanian Swamy

0
64

MP Subramanian Swamy (File)

La domanda del Parlamento posta a Rajya Sabha sul fatto che i cinesi abbiano attraversato la linea di controllo effettivo (LAC) in Ladakh è stata respinta citando la sicurezza nazionale come il motivo, ha affermato il deputato Rajya Sabha del BJP Subramanian Swamy.

“È esilarante se non tragico per il Segretariato di Rajya Sabha informarmi oggi che la mia domanda se i cinesi abbiano attraversato il LAC in Ladakh, non può essere consentita “a causa dell'interesse nazionale”!!!” ha twittato mercoledì.

Questo arriva un giorno dopo The Indian Express ha riferito di una domanda senza stelle di Rajya Sabha posta dal deputato del Congresso KC Venugopal al ministro degli affari esteri sul fatto che gli NRI che vivono all'estero siano stati molestati negli aeroporti e rimandati indietro, e alcuni hanno persino chiesto dalle autorità di smettere di aiutare l'agitazione degli agricoltori, è stato provvisoriamente ammesso e programmato per ricevere risposta il 2 dicembre, ma rimosso dall'elenco finale delle domande del giorno.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

L'ammissibilità delle domande in Rajya Sabha è disciplinata dalle Regole 47-50 delle Regole di procedura e di condotta degli affari nel Consiglio degli Stati. Ordinariamente, una volta ricevuta una domanda che soddisfa le condizioni di ammissibilità, essa è inviata al ministero interessato. Ricevuti i fatti dal ministero in risposta al rinvio fatto dalla Segreteria, la questione viene ulteriormente esaminata. L'ammissione o il rifiuto delle domande è a discrezione del presidente. Gli elenchi stampati delle domande, distribuiti ai ministri sono gli elenchi finali in base ai quali i ministeri formulano le loro risposte.

Leggi anche |Aggiornamenti dal vivo del Parlamento

In precedenza, ad agosto, durante la sessione dei monsoni del Parlamento, il governo si era mosso per respingere una domanda a Rajya Sabha che chiedeva se il governo avesse stipulato un contratto con la società di sicurezza informatica israeliana NSO Group. Il gruppo NSO era al centro di una controversia globale sul presunto uso improprio del suo spyware Pegasus per intercettare i telefoni di giornalisti, attivisti e politici.

Il governo aveva poi affermato che “la questione in corso di Pegasus” was sub judice dopo che “diversi PIL sono stati depositati presso la Corte Suprema”. Aveva quindi scritto al segretariato di Rajya Sabha chiedendo che la “Domanda ammessa provvisoriamente” del deputato CPI Binoy Viswam, prevista per il 12 agosto 2021, nel Rajya Sabha, non fosse consentita.

Il Centro durante la sessione dei monsoni si è anche mosso per non consentire un'altra domanda di un deputato su “Indian Position in Democracy Index”, che avrebbe dovuto rispondere il 22 luglio. Il Ministero degli Affari Esteri aveva scritto al presidente di Rajya Sabha dicendo che la domanda era di natura sensibile.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.