Spiegazione: l'energia nucleare fa bene al clima?

0
112

L'energia nucleare è costosa, soprattutto se si tiene conto dei costi successivi

Scritto da Joscha Weber

Sostenitori dell'energia nucleare diciamo che può aiutarci a svezzare le nostre economie dai combustibili fossili inquinanti. Nessuna sorpresa, è un problema acceso. Ma che dire dei fatti? L'energia nucleare può davvero aiutare a salvare il clima?

Gli ultimi dati sulle emissioni globali di anidride carbonica mettono in discussione gli sforzi del mondo per affrontare la crisi climatica. Le emissioni di CO2 sono destinate a salire del 4,9% nel 2021, rispetto all'anno precedente, secondo uno studio pubblicato all'inizio di questo mese dal Global Carbon Project (GCP), un gruppo di scienziati che monitorano le emissioni.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Nel 2020, le emissioni sono diminuite del 5,4% a causa della pandemia di COVID-19 e dei relativi blocchi. La maggior parte degli osservatori si aspettava un rimbalzo quest'anno, ma non a tal punto. Il settore energetico continua a essere il più grande emettitore di gas serra, con una quota del 40%, e in aumento.

Ma che dire del nucleare? I sostenitori della controversa fonte di energia affermano che è un modo rispettoso del clima per generare elettricità. Per lo meno, è qualcosa che potremmo usare finché non saremo in grado di sviluppare alternative complete. Nelle ultime settimane, in particolare durante il vertice sul clima COP26, i sostenitori hanno creato scalpore online con dichiarazioni come “se sei contro l'energia nucleare, sei contro la protezione del clima” e “l'energia nucleare sta per tornare in auge.” Ma c'è qualcosa in tutto questo?

Best of Explained

Clicca qui per ulteriori informazioni

L'energia nucleare è un'energia a emissioni zero fonte?

No. L'energia nucleare è anche responsabile delle emissioni di gas serra. In effetti, nessuna fonte di energia è completamente priva di emissioni, ma ne parleremo più avanti.

Quando si tratta di nucleare, l'estrazione, il trasporto e la lavorazione dell'uranio producono emissioni. Anche il lungo e complesso processo di costruzione delle centrali nucleari rilascia CO2, così come la demolizione di siti dismessi. E, ultimo ma non meno importante, anche le scorie nucleari devono essere trasportate e stoccate in condizioni rigorose: anche in questo caso bisogna tenere conto delle emissioni.

Eppure, i gruppi di interesse affermano che l'energia nucleare è priva di emissioni. Tra questi c'è la società di consulenza austriaca ENCO. Alla fine del 2020, ha pubblicato uno studio preparato per il Ministero olandese degli affari economici e della politica climatica che guardava con favore al possibile ruolo futuro del nucleare nei Paesi Bassi.

“I principali fattori per la sua scelta sono stati l'affidabilità e la sicurezza dell'approvvigionamento, senza emissioni di CO2,” legge. ENCO è stata fondata da esperti dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica e lavora regolarmente con le parti interessate nel settore nucleare, quindi non è del tutto priva di interessi acquisiti.

Alla COP26, l'iniziativa ambientale Scientists for Future (S4F) ha presentato un documento sull'energia nucleare e il clima. Il gruppo è giunto a una conclusione molto diversa. “Tenendo conto dell'attuale sistema energetico globale, l'energia nucleare non è affatto CO2 neutrale,” hanno detto.

Ben Wealer dell'Università tecnica di Berlino, uno degli autori del rapporto, ha detto a DW che i sostenitori dell'energia nucleare “non tengono conto di molti fattori”, 8221; comprese le fonti di emissione sopra descritte. Tutti gli studi recensiti da DW dicevano la stessa cosa: l'energia nucleare non è esente da emissioni.

Quanta CO2 produce l'energia nucleare?

I risultati variano in modo significativo, a seconda che si consideri solo il processo di generazione dell'elettricità o si tenga conto dell'intero ciclo di vita di una centrale nucleare. Un rapporto pubblicato nel 2014 dall'Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) delle Nazioni Unite, ad esempio, ha stimato un intervallo compreso tra 3,7 e 110 grammi di CO2 equivalente per kilowattora (kWh).

È stato a lungo ipotizzato che le centrali nucleari generino una media di 66 grammi di CO2/kWh, sebbene Wealer ritenga che la cifra reale sia molto più alta. Le nuove centrali elettriche, ad esempio, generano più CO2 durante la costruzione rispetto a quelle costruite nei decenni precedenti, a causa di norme di sicurezza più severe.

Gli studi che includono l'intero ciclo di vita delle centrali nucleari, dall'estrazione dell'uranio allo stoccaggio dei rifiuti nucleari, sono rari, con alcuni ricercatori che sottolineano che mancano ancora i dati. In uno studio sul ciclo di vita, il World Information Service on Energy (WISE) con sede nei Paesi Bassi ha calcolato che le centrali nucleari producono 117 grammi di emissioni di CO2 per kilowattora. Va notato, tuttavia, che WISE è un gruppo antinucleare, quindi non è del tutto imparziale.

Tuttavia, altri studi hanno fornito risultati simili quando si considerano interi cicli di vita. Mark Z. Jacobson, direttore dell'Atmosphere/Energy Program presso la Stanford University della California, ha calcolato un costo climatico compreso tra 68 e 180 grammi di CO2/kWh, a seconda del mix di elettricità utilizzato nella produzione di uranio e di altre variabili.

Spiegazione |Come il clima si è riscaldato negli ultimi 24.000 anni

Quanto è rispettoso del clima il nucleare rispetto ad altre energie?

Se nel calcolo si include l'intero ciclo di vita di una centrale nucleare, l'energia nucleare sicuramente supera i combustibili fossili come il carbone o il gas naturale. Ma il quadro è drasticamente diverso rispetto alle energie rinnovabili.

Secondo i dati nuovi ma ancora non pubblicati dell'Agenzia statale tedesca per l'ambiente (UBA) e i dati WISE, l'energia nucleare rilascia 3,5 volte più CO2 per chilowattora rispetto ai sistemi di pannelli solari fotovoltaici. Rispetto all'energia eolica onshore, questa cifra sale a 13 volte più CO2. Quando si confronta con l'elettricità proveniente dagli impianti idroelettrici, il nucleare genera 29 volte più carbonio.

Possiamo fare affidamento sull'energia nucleare per fermare il riscaldamento globale?

In tutto il mondo, i rappresentanti dell'energia nucleare, così come alcuni politici, hanno chiesto l'espansione dell'energia atomica. In Germania, ad esempio, il partito populista di destra AfD ha sostenuto le centrali nucleari, definendole “moderne e pulite”. L'AfD ha chiesto un ritorno alla fonte energetica, che la Germania si è impegnata a eliminare completamente entro la fine del 2022.

Anche altri paesi hanno sostenuto piani per costruire nuove centrali nucleari, sostenendo che il settore energetico sarà ancora più dannoso per il clima senza di essa. Ma Wealer dell'Università Tecnica di Berlino, insieme a numerosi altri esperti di energia, vede una visione diversa.

“Il contributo dell'energia nucleare è visto in modo troppo ottimistico,” Egli ha detto. “In realtà, i tempi di costruzione [della centrale elettrica] sono troppo lunghi e i costi troppo alti per avere un effetto evidente sul cambiamento climatico. Ci vuole troppo tempo prima che l'energia nucleare diventi disponibile.”

Mycle Schneider, autore del World Nuclear Industry Status Report, è d'accordo.

“Le centrali nucleari sono circa quattro volte più costose di quelle eoliche o solari e impiegano cinque volte il tempo per essere costruite,” Egli ha detto. “Quando prendi tutto in considerazione, stai guardando dai 15 ai 20 anni di lead time per una nuova centrale nucleare.”

Ha fatto notare che il mondo necessario per tenere sotto controllo i gas serra entro un decennio. “E nei prossimi 10 anni, l’energia nucleare non sarà in grado di dare un contributo significativo,” ha aggiunto Schneider.

“Al momento, l'energia nucleare non viene considerata una delle principali soluzioni globali al cambiamento climatico,” ha affermato Antony Froggatt, vicedirettore del programma per l'ambiente e la società presso il think tank per gli affari internazionali Chatham House a Londra.

Ha affermato che una combinazione di costi eccessivi, conseguenze ambientali e mancanza di sostegno pubblico sono tutti argomenti contro il nucleare potere.

Newsletter | Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

I finanziamenti nucleari potrebbero essere destinati alle energie rinnovabili

A causa degli alti costi associati all'energia nucleare, blocca anche importanti risorse finanziarie che potrebbero invece essere utilizzate per sviluppare energia rinnovabile, ha affermato Jan Haverkamp, ​​esperto nucleare e attivista dell'ONG ambientale Greenpeace nei Paesi Bassi. Quelle rinnovabili fornirebbero più energia, più veloce ed economica del nucleare, ha affermato.

“Ogni dollaro investito nell'energia nucleare è quindi un dollaro sottratto a una vera azione urgente per il clima. In questo senso, l'energia nucleare non è rispettosa del clima,” disse.

Inoltre, la stessa energia nucleare è stata colpita dal cambiamento climatico. Durante le estati sempre più calde del mondo, diverse centrali nucleari hanno già dovuto essere temporaneamente chiuse o tolte dalla rete. Le centrali elettriche dipendono dalle vicine fonti d'acqua per raffreddare i loro reattori e, con molti fiumi che si stanno prosciugando, quelle fonti d'acqua non sono più garantite.

Il tanto decantato “rinascimento dell'energia nucleare” è tutt'altro che quando tutti i fatti vengono presi in considerazione, ha detto Mycle Schneider a DW. Ha detto che l'industria nucleare si sta riducendo da anni.

“Negli ultimi 20 anni, 95 centrali nucleari sono state messe in funzione e 98 sono state chiuse. Se si esclude la Cina dall'equazione, il numero di centrali nucleari si è ridotto di 50 reattori negli ultimi due decenni,” Schneider ha aggiunto. “L'industria nucleare non è fiorente.”

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie spiegate, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.