Due operatori della Croce Rossa Internazionale rapiti nell'est del Congo

0
51

I soldati delle Forze Armate della Repubblica Democratica del Congo (FARDC) riposano vicino a una strada dopo che il gruppo ribelle islamista chiamato Forze Democratiche Alleate (ADF) ha attaccato l'area intorno al villaggio di Mukoko, provincia del Nord Kivu di Repubblica Democratica del Congo, 11 dicembre 2018. (Reuters)

Un membro dello staff congolese e uno internazionale del Comitato internazionale della Croce Rossa (CICR) sono stati rapiti martedì nella Repubblica Democratica del Congo orientale colpita dal conflitto, l'organizzazione umanitaria ha detto il gruppo di aiuto.

Il rapimento è avvenuto alle 10:30 mentre il loro convoglio di due veicoli viaggiava dalla capitale regionale Goma alla vicina area di Sake come parte di un progetto di approvvigionamento idrico, ha detto il portavoce locale del CICR Paulin Bashengezi.

“Stiamo seguendo la situazione da vicino e chiediamo il loro rilascio,” ha detto.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

I dettagli sulle nazionalità dei due membri dello staff sono stati condivisi dal portavoce del CICR Florian Seriex.

< p>Non è stato immediatamente chiaro chi ci fosse dietro il rapimento.

Top News in questo momento

Fai clic qui per ulteriori informazioni < p>L'area si trova nella provincia del Nord Kivu, una delle due gestite dall'esercito congolese da maggio, quando il governo ha dichiarato lo stato d'assedio in risposta alla violenza dilagante dei gruppi ribelli.

Uganda e Repubblica Democratica del Congo martedì ha lanciato attacchi aerei e di artiglieria congiunti nel Congo orientale contro una milizia legata allo Stato Islamico nota come Forze democratiche alleate (ADF), hanno affermato entrambi i paesi.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.