Risarcimento morte per Covid: meno reclami, SC dice a UTs, afferma di inviare dettagli al Centro

0
58

La corte ha ordinato che questi dettagli fossero forniti al Ministero degli Affari Interni o all'Autorità Nazionale per la Gestione dei Disastri (NDMA) entro o prima del 3 dicembre.

La Corte Suprema ha espresso lunedì preoccupazione per il basso numero di richieste di risarcimento per decessi da Covid-19 e ha affermato che ciò potrebbe essere dovuto alla mancanza di pubblicità sufficiente sul programma o alla mancanza di conoscenza su dove applicare.

Un collegio guidato dal giudice MR Shah ha chiesto agli stati e ai territori dell'Unione di fornire dettagli, compreso il numero di decessi registrati e le richieste ricevute ed elaborate, quale pubblicità è stata data al regime di risarcimento e su dove e a chi rivolgersi, se hanno stabilito portali per la ricezione dei reclami e l'erogazione dei risarcimenti.

Il tribunale ha ordinato che questi dettagli fossero forniti al Ministero degli affari interni o all'Autorità nazionale per la gestione dei disastri (NDMA) entro il 3 dicembre, dopo aver considerato che emanare ordinanze che stabiliscono una procedura uniforme su tutto il territorio nazionale. Il banco, che comprende anche il giudice B V Nagarathna, ha affermato che il modello sviluppato dal Gujarat può essere applicato in tutta l'India.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Alla precedente udienza, il tribunale aveva espresso disappunto per la notifica del governo del Gujarat che aveva istituito un comitato per esaminare il processo di ricezione delle richieste. Lunedì, il procuratore generale Tushar Mehta ha informato il tribunale che la procedura è stata rivista e semplificata. La panchina ha espresso soddisfazione per lo schema rivisto. Ha affermato che la nuova risoluzione del 28 novembre “si può dire che sia assolutamente” secondo le precedenti indicazioni della corte. “La procedura per richiedere il risarcimento è semplificata e assolutamente in linea con la nostra sentenza e ordinanza del 04.10.2021”, ha affermato il tribunale.

Mehta ha affermato che lo stato stava creando un portale online per risolvere tali difficoltà e rendere più facili gli esborsi e che “lo Stato del Gujarat dovrà prendere provvedimenti entro una settimana da oggi”.

La corte ha affermato che tutti i governi statali devono creare portali online per questo in quanto “faciliterà i richiedenti a presentare domande di risarcimento dal loro posto”.

Ascoltando un affidavit depositato dal Centro in merito a dettagli forniti da altri afferma, la panchina ha definito “scioccante” che anche l'Andhra Pradesh abbia escogitato un comitato di controllo. “Una cosa è molto scioccante. L'Andhra Pradesh afferma di aver costituito un comitato. Questo è ciò contro cui eravamo”, ha detto Justice Shah.

Il tribunale ha osservato che il numero di richieste di risarcimento in Gujarat era considerevolmente basso rispetto ai numeri dei decessi. Sebbene siano stati registrati 10.092 decessi, fino ad oggi lo stato ha ricevuto solo 1.250 moduli di richiesta.

L'SG ha affermato che nel portale dello stato sono già stati segnalati 10.000 decessi e il governo ha iniziato a pagarli in modalità di trasferimento diretto dei benefici.

La corte ha sottolineato che le cifre relative alle richieste di risarcimento erano basse anche per Haryana e Karnataka, mentre era superiore al numero di decessi registrati nel caso dell'Andhra Pradesh.

Per quanto riguarda l'Andhra Pradesh, la corte ha affermato che ciò potrebbe essere dovuto a la sua precedente ordinanza che diceva che l'attore può chiedere un risarcimento se il rapporto RTPCR fosse positivo e fosse morto entro il termine di 30 giorni, indipendentemente dalla causa menzionata nel certificato di morte. Il tribunale ha affermato che il numero dei richiedenti potrebbe aumentare anche in altri stati.

Ha inoltre rilevato che molti degli stati non hanno fornito alcuna informazione al Centro o all'NDMA e hanno diretto i segretari principali di Andhra Pradesh, Assam, Bihar, Goa, Haryana, Kerala, Madhya Pradesh, Maharashtra, Orissa, Punjab, Rajasthan, Tamil Nadu, Uttar Pradesh, Uttarakhand e West Bengal e gli UT di Chandigarh e Jammu e Kashmir per presentare il rapporto di conformità sulle indicazioni emesse dalla Corte nella sua precedente sentenza.

Il tribunale ascolterà la questione il prossimo giorno. 6 dicembre

Rispondendo alle indicazioni della corte in una richiesta di pagamento dell'ex gratia ai parenti di coloro che avevano ceduto a Covid-19, l'Autorità nazionale per la gestione dei disastri aveva raccomandato il pagamento di 50.000 rupie per decesso. La corte lo ha approvato il 4 ottobre. L'importo deve essere pagato dai fondi disponibili con il Fondo statale per la risposta ai disastri.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.