Man mano che le infezioni da Covid si diffondono, le case di cura statunitensi sono in ritardo sul lancio per i colpi di richiamo

0
60

Otto dei residenti sono morti di COVID, secondo la casa, che ha descritto tutti come aventi “seri problemi di salute di base”. (Immagine rappresentativa: AP)

Scritto da Reed Abelson

Una casa di cura del Connecticut aveva pianificato di distribuire colpi di richiamo Covid ai residenti all'inizio di questo mese.

Ma prima che potesse iniziare il programma, il coronavirus ha invaso la casa, il Geer Nursing and Rehabilitation Center a North Canaan, infettando 89 persone, tra cui 67 residenti. Quasi tutti erano completamente vaccinati.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Otto dei residenti sono morti di Covid, secondo la casa, che ha descritto tutti come aventi “seri problemi di salute di base”.

< p>La gravità dell'epidemia ha contribuito a spronare i funzionari del Connecticut ad annunciare di recente che lo stato avrebbe istituito cliniche di richiamo in tutte le sue case di cura per coprire quelle strutture che dovevano ancora somministrare dosi aggiuntive.

Diversi stati stanno vivendo nuove ondate di casi di Covid, soprattutto nel Midwest e nel Nordest. E questo mese sono stati segnalati nuovi focolai nelle case di cura nel Vermont, in Virginia e altrove, nonostante un tasso di vaccinazione lungo un mese a livello nazionale di circa l'86% tra i residenti in strutture infermieristiche qualificate.

I programmi di richiamo hanno assunto maggiore urgenza dato che quasi 4.000 nuovi casi di Covid vengono segnalati ogni settimana nelle case di cura, secondo i dati federali, e gli esperti affermano che molti dei casi si verificano in case che devono ancora somministrare le dosi extra.

“Quando confrontiamo i tassi di malattia da Covid-19 tra coloro che sono stati vaccinati con due dosi e quelli che hanno ricevuto una dose di richiamo, il tasso di malattia è notevolmente inferiore per coloro che hanno ricevuto il loro richiamo, dimostrando che i nostri colpi di richiamo stanno funzionando”, ha affermato il dott. Rochelle Walensky, direttrice dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie, durante un briefing alla Casa Bianca questo mese.

E in alcuni luoghi, potrebbero ancora verificarsi epidemie tra i residenti perché i tassi di vaccinazione tra i membri del personale delle case di cura continuano restare indietro rispetto alle medie nazionali.

A differenza della spinta federale concertata dello scorso inverno per vaccinare i residenti e il personale nelle case di cura, il lancio del richiamo è stato lento e frammentario, hanno affermato gli esperti di salute. Le informazioni pubbliche sono scarse: circa il 42% degli americani di età superiore ai 65 anni ha ricevuto un'iniezione di richiamo, secondo i rapporti federali, ma non ci sono ancora dati disponibili sui siti statunitensi per monitorare i programmi di richiamo delle case di cura.

Lo sbalorditivo bilancio delle vittime di Covid nelle case di cura nel 2020, il forte calo dei casi dopo la campagna di vaccini di successo e poi il costante aumento di nuovo a fine estate e questo autunno avrebbe dovuto rendere i booster per gli americani più anziani una priorità assoluta, affermano alcuni esperti.

Spiegato | Perché il Primo Ministro Modi ha chiesto di rivedere i piani per allentare i cordoli dei viaggi internazionali?

“Ciò che è stato sorprendente è la mancanza di dati e attenzione sulle case di cura questa volta”, ha affermato il dottor Ashish Jha, medico e preside della Brown University School of Public Health. Il governo avrebbe dovuto autorizzare dosi aggiuntive già a luglio, ha osservato, soprattutto perché i residenti delle case di cura sono stati tra i primi a ricevere i vaccini 10 o più mesi fa.

“A quel punto i dati erano chiari, Ha detto Jha. “Stavamo assistendo alla diminuzione dell'immunità, in particolare negli anziani.”

Ad agosto sono state autorizzate terze dosi di alcuni vaccini per persone con sistema immunitario indebolito. Ma quando alla fine di settembre furono approvati i colpi di richiamo per il vaccino Pfizer-BioNTech, seguiti dalle approvazioni per Moderna e Johnson & Johnson, il mese successivo, molti residenti nelle case di cura avevano già perso parte della loro protezione iniziale contro le infezioni, affermano gli esperti. Ed erano più vulnerabili alle malattie gravi a causa della loro età e del peggioramento della salute.

“Sei mesi per loro erano molto prima di sei mesi per la popolazione generale”, ha detto David Grabowski, professore di politica sanitaria ad Harvard che studia case di cura. I residenti delle strutture di residenza assistita sono particolarmente a rischio perché non sembra esserci una strategia coerente, ha affermato. Nuovi focolai complicano le cose mettendo in attesa i programmi di richiamo fino alla scomparsa dei casi.

Lo sforzo di vaccinare i residenti lo scorso inverno è stato delegato a due grandi catene di farmacie, CVS Health e Walgreens. Quando i contratti federali sono terminati all'inizio di quest'anno, le case di cura sono tornate a fare affidamento sulle farmacie normalmente utilizzate per vaccinare i residenti contro l'influenza.

L'amministrazione Biden ha affermato di avere successo nei suoi sforzi per garantire che i residenti ricevano le dosi aggiuntive. “Stiamo assistendo a progressi davvero, davvero forti negli stati di tutto il paese”, ha affermato Sonya Bernstein, consigliere senior della Casa Bianca su Covid. In West Virginia, le case di cura hanno già compiuto sforzi per aumentare la protezione dei residenti, ha affermato, e ha indicato programmi solidi in Ohio e North Carolina.

Anche altre aree sono riuscite a fornire una copertura di richiamo significativa. Ad esempio, la contea di Los Angeles ha annunciato a metà novembre che quasi tutti i residenti in strutture infermieristiche specializzate avevano ricevuto iniezioni di richiamo.

Bernstein ha affermato che il governo federale stava lavorando anche con strutture che non riescono a trovare una farmacia. “Qualsiasi struttura di assistenza a lungo termine che ha bisogno di aiuto viene abbinata a uno dei nostri partner”, ha affermato Bernstein.

La metà di quelli di età pari o superiore a 65 anni che sono diventati idonei per i colpi di richiamo del vaccino Pfizer alla fine di settembre li ha ricevuti, hanno detto i funzionari della sanità pubblica in un recente annuncio. Questo è stato confrontato con i quasi tre mesi necessari per fornire metà delle prime dosi a questo gruppo.

I Centers for Medicare e Medicaid Services, che riportano i tassi di vaccinazione a livello nazionale e per le singole strutture sul suo sito web, hanno affermato che pianificato di pubblicare dati sui booster entro le prossime due settimane, consentendo ai consumatori di confrontare le singole case di cura “nei prossimi mesi”.

“CMS sta lavorando con le case di cura per aumentare l'assorbimento di Covid-19”, ha affermato l'agenzia.

Ma altri problemi legati alla pandemia continuano ad affliggere le case di cura, alcune delle quali hanno ancora un gran numero di lavoratori non vaccinati, anche se il tasso medio di vaccinazione del personale ha ora raggiunto il 74%. Si avvicina il mandato federale per immunizzare il personale, anche se numerosi stati stanno facendo causa per bloccare la regola.

Molte strutture stanno anche affrontando gravi e costose carenze di personale. Alcuni dicono che la decisione del CMS all'inizio di questo mese di richiedere alle case di cura di consentire la visita libera dei residenti sta complicando i loro sforzi. Alcuni hanno affermato di essere stati colti alla sprovvista dall'annuncio che le visite erano ora consentite a tutti i residenti in ogni momento, il che potrebbe introdurre nuove infezioni della comunità nelle case.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.