La risoluzione nativa nel gioco è ancora importante?

0
58
Gorodenkoff/Shutterstock.com

Potremmo vivere nell'era della post-risoluzione, ma ci sono ancora molti accesi dibattiti sui giochi a risoluzione nativa sui moderni display 4K (o superiori). Il rendering alla risoluzione nativa è davvero importante? Forse è ora di lasciar perdere.

Cos'è “Nativo” Risoluzione?

I display a schermo piatto, siano essi LED, OLED o plasma, hanno una griglia di pixel fisici. Quando un'immagine ha almeno tanti pixel di dati quanti ne può visualizzare fisicamente lo schermo, ottieni la massima nitidezza e chiarezza possibile su quello schermo. Questo è diverso dai vecchi display CRT (Cathode Ray Tube), che utilizzano un raggio carico per disegnare un'immagine sullo strato fosforescente sul retro dello schermo. Le immagini su un CRT hanno un bell'aspetto a qualsiasi risoluzione perché il raggio può semplicemente disegnare il numero di pixel di cui ha bisogno, almeno fino a un certo limite.

Sugli schermi piatti, quando il numero di pixel nel contenuto (ad esempio, un gioco, una fotografia o un video) è inferiore alla risoluzione nativa del display, l'immagine deve essere “ridimensionata.&#8221 ; Un display 4K ha quattro volte il numero di pixel rispetto a un display Full HD, quindi per ridimensionare un'immagine Full HD a 4K puoi usare quattro pixel 4K per rappresentare un pixel Full HD. Funziona abbastanza bene e, in generale, l'immagine avrà ancora un bell'aspetto, ma non sarà nitida come un'immagine nativa.

Il problema inizia quando le immagini a bassa risoluzione non si dividono così nettamente nella griglia di pixel nativi del display. Qui è dove ci spostiamo nel regno della stima dei valori dei pixel. Quando abbiamo un fattore di scala perfettamente divisibile, i gruppi di pixel che rappresentano un pixel a bassa risoluzione hanno tutti lo stesso valore di colore e luminosità dell'originale. Con un fattore di scala imperfetto, alcuni pixel devono rappresentare i valori di colore e luminosità di diversi pixel originali. Esistono vari approcci per risolvere questo problema, come la media dei valori dei pixel divisi. Purtroppo, questo generalmente rende un'immagine brutta.

Risoluzione nativa e prestazioni di gioco

Mohsen Vaziri/Shutterstock.com

La saggezza convenzionale è stata quella di utilizzare solo contenuti a risoluzione nativa o, per lo meno, contenuti che si adattano perfettamente alla risoluzione più alta. Per i giochi, ciò significa effettivamente che il gioco deve eseguire il rendering alla risoluzione nativa del display per la migliore qualità dell'immagine. Sfortunatamente, questo mette un carico più pesante sulla GPU (Graphics Processing Unit) che impiega più tempo per disegnare ogni fotogramma del gioco, poiché ci sono più pixel. Se il carico aggiuntivo è eccessivo, la GPU potrebbe non essere in grado di disegnare frame abbastanza velocemente da rendere il gioco fluido e giocabile.

Pubblicità

Se non possiamo abbassare la risoluzione, l'unico modo per ridurre il carico sulla GPU e aumentare il framerate è disattivare altre funzionalità visive. Ad esempio, potresti ridurre la qualità dell'illuminazione, i dettagli della trama, la distanza di disegno, ecc. In effetti, sei costretto a scambiare la qualità visiva con la chiarezza visiva. Se scegli di accettare semplicemente il frame rate più basso, stai quindi scambiando chiarezza e reattività del movimento per una migliore qualità in ogni fotogramma. Non c'è una risposta corretta qui poiché giochi diversi e giocatori diversi assegnano valori diversi a questi, ma c'è un compromesso, non importa quale.

Che ne dici di ricorrere al ridimensionamento perfetto? Sebbene questo affronti i peggiori artefatti di ridimensionamento, offre il problema opposto. Ad esempio, la successiva risoluzione inferiore che si adatta perfettamente a 3840×2160 (UHD 4K) è 1920×1080 (Full HD). Come accennato in precedenza, sono quattro volte meno pixel. Sull'hardware moderno, ci sono buone probabilità che tu non utilizzi tutta la potenza della tua GPU a questa risoluzione.

Puoi utilizzare quel margine aggiuntivo per aumentare altre impostazioni di qualità visiva o puoi sfruttare frame rate più veloci, soprattutto se disponi di un display in grado di visualizzarli grazie al supporto della frequenza di aggiornamento rapida.

Nessuna di queste soluzioni è ottimale e c'è un vasto divario tra questi due punti in cui è possibile trovare il perfetto equilibrio tra risoluzione, frame rate e qualità di rendering. se solo quella risoluzione arbitraria andasse bene. Per la maggior parte della storia dello schermo piatto, non è stato così. Oggi le cose sono molto diverse.

Risoluzione di output e risoluzione di rendering

Il primo concetto che ci aiuta a capire perché le risoluzioni non native non sembrano orribili a schermo piatto- display del pannello è quello della risoluzione di rendering e della risoluzione di output. La risoluzione di rendering è la risoluzione dell'immagine che il gioco rende internamente. La risoluzione di output è la risoluzione del frame che viene effettivamente inviato al display.

Ad esempio, se hai una PlayStation 5 collegata a un display 4K, il display segnalerà che sta ricevendo un segnale 4K. Questo è indipendentemente da quale sia l'effettiva risoluzione interna del gioco. Perché fare tutto questo sforzo per ingannare il display facendogli credere che sta ottenendo un'immagine 4K? In breve, è perché impedisce allo scaler integrato del display di entrare in azione e consente allo sviluppatore del gioco di avere il controllo totale su come la propria immagine viene ridimensionata dalla risoluzione interna alla risoluzione nativa dello schermo. Questo è il segreto del motivo per cui la risoluzione nativa non ha più importanza.

Abbiamo la tecnologia

Gli sviluppatori di giochi ora hanno a disposizione un intero arsenale di tecniche di ridimensionamento. Non potremmo descriverli tutti qui, ma ce ne sono alcuni importanti che vale la pena conoscere.

Pubblicità

Prima di tutto, se il gioco ha il controllo sul processo di ridimensionamento, può assicurarsi di calcolare i migliori valori di pixel nell'immagine finale, derivata dal rendering interno. Poiché lo sviluppatore del gioco ha il controllo completo del processo di ridimensionamento, può mettere a punto il proprio scaler per riprodurre l'aspetto desiderato per il proprio gioco specifico.

L'utilizzo di una tecnica di ridimensionamento interno personalizzato rende possibile anche il Dynamic Resolution Scaling (DRS) È qui che ogni fotogramma viene renderizzato alla massima risoluzione possibile mantenendo un framerate target specifico. Il risultato finale è un po' come lo streaming video, dove la qualità varia dinamicamente in base alla larghezza di banda disponibile. Tranne, DRS è molto molto più fine e reattivo. Questa finisce per essere una soluzione davvero eccezionale, perché il tuo gioco sembra più nitido quando non c'è molto da fare e ha cali di risoluzione nel calore dell'azione quando è meno probabile che il giocatore se ne accorga.

Esistono anche tecniche avanzate per “ricostruire” immagini a risoluzione inferiore in versioni a risoluzione più elevata. I metodi di ricostruzione delle immagini sono fondamentalmente metodi di ridimensionamento intelligenti che non si limitano a moltiplicare un numero per due. Ad esempio, TAA (Temporal Anti-Aliasing) utilizza le informazioni dei fotogrammi precedenti per rendere più nitido il fotogramma corrente. DLSS (Deep Learning Super Sampling) utilizza algoritmi di apprendimento automatico per eseguire l'upscaling di immagini a bassa risoluzione con hardware speciale trovato sulle schede grafiche Nvidia RTX. Spesso con risultati quasi indistinguibili dal 4K nativo.

Il rendering a scacchiera, comunemente utilizzato sulla console PS4 Pro di Sony, esegue il rendering solo del 50% di ogni fotogramma 4K in una griglia sparsa di pixel. Gli spazi nella griglia sparsa sono quindi derivati ​​dai pixel presenti e, in alcuni casi, dai fotogrammi precedenti. La griglia dei pixel può anche essere spostata secondo uno schema alternato per fotogramma, migliorando la qualità della ricostruzione. Sebbene questo metodo possa essere utilizzato su qualsiasi hardware, PS4 Pro ha in realtà un hardware speciale per migliorare le prestazioni e la qualità del rendering della scacchiera, motivo per cui molti sviluppatori scelgono di usarlo lì.

Questa è solo la punta dell'iceberg, ma tutti questi metodi fanno parte del motivo per cui il rendering a risoluzioni native non è più un problema. Gli sviluppatori del gioco hanno il controllo esatto del processo di ridimensionamento e di come apparirà l'immagine finale con l'output a risoluzione nativa.

La percezione è tutto

< p>L'ultimo motivo per cui non pensiamo che il rendering con risoluzione nativa sia qualcosa per cui vale la pena perdere il sonno come obiettivo è che la risoluzione è solo una piccola parte del puzzle della qualità dell'immagine. In definitiva, ciò che conta davvero è la qualità dell'immagine che percepisci, non un numero arbitrario di pixel.

Pubblicità

Ad esempio, un'immagine 4K di una figura stilizzata disegnata a matita è certamente meno piacevole per il occhio di un bel dipinto rinascimentale a 1080p. Colore, contrasto, fluidità, qualità della luce, direzione artistica e dettagli delle texture sono tutti esempi di fattori di qualità dell'immagine nei giochi che fanno parte della qualità complessiva che percepisci. Valuta la grafica di un gioco in modo olistico e in un modo che rifletta il modo in cui è destinato a essere giocato. Non con una lente d'ingrandimento per contare i singoli pixel che danzano sulla punta di uno spillo.

LEGGI SUCCESSIVO

  • › Cyber ​​Monday 2021: le migliori offerte per PC
  • › Cyber ​​Monday 2021: le migliori offerte Apple
  • › Come accendere le luci con la sveglia
  • › 12 funzioni di base di Excel che tutti dovrebbero conoscere
  • › Che cos'è un System on a Chip (SoC)?
  • › Cyber ​​Monday 2021: le migliori offerte tecnologiche