Il primo ministro afghano difende il governo dei talebani in mezzo alla crisi

0
64

Da decenni la comunità sciita afghana è dilaniata dalla violenza, perpetuata prima dai talebani. (Rappresentanza/AP)

Sabato il primo ministro talebano afghano ha difeso il governo del gruppo in un discorso pubblico, dicendo che non era da biasimare per il peggioramento della crisi economica e sta lavorando per riparare la corruzione del governo deposto. Ha anche respinto le pressioni internazionali per la formazione di un governo più inclusivo.

L'audio di mezz'ora riprodotto sui media statali è stato il primo discorso pubblico di Mohammed Hassan Akhund da quando i talebani hanno conquistato Kabul e si sono assicurati la loro governare il paese tre mesi fa. L'acquisizione talebana ha portato alla chiusura degli aiuti internazionali al governo e al blocco di miliardi di dollari in beni afgani detenuti all'estero, peggiorando un'economia già in rovina.

Akhund ha affermato che i problemi del peggioramento della disoccupazione e del tracollo finanziario erano iniziati sotto il precedente governo sostenuto dagli Stati Uniti, aggiungendo che gli afgani non dovrebbero credere alle affermazioni secondo cui i talebani erano da biasimare.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png Difensori dei diritti delle donne afghane e attivisti civili protestano per chiedere ai talebani di preservare i loro risultati e la loro istruzione, di fronte al palazzo presidenziale a Kabul, in Afghanistan. (Reuters)

“Nazione, sii vigile. Quelli rimasti in clandestinità dal precedente governo sono … causando ansia, inducendo la gente a diffidare del proprio governo,” disse.

Il governo deposto aveva gestito “il sistema più debole del mondo,” ha detto, indicando la corruzione pervasiva. Al contrario, ha detto, i talebani stanno eliminando la corruzione e hanno portato sicurezza in tutto il paese.

Ha spiegato |I talebani possono sopprimere la potente minaccia dell'IS?

“Stiamo cercando il più possibile di risolvere i problemi delle persone. Stiamo facendo gli straordinari in ogni reparto,” Akhund ha detto, aggiungendo che il gruppo ha formato comitati per cercare di risolvere la crisi economica e pagare gli stipendi ai dipendenti del governo, che sono in gran parte senza stipendio da mesi.

Funzionari delle Nazioni Unite hanno avvertito di una crisi umanitaria con milioni di afghani che sprofondano nella povertà e affrontano la fame, con un numero crescente di persone sull'orlo della fame. L'Afghanistan è stato colpito da una delle peggiori carestie degli ultimi decenni e il collasso economico ha impedito a molte persone di permettersi il cibo.

Akhund ha esortato le persone a pregare per la fine della carestia, che ha chiamato e #8220;una prova di Dio, dopo che le persone si sono ribellate a Lui.”

Gli Stati Uniti e altri paesi si sono rifiutati di riconoscere il governo talebano fino a quando non includerà una parte maggiore dello spettro etnico e politico dell'Afghanistan _ così come le donne _ e fino a quando non garantirà i diritti delle donne.

Leggi | Economia in bilico, i talebani si affidano agli ex tecnocrati

Tutti i ministri dell'attuale gabinetto provengono dalle file dei talebani. I talebani non hanno completamente escluso le donne dalla sfera pubblica come hanno fatto durante il loro precedente governo alla fine degli anni '90. Ma hanno ordinato alla maggior parte delle dipendenti governative di non venire al lavoro e non hanno permesso alle ragazze delle superiori di tornare a scuola, anche se hanno permesso alle ragazze più giovani.

Akhund ha respinto le richieste, dicendo che il governo ha membri da tutto il nazione. Ha insistito che l'Emirato Islamico _ come i talebani chiamano il loro governo _ “ha salvato la dignità delle donne.”

 

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.