La polizia spagnola protesta contro il piano del governo di riformare la “legge bavaglio”

0
130

La polizia marcia davanti al parlamento spagnolo durante una marcia di protesta a Madrid, Spagna, sabato 27 novembre 2021. Decine di migliaia di agenti di polizia spagnoli e i loro sostenitori si sono radunati a Madrid sabato per protestare contro i piani del governo di riformare una controversa legge sulla sicurezza conosciuta dai critici come la “legge bavaglio”. (AP)

Decine di migliaia di agenti di polizia spagnoli e i loro sostenitori hanno marciato sabato a Madrid per protestare contro i piani del governo di riformare una controversa legge sulla sicurezza conosciuta dai critici come “legge bavaglio”.

I critici della legge sulla sicurezza dei cittadini approvata dal precedente governo conservatore nel 2015 hanno affermato per anni che essa conferiva troppo potere alle forze di sicurezza a scapito delle libertà civili. Potenti sindacati di polizia, tuttavia, affermano che le modifiche proposte alla legge renderanno il loro lavoro più difficile.

Una nuova versione della legge sponsorizzata dal piccolo Partito Nazionalista Basco, o PNV, ha recentemente ottenuto il sostegno di Coalizione di governo della sinistra spagnola. Amnesty International e l'Ombudsman Office spagnolo hanno chiesto di modificare la legge.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La proposta di legge potrebbe ancora subire modifiche durante i negoziati nella camera bassa del parlamento, ma allo stato attuale eliminerebbe alcune delle parti più controverse della legge attuale. Questi includono l'articolo che vietava di organizzare proteste nelle immediate vicinanze degli edifici del Congresso o del Senato e l'articolo che consentiva alle guardie di frontiera di respingere i migranti che avevano attraversato la frontiera.

Un nuovo tweak sostenuto dal governo è l'indennità per le proteste spontanee che ora comunemente derivano dall'organizzazione rapida di una marcia, ad esempio, per rispondere a un caso di violenza di genere. Attualmente, gli organizzatori di proteste o marce dovrebbero informare in anticipo le autorità.

I sindacati di polizia sono contrari ad altre modifiche pianificate, soprattutto una per rimuovere l'obbligo per i cittadini di richiedere il permesso alle autorità prima di filmare e pubblicare video di agenti al lavoro . L'anno scorso, la Corte costituzionale spagnola ha stabilito che tale requisito per l'approvazione precedente era incostituzionale.

Ma la polizia teme che ciò possa rendere i loro agenti facili da identificare e quindi metterli a rischio di rappresaglie. I fautori della legge lo negano, promettendo che la nuova legge mira a trovare un migliore equilibrio tra libertà e sicurezza.

“La riforma che il governo sta preparando andrà a beneficio solo di manifestanti violenti e criminali”, Pablo Pérez , portavoce del sindacato JUPOL per la polizia nazionale spagnola. “Mette i cittadini e soprattutto gli agenti di polizia in grave pericolo perché ci lega mani e piedi quando affrontiamo la violenza.”

I partiti di opposizione di destra hanno sostenuto i manifestanti della polizia. Sia il partito di estrema destra Vox che il Partito Popolare che hanno approvato la legge sulla sicurezza originale mentre erano al potere hanno inviato i loro leader alla manifestazione.

Il portavoce del Partito Socialista Felipe Sicilia ha affermato che il governo vuole “adattare la legge a una nuova era” e riscriverla in modo da “ridurre i dubbi sul diritto di riunirsi in pubblico e di protestare”.

“Questa legge è migliorare il nostro modo di gestire la sicurezza pubblica”, ha detto Sicilia. “E, naturalmente, significa proteggere i nostri membri delle forze di sicurezza in modo che possano lavorare in modo professionale e con garanzie legali.”

 

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.