I paesi democratici devono pensare a creare un Internet sicuro e responsabile: MoS IT

0
56

Il governo si è impegnato a connettere tutti gli indiani a Internet, ha affermato Rajeev Chandrasekhar

I paesi democratici devono unire le mani per pensare a creare sicurezza, fiducia e responsabilità su Internet che senza confini, ha dichiarato sabato il ministro di Stato per l'elettronica e l'informatica Rajeev Chandrasekhar.

Parlando al primo India Internet Governance Forum (IIGF) organizzato dal Ministero dell'elettronica e della tecnologia dell'informazione e dal National Internet Exchange of India (NIXI), ha affermato che l'India sta diventando una delle più grandi nazioni connesse con 800 milioni di persone online.

Con il più grande programma di banda larga rurale del mondo, l'India avrebbe presto più di 1 miliardo di persone su Internet, ha osservato.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png < p>“Data la dimensione di Internet e del cyberspazio, che non ha confini, ha bisogno di cooperazione. Il mondo ha bisogno di pensarci, specialmente i paesi e le società democratiche,” ha detto Chandrasekhar.

Notizie principali in questo momento

Fai clic qui per ulteriori informazioni

Ha affermato che il Primo Ministro Narendra Modi ha lanciato la Missione per l'India digitale con 3 obiettivi principali — trasformare la vita degli indiani, espandere le opportunità economiche con l'imprenditoria digitale e migliorare le capacità strategiche in determinate tecnologie, compreso Internet, in modo che il futuro di Internet sia guidato da paesi che sono società aperte e condividono lo stesso insieme di valori democratici e rispettano i cittadini diritti.

“IIGF in molti modi riguardava il parlare e avere più parti interessate attorno alla grande tavola rotonda, ad esempio l'India, su come mantenere aperto Internet? Come possiamo assicurarci che Internet sia sicuro e fidato da tutte quelle persone che lo usano, e la sicurezza e la fiducia sono attributi estremamente importanti perché ci sono dati demografici completamente nuovi che non erano previsti molti anni fa, ovvero bambini, donne e anziani, ” Chandrasekhar ha detto.

Ha detto che il governo è impegnato a connettere tutti gli indiani a Internet.

Esperto di sicurezza informatica e avvocato della Corte Suprema, Pavan Duggal ha affermato che il governo ha fatto un emendamento nel 2008 nell'IT Act, ma ha introdotto disposizioni cosmetiche sulla sicurezza.

“Era il momento in cui la sicurezza informatica iniziava a evolversi. Nel 2021 dovremo disporre di un quadro giuridico dedicato per la sicurezza informatica sotto forma di disposizioni dedicate ai sensi dell'IT Act o sotto forma di nuova legislazione. La sicurezza informatica e la resilienza informatica devono essere obbligatorie,” ha detto Duggal.

Il direttore di Voyager Infosec Jiten Jain ha affermato che l'India è agli albori dell'era digitale con abbondante manodopera qualificata, ma le disposizioni legali sono state reattive nel paese invece di essere proattive.

“Abbiamo bisogno di una legge che dovrebbe essere un documento in evoluzione, agile, vivo che affronti i problemi di oggi. Qualsiasi legge approvata relativa all'IT Act, dobbiamo farla riesaminare dal Parlamento ogni due anni,” ha detto Jain.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.