I voli all'estero iniziano il 15 dicembre ma i nuovi timori Covid innescano una lista “a rischio”

0
58

Il governo ha anche pubblicato un elenco di paesi “a rischio” e la natura della ripresa dei voli di linea internazionali dipenderà dalla presenza o meno di un paese in questo elenco.

I voli commerciali di linea internazionali da e per l'India riprenderanno dal 15 dicembre in poi dopo un divieto di 21 mesi, secondo un ordine del ministero dell'aviazione civile. Anche se la mossa potrebbe potenzialmente far abbassare le tariffe su alcune rotte di volo ad alto volume, questo avviene in un momento in cui i viaggi internazionali devono affrontare nuove incertezze a causa della nuova variante di Covid-19.

Il governo ha anche pubblicato un elenco di paesi “a rischio” e la natura della ripresa dei voli di linea internazionali dipenderà dalla presenza o meno di un paese in questo elenco. Comprende paesi in Europa, tra cui Regno Unito e Sudafrica, Brasile, Bangladesh, Botswana, Cina, Mauritius, Nuova Zelanda, Zimbabwe, Singapore, Hong Kong e Israele. I passeggeri che viaggiano dai paesi in questo elenco rilasciato dal Ministero della salute e del benessere familiare dovranno essere sottoposti a misure aggiuntive all'arrivo in India, compresi i test post-arrivo.

Leggi anche | Spiegato: cosa sappiamo della variante Omicron di Covid-19 finora

Nella sua ordinanza, il Ministero dell'Aviazione Civile ha osservato: “La questione della ripresa dei servizi di linea passeggeri commerciali internazionali da e per l'India è stata esaminata in consultazione con il Ministero degli affari interni, il Ministero degli affari esteri e il Ministero della salute e del benessere familiare ed è stato deciso che i servizi passeggeri commerciali internazionali di linea da e verso l'India potranno riprendere dal 15 dicembre 2021”.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Per i paesi non inclusi in questo elenco “a rischio”, le compagnie aeree saranno autorizzate a montare voli in base ai diritti a piena capacità decisi negli accordi bilaterali sui servizi aerei tra l'India e il particolare paese. Per i paesi in questo elenco che hanno un accordo a bolle d'aria con l'India — come il Regno Unito e paesi europei come Germania, Paesi Bassi, Francia, ecc — alle compagnie aeree è stato consentito di aumentare il 75% della capacità pre-Covid, o un minimo di sette frequenze a settimana. Infine, per i paesi “a rischio” senza accordi per le bolle d'aria, è stato concesso il 50 per cento dei diritti di capacità bilaterali.

I viaggiatori in paesi come gli Stati Uniti, dove l'accordo bilaterale con l'India stabilisce che le compagnie aeree di entrambi i paesi possono montare frequenze di volo illimitate, possono aspettarsi uno sconto sulle tariffe per i voli diretti India-Stati Uniti prima delle festività natalizie di dicembre. Allo stesso modo, per il Canada, le compagnie aeree di entrambi i paesi potranno operare la piena capacità di 35 voli a settimana, mentre per la Thailandia, che è una delle principali destinazioni turistiche, le compagnie aeree di entrambi i paesi possono montare una capacità massima di 9.895 posti a settimana. come da contratto.

Per alcuni paesi in cui i posti assegnati nell'ambito dell'accordo a bolle d'aria erano superiori ai diritti bilaterali, il Ministero ha affermato: “I posti nell'ambito dell'accordo a bolle d'aria che sono già stati venduti dalle compagnie aeree, che sono più dei diritti di capacità previsti dagli accordi bilaterali sui servizi aerei disponibile con le compagnie aeree, potranno essere operate fino al 14 dicembre 2021.”

“Tali compagnie aeree limiteranno le loro operazioni ai diritti di capacità stipulano accordi bilaterali sui servizi aerei disponibili con le compagnie aeree a partire dal 15 dicembre 2021 “, ha detto.

Secondo i dirigenti della compagnia aerea, il numero di voli consentiti comporterà una maggiore allocazione della capacità per soddisfare la domanda, ma hanno anche affermato che monitoreranno la situazione nel contesto della nuova variante Covid-19.

“ Nel Regno Unito hanno inserito il Sudafrica nella lista rossa, quindi gli arrivi saranno con quarantena totale. Ovviamente valuteremo la nostra rete e le nostre frequenze in Sud Africa in conseguenza di ciò”, ha dichiarato Alex McEwan, Country Manager, South Asia, Virgin Atlantic a The Indian Express.

Un alto funzionario di un vettore low cost indiano ha affermato che la capacità aggiunta dalle compagnie aeree dipenderà anche da ciò che il paese di destinazione consente. “Dovremo sederci con i nostri pianificatori di rete e decidere in base alla domanda e alle regole imposte dagli altri paesi per vedere quali voli sarà possibile operare. Se, a causa delle restrizioni di viaggio nel paese di destinazione, non c'è abbastanza domanda, volare lì non ha senso per gli affari. Ma su una scala più ampia, ci sono un certo numero di paesi in cui c'è una certa domanda da parte dei viaggiatori di piacere”, ha detto il funzionario della compagnia aerea.

L'India ha ripreso a concedere visti turistici per coloro che volano su voli charter dal 15 ottobre. e per altri voli dal 15 novembre.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.