Estratto dal libro: “Il perdono è una scelta” di Kia Scherr

0
65

Come si fa a perdonare il terrorista che ha ucciso la tua famiglia? Leggi tutto qui. (Foto: Dispensa PR)

La mia storia di perdono

Mercoledì 26 novembre 2008, mentre stavo preparando una tazza di tè a casa di mia madre in Florida, squillò il telefono. L'ho preso casualmente e ho sentito la voce frenetica del mio amico e collega: “Kia, accendi il telegiornale, l'hotel Oberoi è stato attaccato dai terroristi.” Ho lasciato cadere il telefono e sono caduto a terra mentre gridavo a mia madre per accendere le notizie. Eccolo lì, fumo che usciva dall'iconico hotel Taj, ma nessuna menzione dell'Oberoi. Quello è arrivato dopo. Mentre speravamo e pregavamo per la sicurezza di Alan e Naomi, mio ​​marito e mia figlia tredicenne, sono trascorsi due giorni prima della fatidica telefonata dal consolato americano a Mumbai. «Mi dispiace tanto, signora Scherr. Sia tuo marito che tua figlia sono stati uccisi nel ristorante dell'hotel Oberoi. I loro corpi sono stati ora identificati.'

La vita come la conoscevo finì in quel momento. Per Alan e Naomi, il loro viaggio in India doveva essere il viaggio di una vita, un sogno che diventa realtà per Naomi, che era entusiasta di visitare la bellissima, esotica, colorata e sorprendente Mumbai, conosciuta come la città dei sogni.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Mentre i loro corpi giacevano senza vita sotto un tavolo nel lussuoso hotel Oberoi, mi trovavo in una strana zona crepuscolare da qualche parte nel mezzo di una tranquilla comunità di anziani recintata nella soleggiata Florida con palme che ondeggiavano in una leggera brezza all'esterno. All'interno della casa, l'annunciatore del telegiornale mi ha riportato alla devastante realtà che Alan e Naomi erano due delle vittime uccise di un attacco terroristico.

LEGGI ANCHE | Kia Scherr: Il perdono è una scelta per non essere tenuti in ostaggio dal terrorismo

Intorpiditi dallo shock e dall'incredulità, io e la mia famiglia ci siamo seduti in soggiorno e abbiamo guardato le conseguenze dell'attacco per scoprire ulteriori informazioni. Eccolo lì, Ajmal Kasab, l'unico terrorista sopravvissuto. Ciascuno dei suoi nove colleghi era stato ucciso, ma lui era sopravvissuto, essendo stato catturato in uno sforzo eroico dalla polizia di Mumbai. In quel momento, ho sentito le parole di Gesù Cristo fluttuare nei miei pensieri: “Perdonali; non sanno quello che fanno.'

(Foto Express di Amit Chakravarty)

Ho detto ad alta voce alla mia famiglia: 'Dobbiamo perdonarli. C'è già troppo odio. Dobbiamo inviare amore e compassione.' Un raggio di pace è entrato nel mio cuore e sapevo che era quello che dovevo fare per sopravvivere a questo. In quelle prime ore dopo aver ricevuto la notizia, ogni respiro è stato uno sforzo.

'C'è una crepa in ogni cosa. È così che entra la luce.'—Leonard Cohen, cantante folk canadese

Mi ci sono voluti molti anni per sperimentare veramente che il perdono è la luce che entra dalle fessure, filtra attraverso i pezzi del mio cuore infranto. Il momento in cui ho detto di sì a quella voce interiore è stato il momento in cui ho iniziato a guarire. Non posso dire di sapere cosa significa perdonare veramente, ma sapevo che non volevo essere tenuto in ostaggio dall'odio e dalla rabbia per il resto della mia vita. Mi sono rifiutato di diventare una vittima. Ero ancora vivo e potevo portare avanti l'opposto dell'odio. Potrei imparare ad amare come un estremista. Cosa significherebbe? Come potrei procedere?

“Come hai potuto perdonare un terrorista?” mi è stato chiesto. Buona domanda. Il terrorismo è un attacco brutale contro l'umanità. Imperdonabile. Ma d'altra parte…

'Veniamo tutti dalla stessa Fonte. Siamo un'unica famiglia umana.'—Saadi Shirazi, poeta persiano

Nel suo libro, Scherr parla di come ha affrontato il dolore per la perdita del marito e figlia.

Se questo è vero, e a me sembra che lo sia, allora una persona che potrebbe diventare un terrorista ha dimenticato questa connessione. Ha dimenticato chi è come essere umano. In questa misura, è in grado di uccidere persone innocenti. Se vivo nel risentimento e nell'odio per il suo disprezzo per la vita umana, per la sua disconnessione dalla fonte di chi è veramente, allora sono io che sono tenuto in ostaggio dal terrorismo. Mi unirei al terrorista con odio. È così che voglio vivere? No. È così che voglio onorare la vita di mio marito e mia figlia, che sono stati uccisi da un giovane che ha dimenticato chi era? No, provo compassione per una persona che ha dimenticato chi era e ha perso la connessione con l'amore. Non ho dimenticato la mia connessione con l'amore, e quindi voglio vivere in amore e armonia con i miei simili. Voglio vivere in pace. Voglio conoscere la diversità di questo magnifico tessuto di vita, onorare quella diversità e celebrare le nostre differenze. Questa è una scelta personale. Ciò non significa che i colpevoli non debbano essere puniti nella misura massima consentita dalla legge. Le azioni hanno conseguenze.

Sono responsabile delle mie azioni e voglio vivere la mia vita nel modo più amorevole possibile. Coloro che infrangono la legge devono essere ritenuti responsabili. Perdonare non significa lasciarli fuori dai guai. Il perdono toglie il gancio dell'odio dai nostri cuori. Quel gancio non fa male a nessuno se non a noi stessi. Una volta compreso questo, il perdono è la scelta più ovvia. Potresti non arrivarci subito. Potrebbero volerci anni. Ho scritto questo libro per aiutarti ad arrivarci. Queste pratiche ti apriranno il cuore e troverai l'amore che ti aspetta a braccia aperte per abbracciarti.

Questo è un libro sulle scelte che ho fatto per resuscitare la mia vita giorno dopo giorno, passo dopo passo. Mi sono chiesto: “Come posso onorare la vita oggi?” “Come posso amare?” Le scelte sono semplici, forse anche ovvie, eppure metterle in pratica è il viaggio di una vita. Queste scelte rappresentano vari modi di essere amorevoli nella vita pratica. Può essere semplice come un sorriso che fai a un commesso in un negozio o esercitando la pazienza con un bambino piccolo. Potrebbe essere ascoltare con tutta la tua attenzione un amico che ha bisogno di conforto. Le possibilità di esprimere amore sono infinite, ma ti farò iniziare con i modi in cui ho usato per guarire la mia vita.

(Foto express di Nirmal Harindran)

Quando ho detto sì al perdono, ho detto sì all'amore e dire sì all'amore era dire sì agli avvenimenti della vita che si presentano ogni giorno. Quando mio marito e mia figlia sono stati uccisi in modo così drammatico, la mia vita si è dissolta su così tanti livelli. Ho scoperto che il modo migliore per vivere era fare un'intenzione consapevole di rinnovare la mia vita un giorno alla volta. Questo è stato difficile a volte, ea volte sembrava impossibile. Alcuni giorni non facevo altro che piangere, pregare e meditare. Ad un certo punto nel mezzo delle lacrime, l'amore si è fatto avanti come un caldo sentimento nel mio cuore. Quando ho imparato a rilassarmi in questo calore, la tristezza si è tramutata in amore.

Per aumentare l'amore nella vita di tutti i giorni, ho dovuto dedicarvi tutta la mia attenzione. “Qualunque cosa su cui poni la tua attenzione diventa più forte nella tua vita” è un insegnamento che ho sempre ricordato di Maharishi Mahesh Yogi. Questa è una pratica profonda che fornisce risultati. Cos'è che vuoi diventare più forte nella tua vita? A cosa pensi durante la tua giornata? Nota i tuoi pensieri e usa il potere dell'intenzione per dirigere la tua attenzione verso le migliori esperienze possibili: amore, felicità, successo, abbondanza, buona salute e pace: dipende da te.

(Estratto con il permesso da ‘Forgiveness Is A Choice’ di Kia Scherr, pubblicato da Penguin Random House)

📣 Per ulteriori notizie sullo stile di vita, seguici su Instagram | Twitter | Facebook e non perdere gli ultimi aggiornamenti!

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie su libri e letteratura, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web dell'Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© IE Online Media Services Pvt Ltd