Come evitare Eenam-Pechi e altre creature

0
58

(Da sinistra a destra) Resul Pookutty, Suresh Eriyat, Adithi Krishnadas, Vijay Kumar, Bibin Dev (Fonte: Studio Eeksaurus)

Se non l'hai visto, fallo. Kandittunda! (Seen It!) di Studio Eeksaurus, con sede a Mumbai, è un cortometraggio malayalam che ha scavalcato gli steccati che ingabbiavano l'animazione in India, dandoci una sceneggiatura basata sulla personalità che permette alla nostra immaginazione di uscire dagli schemi e rompere il mito che senza distribuzione canali, l'animazione non può avere successo.

Kandittund! è ispirato alle storie dell'89enne PNK Panicker, che è sicuro che fantasmi e ghoul ci circondino e afferma di averli visti. È introdotto nell'animazione da suo figlio, Suresh Eriyat, anche il direttore creativo di Studio Eeksaurus, come un “allegro, bravo ragazzo” a cui piace guardare film ed evocare storie da ciò che vede sullo schermo e conserva dal folklore.

Una scena del film, Kandittund!

Incontriamo personaggi dell'aldilà popolari nel paesaggio del Kerala: Eenam-pechi (un pangolino), che intrappola le donne incinte; Aana Marutha, che indossa catene di ferro come cavigliere ed è una creatura elefante di un piede e mezzo piuttosto innocua; Arukola fluttua come un'ombra senza volto, mentre Thedan, che è alto più di un metro e ottanta, con “occhi sporgenti”, è una divinità, che Panico ha incontrato solo una volta. C'è anche il fin troppo familiare Kuttichaathan, che puoi invocare per stroncare la felicità dei tuoi nemici sul nascere.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png Un fotogramma del film, Kandittund!

“Ho fatto la registrazione video con la fotocamera del mio telefono quattro anni fa e volevo trasformarla in un film, con riprese reali di mio padre e animazione nella narrazione dei fantasmi. Ma non ha preso forma. Adithi si è unito a noi due anni fa. Quando ha realizzato gli schizzi di mio padre e ha mostrato lo storyboard, era azzeccato”, afferma Eriyat, “Segue vagamente uno stile documentaristico, ma l'immaginazione è il punto culminante del film. Molte di queste sono entità conosciute, ma qui sono state reimmaginate visivamente.”

Il film di Adithi Krishnadas è l'ambizione della ventiquattrenne di unire il suo amore d'infanzia per i cartoni animati e la follia dei film malayalam. “Per me, tutto ciò che riguarda Kandittund! è stato impegnativo, ma è questo che lo ha reso divertente! Ad esempio, per alcune scene, ho dovuto recitare le azioni davanti a uno specchio per vedere come si muoveva il corpo e poi rimetterlo in animazione”, dice Krishnadas, a proposito del film che ha richiesto quasi 18 mesi per essere completato. Sebbene il suo formato in bianco e nero sia stata una decisione radicale, Krishnadas ha fatto un ottimo lavoro nel bilanciare i dialoghi con l'animazione 2D.

Rilasciato il 14 novembre, è l'ode di Eriyat a suo padre. E come la maggior parte delle storie di padre e figlio, arriva con un'accattivante qualità di narrazione, che consente allo spettatore di sentirsi a casa con Panicker mentre ti svela il segreto per spaventare l'Arukola o ti racconta l'amore di Eenam-pechi per i manghi crudi. Intriso di umorismo, Krishnadas ha scelto consapevolmente di presentare la storia attraverso gli occhi di Panicker. “Quando parla dei mostri, è come se fossero davvero lì. Lo vedi di nascosto mentre guarda il fantasma dietro un cespuglio, per esempio”, dice.

Una scena del film, Kandittund!

Ciò che attira anche lo spettatore è la musica. Con a bordo il pluripremiato sound designer-editor Resul Pookutty e Vijayakumar, Eriyat e il team hanno impiegato quasi tre mesi per finalizzare la tonalità del film, che include registrazioni dal vivo di chenda melam (batteria) fatte a Thrippinithura (Kochi). “Abbiamo trovato Nandhu (Kartha) che ha dato al film la sua colonna sonora originale. C'è un senso di minimalismo nel film, ed eravamo particolarmente attenti al fatto che la musica dovesse essere giusta”, afferma Eriyat. Il gran finale merita una menzione speciale, dove i personaggi sono in processione, mentre Panicker osserva dalla sua finestra, tamburellando con le dita al ritmo dei tamburi.

A ancora dal film, Kandittund!

Per più di due decenni, lo studio di Eriyat ha vinto premi per i suoi film pubblicitari e animazione, incentrati su storie locali con un fascino universale. Kandittunda! ha già vinto oltre sei premi internazionali, tra cui il Satoshi Kon Award giapponese per l'eccellenza nell'animazione e l'oro al Digicon6 Asia.

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sugli occhi, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.