L'Italia prende di mira i non vaccinati con restrizioni all'aumentare dei casi

0
62

Le persone si radunano all'interno di un ristorante nel centro di Roma, martedì 1 giugno 2021. A partire da martedì è stato nuovamente consentito ai clienti di accedere a bar e ristoranti, che prima erano autorizzati solo a servire all'aperto o prepararsi per asporto causa restrizioni Covid. (AP Photo/Gregorio Borgia)

Il governo italiano ha deciso di escludere le persone non vaccinate da alcune attività ricreative nel tentativo di contenere l'aumento delle infezioni da coronavirus e di evitare blocchi finanziari paralizzanti proprio mentre l'economia sta ricominciando a crescere.

A partire dal 6 dicembre, solo le persone con un certificato di vaccinazione o di essere guarite dal COVID-19 possono mangiare nei ristoranti al coperto, andare al cinema o agli eventi sportivi, escludendo la possibilità di accedere a tali luoghi solo con un test negativo.

Un nuovo decreto del governo ha inoltre reso obbligatorie le vaccinazioni per le forze dell'ordine, i militari e tutti i dipendenti della scuola. In precedenza, i vaccini erano necessari solo per gli operatori sanitari e gli insegnanti.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Il premier Mario Draghi ha detto che le misure sono necessarie per prevenire il “lento ma costante” aumento delle infezioni dovute alla crescita preservando i guadagni che l'Italia ha ottenuto nel rilancio della terza economia più grande dell'Unione Europea, che si è ridotta dell'8,9% lo scorso anno.

La preoccupazione è particolarmente acuta data l'imminente stagione turistica delle vacanze e l'ondata invernale di contagi. I funzionari regionali del nord, ad esempio, sono alla disperata ricerca che l'industria sciistica italiana, che in tempi normali genera 1,2 miliardi di euro (1,5 miliardi di dollari) di ricavi annui e impiega 5.000 lavoratori fissi e 10.000 stagionali, rimanga aperta dopo perdendo due stagioni a causa del COVID-19.

“Abbiamo iniziato a tornare alla normalità. Vogliamo conservare questa normalità,” Lo ha detto Draghi in conferenza stampa dopo che il Consiglio dei Ministri ha approvato all'unanimità le misure.

L'Italia, dove l'epidemia europea è iniziata nel febbraio 2020, sta registrando un aumento delle infezioni ma in misura più misurata rispetto ad altri paesi dell'UE, registrando circa 10.000 nuovi casi e meno di 100 decessi al giorno.

Ha vaccinato completamente oltre l'84 per cento della sua popolazione di età superiore ai 12 anni, ma gli appuntamenti per la prima dose si sono stabilizzati e 20 piccole città del nord Italia, dove i tassi di vaccinazione sono tra i più bassi del paese, sono andati in semi-blocco mercoledì perché le infezioni erano in rapida crescita.

L'obiettivo delle nuove misure è prevenire tali blocchi generalizzati — coprifuoco dalle 20:00 alle 17:00 e chiusura di bar e ristoranti alle 18:00 — dal ritorno su tutta la linea. Il nuovo decreto consentirebbe a ristoranti e altri locali di rimanere aperti anche quando aumentano i casi e gli ospedali si riempiono, ma solo a quelli con la prova della vaccinazione o di essere guariti dal COVID-19.

A differenza di altri paesi, l'Italia non ha mai allentato molte delle sue restrizioni, anche se i casi sono stati bloccati dal vaccino: i mandati per le mascherine indoor rimangono in vigore e l'Italia il mese scorso è diventata il primo paese in Occidente a richiedere un pass sanitario per accedere al posto di lavoro.

Il cosiddetto “Green Pass” conteneva la prova della vaccinazione, della guarigione dal COVID-19 o un test negativo. Con il nuovo decreto, il governo introduce un “rafforzato” Green Pass che esclude la possibilità di testare determinate attività indoor.

Le persone non vaccinate, ad esempio, non potranno andare al cinema o al teatro o mangiare al chiuso dal 6 dicembre – 15 gennaio, o oltre tale data nelle regioni in cui i tassi di infezione e di ricovero ospedaliero sono in aumento.

Il decreto ha anche aggiunto attività per le quali è necessario anche un Green Pass di base, incluso il check-in in un hotel o l'uso regionale o trasporto pubblico locale. In precedenza, il Green Pass era necessario solo per il trasporto pubblico a lunga percorrenza.

Il decreto invita le autorità locali a mettere a punto controlli rafforzati e a riferire settimanalmente al ministero dell'Interno su come stanno andando per applicare le nuove misure.

Il ministro della Salute Roberto Speranza ha riconosciuto che l'Italia sta facendo meglio di molti dei suoi vicini, ma ha affermato che il Paese ha imparato che la chiave per combattere la pandemia sono le misure preventive e proattive.

“Stare di fronte a il virus è fondamentale se si vuole tenere la situazione sotto controllo,” ha detto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.