Criptovaluta: come l'ago è passato dal divieto alla regolamentazione

0
57

Mentre il vecchio disegno di legge cercava di imporre un divieto su tutte le attività legate alle criptovalute, il nuovo cercherà di fare una chiara distinzione quando si tratta della sua spesso usata categorizzazione come valuta.

In meno di due anni, c'è stato un evidente cambiamento nella posizione del Centro sulle criptovalute – per definire potenzialmente queste valute virtuali come attività finanziarie e per fermarsi prima di un divieto totale alla loro circolazione – basato principalmente su due fattori scatenanti specifici: l'ordine della Corte Suprema del marzo 2020 che ha annullato la decisione della Reserve Bank of India di tagliare l'offerta di denaro agli scambi di criptovalute e l'aumento esponenziale dei flussi di investimento in attività crittografiche dopo la sentenza.

< p>Il cambiamento nella posizione del governo è evidente dal titolo e dalla portata della nuova legislazione – The Cryptocurrency and Regulation of Official Digital Currency Bill, 2021 – che è nettamente diverso dalla precedente – Banning of Cryptocurrency e Regulation of Official Digital Currency Bill, 2019 –raccomandato un paio di anni fa da un comitato interministeriale composto da rappresentanti del Dipartimento degli affari economici del ministero delle Finanze, del ministero delle tecnologie dell'informazione, del SEBI e della RBI, ma alla fine non è stato introdotto dal governo in Parlamento.

Spiegazione |Come sono regolamentate le criptovalute nei paesi di tutto il mondo?

Mentre la vecchia legge cercava di imporre un divieto completo su tutte le attività legate alle criptovalute, inclusi mining, acquisto, detenzione, vendita e negoziazione, la nuova, al contrario, cercherà di fare una chiara distinzione quando si tratta della sua categorizzazione spesso utilizzata come valuta — con la chiarezza della definizione che dovrebbe avere una chiara incidenza sull'aspetto normativo. Non trattando queste attività finanziarie come valute, le indicazioni sono che il Centro mira ad affrontare alcuni dei rischi macroeconomici posti dalle criptovalute che sono state ripetutamente segnalate dalla banca centrale nelle ultime settimane, sia verbalmente che per iscritto.

https: //images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Martedì, il governo ha annunciato che presenterà il nuovo disegno di legge in Parlamento durante la prossima sessione invernale. Ha affermato che il disegno di legge è stato elencato per essere presentato, esaminato e approvato durante la sessione allo scopo di creare “un quadro facilitativo per la creazione della valuta digitale ufficiale che sarà emessa dalla Reserve Bank of India”. “Il disegno di legge mira anche a vietare tutte le criptovalute private in India, tuttavia, consente alcune eccezioni per promuovere la tecnologia alla base della criptovaluta e dei suoi usi”, ha aggiunto.

Tuttavia, è probabile che diversi sviluppi verificatisi nel periodo precedente l'annuncio abbiano modellato la posizione del Centro. Durante l'ultimo mese, il dibattito sulle criptovalute ha preso slancio con una riunione presieduta dal Primo Ministro il 13 novembre che ha raggiunto un consenso sul fatto che i futuri passi del governo nel campo delle criptovalute saranno “progressivi e lungimiranti”, a seguito del quale , il 15 novembre, la Commissione parlamentare permanente sulle finanze ha incontrato le principali parti interessate dello spazio delle criptovalute in India. Giovedì scorso, il Primo Ministro Narendra Modi, parlando al Sydney Dialogue, ha identificato le criptovalute come una delle aree chiave in cui le democrazie dovrebbero lavorare insieme.

La progressione nel governo che ha ripreso il dibattito sulla criptovaluta è arrivata dopo che la banca centrale ha formalmente sollevato le sue preoccupazioni con le valute virtuali con i livelli più alti a Nuova Delhi. Le sue preoccupazioni includevano le varie pubblicità gestite dalle piattaforme di trading di criptovalute e le implicazioni dell'autorizzazione delle criptovalute su aspetti come il riciclaggio di denaro, il finanziamento del terrorismo e persino il potenziale rischio di minare la politica monetaria della RBI.

Questa nuova posizione è in netto contrasto con quella ripresa nel 2019 attraverso il disegno di legge che proponeva di vietare l'estrazione, la detenzione, la vendita, il commercio, l'emissione, lo smaltimento o l'uso di criptovalute nel paese. Quel disegno di legge aveva anche proposto che l'estrazione, la detenzione, la vendita, l'emissione, il trasferimento o l'uso di criptovalute fossero punibili con una multa o la reclusione fino a 10 anni, o entrambi. Questo disegno di legge si basava su un rapporto presentato da un comitato interministeriale guidato dal Dipartimento degli affari economici nel 2019, che aveva raccomandato che tutte le criptovalute private, ad eccezione delle criptovalute emesse dallo Stato, fossero vietate in India. Il comitato aveva anche approvato la posizione assunta dalla RBI nel 2018 per “eliminare l'interfaccia delle istituzioni regolate dalla RBI dalle criptovalute” e sembrava basarsi su di essa. Nell'aprile 2018, la RBI, attraverso una circolare, ha vietato a tutte le banche di trattare efficacemente le valute virtuali, tagliando l'offerta di denaro delle piattaforme che facilitano l'accesso a queste risorse digitali.

La circolare è stata impugnata dalla Internet and Mobile Association of India (IAMAI) presso la Corte Suprema e, nel marzo 2020, la Corte suprema ha annullato il divieto aprendo la strada alle start-up per gestire scambi e piattaforme di trading.

< p>Nella sentenza di 180 pagine emessa da un tribunale di tre giudici guidato dal giudice Rohinton F Nariman, il tribunale ha annullato la circolare della RBI per motivi di “proporzionalità”. Ha sottolineato che il disegno di legge del 2019 non era diventato legge, la posizione alla data era che le valute virtuali (VC) non erano vietate. “… ma il commercio di VC e il funzionamento degli scambi di VC vengono mandati in coma dalla Circolare impugnata disconnettendo la loro ancora di salvezza, vale a dire, l'interfaccia con il normale settore bancario”, ha affermato. “Ciò che è peggio è che ciò è stato fatto (i) nonostante RBI non abbia riscontrato nulla di sbagliato sul modo in cui funzionano questi scambi e (ii) nonostante il fatto che i VC non siano vietati”.

A seguito dell'ordine della Corte Suprema, gli scambi di criptovalute e le piattaforme di trading hanno iniziato a proliferare in tutto il paese. Questo nonostante diverse grandi banche e operatori di tecnologia finanziaria non consentissero l'uso della loro infrastruttura a tali piattaforme. Attualmente, gli scambi di criptovaluta in India operano con il supporto di una manciata di banche tra cui la Punjab National Bank (al dettaglio), Federal Bank, Bank of India, Bank of Maharashtra, Indian Bank, Deutsche Bank, ecc. E un importante emittente di e-wallet.

< /p>

Solo nel 2021, gli scambi di criptovalute e le piattaforme di trading hanno raccolto quasi mezzo miliardo di dollari da capitali di rischio e società di investimento di private equity, con un numero di investitori dell'industria cripto indiana vecchia di mezzo decennio che è cresciuto fino a 15 milioni, secondo stime prudenti, circa il 60 per cento degli investitori nel settore dei fondi comuni di investimento, che ha quasi sessant'anni.

In particolare, anche se sia il governo che la RBI erano sulla stessa pagina per quanto riguarda il funzionamento delle piattaforme di criptovaluta, erano favorevoli all'uso della tecnologia blockchain sottostante. Il 1° febbraio 2018, mentre pronunciava il discorso sul bilancio per il 2018-19, l'allora ministro delle finanze Arun Jaitley aveva dichiarato: “Il sistema di contabilità distribuita o la tecnologia blockchain consente l'organizzazione di qualsiasi catena di record o transazioni senza la necessità di intermediari. Il governo non considera le criptovalute o monete a corso legale e adotterà tutte le misure per eliminare l'uso di queste criptovalute nel finanziamento di attività illegittime o come parte del sistema di pagamento”. “Il governo esplorerà l'uso della tecnologia blockchain in modo proattivo per inaugurare l'economia digitale”, aveva affermato.

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie economiche, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.

© The Indian Express (P ) Ltd