Un'azienda cinese ottiene un contratto per sviluppare il controverso terminal container orientale del porto di Colombo

0
66

La China Harbour Engineering Company ha concluso il contratto per lo sviluppo del terminal container orientale (ECT) del porto di Colombo, secondo una nota del Gabinetto. (Wikimedia Commons)

Un'azienda statale cinese ha siglato il contratto per lo sviluppo del terminal container orientale del porto di Colombo, ha annunciato mercoledì il governo dello Sri Lanka, mesi dopo aver annullato un accordo tripartito con India e Giappone per costruire il porto container d'altura.

La Cina è uno dei maggiori investitori in vari progetti infrastrutturali in Sri Lanka. Ma ci sono state critiche, sia a livello locale che internazionale, e crescenti preoccupazioni sul fatto che la Cina abbia attirato lo Sri Lanka in una trappola del debito.

La nazione insulare nel 2017 ha ceduto il porto di Hambantota, strategicamente importante, a un cinese gestito dallo stato. società per un contratto di locazione di 99 anni come scambio di debiti per un importo di 1,2 miliardi di dollari.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

La China Harbour Engineering Company ha concluso il contratto sviluppare gradualmente il terminal container orientale (ECT) del porto di Colombo, secondo una nota del Gabinetto.

Il governo ha approvato la proposta avanzata dal ministro dei porti e delle spedizioni di selezionare l'azienda cinese in una procedura di gara competitiva, ha affermato, senza menzionare quanto valesse l'accordo.

Il progetto di sviluppo dell'ECT ​​era diventato un controversa questione politica in Lanka con l'amministrazione del presidente Gotabaya Rajapaksa che ha rinnegato un accordo trilaterale precedentemente stipulato con India e Giappone per sviluppare l'ECT.

I sindacati portuali guidati dagli affiliati SLPP al potere hanno fatto pressione per abbandonare l'accordo India-Giappone, sostenendo che l'accordo proposto con l'India Adani Group era una svendita del redditizio ECT. Hanno chiesto che l'ECT ​​dovesse funzionare sotto l'Autorità dei porti dello Sri Lanka (SLPA) di proprietà del governo.

L'SLPA aveva firmato un memorandum di cooperazione nel maggio 2019 con l'India e il Giappone per sviluppare l'ECT ​​durante la precedente Sirisena governo.

I sindacati del porto di Colombo si sono opposti alla proposta di investitori indiani e giapponesi di acquistare il 49% del capitale dell'ECT. Hanno chiesto all'ECT ​​di rimanere al 100% di proprietà dell'SLPA rispetto al 51%.

Il presidente Rajapaksa aveva dichiarato di volere che l'accordo India-Giappone sull'ECT ​​fosse andare avanti. Tuttavia, dopo settimane di proteste da parte dei sindacati, il governo ha annullato l'accordo ECT India-Giappone nel febbraio di quest'anno.

Sia l'India che il Giappone avevano ufficialmente espresso disappunto per il monitoraggio all'indietro di Colombo sull'ECT.

Successivamente, Adani Group a settembre ha siglato un accordo con SLPA per sviluppare e gestire il porto strategico di Colombo Terminal container occidentale (WCT). Come primo operatore portuale indiano in Sri Lanka, Adani Group avrà una quota del 51% in WCT.

📣 The Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.