Hong Kong condanna la persona più giovane ai sensi della legge sulla sicurezza nazionale

0
60

Quando Chung si è dichiarato colpevole all'inizio di questo mese, ha detto che non aveva “nulla di cui vergognarsi”. (Fonte: DW)

Tony Chung, un ventenne ex leader del gruppo giovanile indipendentista di Hong Kong Student Localism, è stato condannato a 43 mesi di carcere con l'accusa di secessione e riciclaggio di denaro sporco.

“Ha attivamente organizzato, pianificato e realizzato attività per separare il paese,” ha detto Stanley Chan, il giudice della corte distrettuale.

Chung aveva accettato un patteggiamento, ammettendo di essere colpevole di un'accusa di secessione e di un'accusa di riciclaggio di denaro legata alle donazioni che aveva ricevuto per il suo attivismo a favore della democrazia e dell'indipendenza attraverso il sito di elaborazione dei pagamenti PayPal.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

In cambio del motivo, i pubblici ministeri hanno accettato di far cadere le accuse di sedizione e un altro conteggio di riciclaggio di denaro, riducendo così la sua pena di un quarto.

Inoltre Leggi |Le autorità di Hong Kong negano il visto al giornalista dell'Economist

Quando Chung si è dichiarato colpevole all'inizio di questo mese, ha detto che “non aveva nulla di cui vergognarsi.”

Chi è Tony Chung?

< p>Al momento del suo arresto nell'ottobre 2020, i media locali hanno riferito che poliziotti in borghese hanno portato via lui e altri due mentre erano seduti in un bar vicino al consolato degli Stati Uniti. Chung stava preparando una domanda di asilo.

Chung è ora la persona più giovane ad essere condannata in base alla legge sulla sicurezza nazionale di Hong Kong, introdotta in seguito alle proteste a favore della democrazia nel 2019.

Qual ​​è la nazionalità di Hong Kong legge sulla sicurezza?

Secondo la legge, entrata in vigore nel luglio 2020, le autorità hanno represso il dissenso in città, mettendo effettivamente fine allo status eccezionale di Hong Kong ai sensi il “un paese, due sistemi” principio che è stato concordato quando è diventata una regione amministrativa speciale (RAS) della Cina nel 1997.

Il mese scorso, Amnesty International ha dichiarato di voler chiudere i suoi uffici a Hong Kong entro la fine di quest'anno a causa del pericolo rappresentato dalla legge per il suo personale.

Amnesty ha affermato che la legge significava che era &#8220 ;impossibile per le organizzazioni per i diritti umani lavorare liberamente e senza timore di gravi rappresaglie da parte del governo.”

La legislazione è stata introdotta nel giugno 2020 e ha vietato in larga misura gli atti ritenuti da Pechino crimini di collusione straniera, terrorismo, secessionismo e sovversione. Più di 150 persone sono state arrestate da quando è entrata in vigore la legge sulla sicurezza nazionale, di cui circa la metà successivamente accusata.

In questi casi la cauzione viene spesso negata e gli imputati possono ridurre le loro condanne attraverso dichiarazioni di colpevolezza.< /p>

Le autorità di Hong Kong e Pechino hanno affermato che la legge è necessaria per ripristinare la stabilità in seguito alle proteste per la democrazia.

Gli attivisti affermano che la Cina ha violato le libertà di Hong Kong< /strong>

Quando la legge è entrata in vigore, le organizzazioni della società civile si sono sciolte piuttosto che vedere i membri rischiare l'ergastolo.

Hong Kong è un'ex colonia britannica. Nel 1997, è stato restituito al dominio cinese, ma con garanzie che i diritti e lo stato di diritto in città sarebbero stati rispettati.

Attivisti pro-democrazia e nazioni occidentali hanno affermato che la Cina ha violato quei termini, cosa che Pechino ha negato.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.