Spiegato: perché l'esercito sudanese ha reintegrato il primo ministro e cosa succederà?

0
64

I manifestanti sudanesi manifestano contro il colpo di stato militare che ha rovesciato il governo il mese scorso a Khartoum, in Sudan, il 17 novembre 2021. (AP Photo/Marwan Ali)

Il ripristino di Il primo ministro sudanese dopo settimane agli arresti domiciliari è stata la più grande concessione fatta dai militari dal colpo di stato del 25 ottobre, ma lascia impantanata la transizione del paese verso la democrazia in crisi.

I militari hanno raggiunto domenica un accordo con Abdalla Hamdok che lo avrebbe reintegrato come capo di un nuovo governo tecnocratico in vista delle eventuali elezioni. Ma l'accordo ha fatto arrabbiare il movimento pro-democrazia del Sudan, che accusa Hamdok di essersi permesso di fungere da foglia di fico per il mantenimento del governo militare.

Leggi anche | Almeno 15 persone uccise durante le proteste anti-golpe in Sudan, dicono i medici

La maggior parte della comunità internazionale ha condannato il colpo di stato e ha chiesto un ritorno almeno parziale a un governo civile. Gli Stati Uniti hanno sospeso gli aiuti al Paese a corto di liquidità mentre emerge lentamente da decenni di isolamento sotto il presidente Omar al-Bashir, che è stato rovesciato tra le proteste di massa nel 2019.

https://images.indianexpress.com/2020 /08/1×1.png

Le Forze per la Dichiarazione di Libertà e Cambiamento, un gruppo ombrello di partiti politici sudanesi e organizzazioni pro-democrazia, ha respinto l'accordo e afferma che rimane impegnato a porre fine al governo militare.

Il primo ministro sudanese Abdalla Hamdok (AP Photo/Christophe Ena, Pool, File)

Ma i militari sono cauti nel cedere il potere ai civili, il che potrebbe lasciare i vertici vulnerabili a procedimenti giudiziari per violazioni dei diritti umani risalenti a decenni fa, o allentare i generali’ controllo su settori redditizi dell'economia.

Ecco cosa è successo e cosa verrà dopo:

Perché i militari sudanesi hanno reintegrato il primo ministro?< /h2>

I militari dovevano fare qualcosa.

Il generale Abdel-Fattah Burhan è stato sottoposto a crescenti pressioni da quando ha preso il pieno potere il 25 ottobre. Le nazioni occidentali, arabe e africane hanno chiesto il ritorno al governo civile e gli Stati Uniti hanno sospeso gli aiuti per 700 milioni di dollari condannando fermamente il colpo di stato.

I manifestanti hanno inondato le strade nelle più grandi manifestazioni da quelle che hanno posto fine ai trent'anni di regno di al-Bashir nel 2019 e le forze di sicurezza hanno ucciso più di 40 manifestanti dal golpe.

I generali hanno descritto il ripristino di Hamdok come un passo verso la stabilizzazione del Paese in vista delle elezioni previste per luglio 2023 e la comunità internazionale ha accolto con cautela l'accordo. Il movimento pro-democrazia del Sudan ha respinto con rabbia l'accordo in quanto legittimazione del colpo di stato e ha promesso di continuare a montare proteste di massa.

“Hanno mentito' |Nei giorni frenetici che hanno portato al colpo di stato in Sudan

Il reintegro del primo ministro sudanese inverte il colpo di stato?

No.

L'esercito mantiene il controllo generale e, prescrivendo un governo tecnocratico, l'accordo mette ulteriormente da parte i partiti politici sudanesi e il movimento di protesta a favore della democrazia.

“Non credo che sia possibile per il governo di Hamdok funzionare affatto, perché non ha riconoscimento per le strade,” ha affermato Jihad Mashamoun, ricercatore e analista politico sudanese.

L'Associazione sudanese dei professionisti, che ha guidato le proteste contro el-Bashir, ha condannato l'ultimo accordo come un tentativo di legittimare il golpe. I Comitati di Resistenza locali, che hanno anche svolto un ruolo chiave nelle recenti proteste, chiedono che i militari lascino del tutto la politica.

I militari dicono che non ci sarà ritorno al governo di condivisione del potere che esisteva prima di ottobre 25, che era lacerata da rivalità interne. Il colpo di stato è arrivato settimane prima che i militari avrebbero dovuto cedere il potere a un civile.

Nafisa Hajar, avvocato per i diritti umani e vicedirettore della Sudanese Darfur Bar Association, afferma che per quanto l'installazione di Hamdok sotto supervisione militare sia contraria alle richieste del movimento di protesta, crede che i generali’ l'uso della forza contro i manifestanti ha lasciato poca scelta al deposto premier.

“Questo accordo ora è diventato lo status quo”, ha detto.

Cosa vuole l'esercito sudanese?

Perlomeno, vuole proteggersi .

Un governo eletto probabilmente cercherebbe di perseguire i generali per violazioni dei diritti umani, comprese quelle commesse durante le campagne di terra bruciata di al-Bashir contro i ribelli nel Darfur, per le quali la corte penale internazionale lo ha accusato con genocidio. Potrebbero anche essere accusati per l'uccisione di manifestanti negli ultimi anni.

I militari temono anche di perdere il controllo sulle miniere e su altri settori economici chiave.

“Hamdok rischia di essere l'uomo alla cassa del negozio di alimentari che vende sapone, fiammiferi e snack, mentre gli spacciatori di la stanza sul retro fa i veri affari”, ha detto Alex de Waal, un esperto del Sudan alla Tufts University. “Il colpo di stato è stato organizzato per proteggere i cleptocrati dalla pulizia e l'esercito intende chiaramente che la nuova formula sia un ritorno all'operazione di riciclaggio di denaro con un volto più rispettabile”.

Best of Explained

Clicca qui per saperne di più

Dove si posiziona la comunità internazionale del Sudan?

Il colpo di stato è stato ampiamente criticato a livello internazionale, ma i generali hanno amici influenti.

Gli Emirati Arabi Uniti, l'Arabia Saudita e l'Egitto hanno coltivato stretti legami con Burhan sin dalla rivolta contro al-Bashir e probabilmente vedono nei generali la migliore speranza di mantenere un governo stabile e amichevole a Khartoum.

I ricchi Gli stati del Golfo li vedono come un baluardo contro l'influenza di rivali come Turchia e Qatar. L'Egitto spera nel sostegno del Sudan nella sua lunga disputa con l'Etiopia sulla costruzione di un'imponente diga a monte sul Nilo.

Israele è anche visto come un potenziale alleato dei generali, che sono stati la forza guida dietro la normalizzazione delle relazioni del Sudan con esso lo scorso anno in cambio della rimozione dalla lista degli Stati Uniti degli stati sponsor del terrorismo. Hamdok aveva espresso preoccupazione in vista dell'accordo di normalizzazione, parte dei cosiddetti “Accordi di Abrahamo”, affermando che un cambiamento di politica estera di tale portata dovrebbe essere firmato solo da un governo eletto.

Il sito web israeliano di notizie Walla ha riferito che una delegazione israeliana ha incontrato i generali del Sudan giorni dopo il colpo di stato. Il governo israeliano non ha commentato il colpo di stato o le sue conseguenze.

“Gli Stati Uniti e i loro alleati volevano una partnership, ma la gente non vuole affatto una partnership, vuole un pieno governo civile,' 8221; disse Mashamun. “La comunità internazionale deve ascoltare le richieste della gente.”

Anche in Explained |Chi era Malcolm X e perché è stato assassinato?

C'è qualche speranza per la transizione democratica del Sudan?

Sembrano esserci due strade verso la democrazia, entrambe irte.

Hamdok può lavorare con i generali per spianare la strada alle elezioni, sfruttando potenzialmente la sua posizione e il sostegno internazionale per rimettere in carreggiata la transizione politica. Ma questo probabilmente significa un ritorno al braccio di ferro degli ultimi due anni, che ha amareggiato entrambe le parti.

Il movimento a favore della democrazia ha promesso di mantenere le proteste di piazza fino a quando i militari non avranno passato il potere ai civili. Ma i generali hanno molto da perdere e uno stallo prolungato potrebbe innescare disordini più ampi.

“Il risultato potrebbe essere la democrazia, ma più probabilmente sarebbe la frammentazione dello stato. Quindi è necessario un compromesso”, ha detto de Waal. Il compromesso che ripristina Hamdok “non è molto buono, ma potrebbero esserci possibilità di migliorarlo”.

Newsletter | Fai clic per ricevere le spiegazioni migliori della giornata nella tua casella di posta

Hajar, l'avvocato, prevede anche due scenari. In uno, se i generali rimangono fedeli alle loro promesse, alla fine potrebbe portare il paese verso un governo eletto. L'altro porta a più disordini.

“Se l'idea principale dell'accordo tra Hamdok e Burhan è rendere i militari più presentabili di fronte alla comunità internazionale, allora le strade non saranno tranquille e ci saranno più proteste”, ha detto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie spiegate, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.