SC dirige i migliori poliziotti di Tripura per garantire sondaggi pacifici

0
15

La sentenza è arrivata su una richiesta di disprezzo da parte di TMC secondo cui i suoi quadri erano stati presi di mira nello stato e falsi casi sono stati loro attribuiti nel periodo precedente alle elezioni, nonostante i precedenti ordini del Tribunale.

Martedì la Corte Suprema ha respinto un appello dell'All India Trinamool Congress di rinviare i sondaggi dell'ente locale a Tripura, ma ha emesso ulteriori linee guida per gli alti ufficiali di polizia dello stato per garantire che lo svolgimento delle elezioni rimanga pacifico.

“Il DGP e l'IGP adotteranno tutte le misure per garantire che le elezioni si svolgano senza interruzioni, in particolare il giorno dello scrutinio e dello scrutinio”, ha affermato la corte.

La sentenza è arrivata su una richiesta di disprezzo da parte di TMC secondo cui i suoi quadri sono stati presi di mira nello stato e falsi casi sono stati loro imposti durante la corsa alle elezioni, nonostante i precedenti ordini della corte. Il processo di scrutinio comunale in corso a Tripura vedrà il voto il 25 novembre e il conteggio dei voti il ​​28 novembre.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“Il rinvio delle elezioni è una questione di ultimo ed estremo ricorso. Riteniamo che, a meno di rinviare le elezioni, le apprensioni espresse dai firmatari possano essere sanate impartendo istruzioni a Tripura per garantire che le restanti fasi delle elezioni comunali si svolgano in modo sicuro e i rapporti di legge e ordine, che sono stati portati all'attenzione delle forze dell'ordine, sono trattati in conformità con la legge”, ha affermato un banco guidato dal giudice DY Chandrachud.

“Rimandare le elezioni è una cosa estrema da ordinare in una democrazia e noi ne siamo contrari. Se lo facciamo, creeremo un precedente sbagliato”, ha osservato il banco che comprende anche il giudice Vikram Nath.

La panchina ha detto nella sua ordinanza che “è compito di DGP, IGP & ministro dell'Interno per placare ogni dubbio sull'equità delle forze dell'ordine nel sostenere il processo elettorale”. “Le forze dell'ordine devono assolvere i propri doveri in modo imparziale per ovviare alla lamentela che i candidati e i sostenitori dell'All India Trinamool Congress (AITC) siano ingiustamente presi di mira dai gruppi politici in competizione”, ha affermato.

Il tribunale ha chiesto al DGP del Tripura e all'IG di tenere una riunione congiunta con il commissario elettorale statale entro mercoledì mattina per valutare la disponibilità di forze paramilitari centrali in forza sufficiente da essere schierate per lo svolgimento pacifico delle urne.

< p>Prendendo atto della tesi di Trinamool secondo cui la polizia non stava depositando FIR contro coloro che attaccavano i suoi quadri, la corte ha chiesto allo stato “di presentare dati tabulati sulle denunce presentate, sui passi compiuti e se la FIR è stata registrata…”.< /p>

L'avvocato senior Jaideep Gupta, comparso per Trinamool, ha affermato che gli attacchi continuano contro i suoi quadri nonostante le indicazioni del tribunale. Riferendosi alle fotografie dei presunti atti violenti, Gupta ha esortato la corte a considerare la possibilità di posticipare le urne.

L'avvocato senior Gopal Shankaranarayanan, che compare anche per Trinamool, ha riferito che le urne del 2013 nel Bengala occidentale sono state riprogrammate come lo spiegamento di le forze non erano sufficienti. “I cieli non cadranno se lo stesso accade qui,” disse.

Apparendo per Tripura, l'avvocato senior Mahesh Jethmalani ha affermato che “è una questione politicamente inventata”. Ha detto che si erano rivolti alla Corte Suprema anche quando la questione era pendente presso l'Alta Corte.

Jethmalani ha affermato che la lamentela principale è che si stanno verificando “incidenti” e non si verificano arresti. “Ogni incidente che è stato menzionato ha un FIR… in alcuni casi, potrebbero non esserci arresti poiché i reati non sono gravi”, ha affermato.

Ma il tribunale ha affermato che “quando un MLA viene aggredito in una manifestazione pubblica e se viene rilasciata una dichiarazione in affidavit non abbiamo motivo di non crederci” — e ha cercato di sapere chi è responsabile della sicurezza per le elezioni.

Jethmalani ha risposto che il DGP e il ministro dell'Interno stanno supervisionando l'esercizio in seguito al quale il tribunale gli ha chiesto di prendere istruzioni dal governo statale e dai vertici della polizia ufficiale per quanto riguarda le disposizioni di sicurezza e il dispiegamento delle forze centrali.

Quando nel pomeriggio la corte si è occupata della questione, Jethmalani ha presentato un rapporto sullo spiegamento delle forze centrali. La corte gli ha anche chiesto di informarlo sul discorso del 18 agosto dell'MLA del BJP Arun Chandra Bhowmik, dove avrebbe chiesto ai lavoratori del partito di agire contro i leader di Trinamool in “stile talebani”.

Jethmalani ha dichiarato: “La registrazione è stata ricevuta. È in corso la presentazione di un certificato di atto di prova della sezione 65B (per l'ammissione di prove elettroniche).” Tuttavia, ha detto: “Non credo che abbia incitato alla violenza. Il MLA è stato chiamato per un interrogatorio. Ma i richiedenti stanno facendo montagne di talpa.”

In merito allo spiegamento del CRPF, Jethmalani ha affermato che “ci sono 78 sezioni di CRPF e ne verranno inviate altre 12”. Ha anche affermato che il ministro dei trasporti del Bengala occidentale ha pronunciato un “discorso infuocato” a Tripura. La corte ha cercato di sapere quanti arresti sono stati effettuati finora per i quali Jethmalani ha affermato che sono stati identificati 88 “problematici” e sono state adottate misure appropriate.

📣 The Indian Express ora è su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.