Rapporto sulla legge sulla protezione dei dati: il deputato del Congresso Jairam Ramesh presenta una nota di dissenso

0
45

Jairam Ramesh ha affermato di aver suggerito emendamenti alla Sezione 35 e alla Sezione 12 del disegno di legge sulla protezione dei dati personali. (Foto File Express di Pradip Das)

Mentre il Comitato congiunto del Parlamento si riunisce lunedì per adottare il suo rapporto sulla legge sulla protezione dei dati personali, il membro del Congresso Rajya Sabha nel panel Jairam Ramesh ha presentato una nota di dissenso. La sua obiezione riguarda principalmente una clausola che consente al Centro di esentare dalla legge qualsiasi agenzia di sua competenza.

Nella sua nota, che ha pubblicato sul suo account Twitter, Ramesh ha affermato di aver suggerito emendamenti alla Sezione 35 e alla Sezione 12 del disegno di legge. “Il JCP mi ha ascoltato pazientemente, ma non sono riuscito a convincerlo della fondatezza delle mie argomentazioni. Il consenso generale nel PCC sembrava essere favorevole al non accettare i miei emendamenti e non volevo forzare la questione oltre un certo limite”, ha detto nella sua nota al presidente del gruppo PP Chaudhuri.

Ha detto che il disegno del disegno di legge presuppone che il diritto costituzionale alla privacy sorge solo dove sono interessate le operazioni e le attività delle società private. “Il governo e le agenzie governative sono trattati come una classe privilegiata separata le cui operazioni e attività sono sempre nell'interesse pubblico e le considerazioni sulla privacy individuale sono secondarie”, ha osservato.

Ramesh ha affermato: “La Sezione 35 conferisce poteri sfrenati al governo centrale per esentare qualsiasi agenzia dall'intera legge stessa. In base all'emendamento, avevo suggerito che il governo centrale avrebbe dovuto ottenere l'approvazione del Parlamento per esentare una qualsiasi delle sue agenzie dall'ambito di applicazione della legge. Anche allora, il governo deve sempre rispettare i requisiti del disegno di legge di elaborazione equa e ragionevole e l'attuazione delle necessarie misure di sicurezza.”

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

“Ero disposto al compromesso a condizione che il JCP avesse raccomandato che i motivi dell'esenzione che sarebbero stati registrati per iscritto come previsto dal disegno di legge sarebbero stati presentati in entrambe le Camere del Parlamento. Ciò comporterebbe una maggiore responsabilità e trasparenza, ma anche questo non è stato ritenuto accettabile”, ha affermato.

Leggi anche | Guardando a un “ombrello più grande”, il disegno di legge sulla protezione dei dati personali probabilmente includerà dati non personali

​​Ha detto La Sezione 12 (a) (i) crea alcune eccezioni per i governi e le agenzie governative alle disposizioni del consenso.

“Pur comprendendo appieno la logica di tali esenzioni in una serie di circostanze, avevo suggerito alcune modifiche per rendere questa esenzione meno radicale e meno automatica. Il rapporto di JCP consente alle aziende private un periodo di due anni per migrare al nuovo regime di protezione dei dati, ma il governo e le agenzie governative non hanno tale clausola”, ha affermato Ramesh nella sua nota.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie sull'India, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.