La chiusura della scuola di Delhi è dirompente, dicono genitori ed educatori

0
49

Questa chiusura è arrivata vicino alla riapertura delle scuole per i bambini più piccoli dopo una chiusura indotta dal Covid di oltre un anno e mezzo. (Rappresentanza)

Mettendo in dubbio la chiusura delle scuole a Delhi a causa del picco di inquinamento, educatori e rappresentanti dei genitori affermano che è necessario un modo migliore per affrontare il problema annuale rispetto alla chiusura delle scuole.

Domenica, l'istruzione dipartimento ha emesso un ordine che la chiusura continuerà “fino a nuovo ordine”. Il ministro dell'Ambiente Gopal Rai lunedì ha dichiarato che la decisione sulla riapertura delle scuole sarà presa il 24 novembre.

Questa chiusura è arrivata vicino alla riapertura delle scuole per i bambini più piccoli dopo una chiusura indotta da Covid di oltre un anno e mezzo.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Il 1° novembre, per la prima volta dall'inizio della pandemia, le scuole di Delhi hanno potuto aprire per gli studenti delle scuole medie e primarie. Avevano aperto in precedenza per le classi dalla IX alla XII dal 1 settembre. In due settimane, con l'aumento dei livelli di inquinamento atmosferico in città, il governo il 14 novembre ha disposto la chiusura di tutte le scuole di tutte le classi fino al 20 novembre.

“È difficile capire il ragionamento poiché non è come se tutti gli insegnanti e i bambini vivessero in case sigillate con depuratori d'aria. Nella nostra scuola, le classi IX e XI avevano gli esami che sono stati interrotti. Avevamo appena aperto l'asilo nido alla classe VIII con buona affluenza. C'erano state molte perdite di apprendimento e problemi di salute mentale, e avevamo iniziato la scuola dando agli studenti l'opportunità di divertirsi e avere un libero flusso di emozioni. Prima ancora che iniziasse il processo di insegnamento-apprendimento, abbiamo dovuto chiudere di nuovo. Questo è molto dirompente per i bambini”, ha affermato Sudha Acharya, presidente della National Progressive Schools' Conference.

“L'aumento dell'inquinamento atmosferico in questi mesi è un problema annuale ricorrente. Sembra che la chiusura della scuola sia considerata uno strumento importante per affrontare ogni problema che fa sembrare l'istruzione una questione di bassa priorità”, ha affermato.

Ameeta Wattal, presidente e direttrice esecutiva Education presso DLF Foundation Schools, ha sottolineato la necessità di trovare soluzioni migliori per affrontare questo problema.

“Penso che da qualche parte non stiamo prendendo sul serio le sfide che dovremo affrontare se continuiamo a tenere chiuse le scuole. In tutti gli stati dell'India, le scuole sono state aperte e Delhi non è l'unico stato ad affrontare problemi. Questo non è un problema nuovo e la prima cosa che i responsabili politici devono trovare è come creare una situazione in cui i bambini possano andare a scuola. Ottenere solo le classi X e XII per gli esami del consiglio non è scuola, è esame. Alla fine della giornata, accademie e sport d'avventura stanno andando avanti… In effetti, le scuole sono luoghi più sicuri in cui i bambini vengono tenuti occupati”, ha affermato.

Anche Satya Prakash, presidente di Delhi della All India Parents' Association, ha messo in dubbio l'attuale logica. “Che si tratti della pandemia o dell'inquinamento, i bambini sono sempre colpiti e i problemi si ripresenteranno e ci deve essere un rimedio e una preparazione duraturi. Mia figlia stava appena iniziando con il coaching NEET offline e questo è di nuovo interrotto. Per molti bambini la scuola è uno spazio più sicuro e igienico rispetto alle loro case e località; questo deve essere considerato”, ha detto.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie su Delhi, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.