I missionari statunitensi affermano che due dei 17 rapiti sono stati liberati ad Haiti

0
62

Un manager della sede del Christian Aid Ministries, a sinistra, parla con un lavoratore alla porta del centro di Titanyen, a nord di Port-au-Prince, Haiti, domenica 21 novembre, 2021. (AP Photo/Odelyn Joseph)

Due dei 17 membri di un gruppo missionario rapiti più di un mese fa sono stati liberati ad Haiti e sono al sicuro, “di buon umore e assistiti”, il loro Ohio- l'organizzazione della chiesa con sede ha annunciato domenica.

Christian Aid Ministries ha rilasciato una dichiarazione dicendo che non poteva fornire i nomi di coloro che sono stati rilasciati, il motivo per cui sono stati liberati o altre informazioni.

“Mentre ci rallegriamo di questo rilascio, i nostri cuori sono con le 15 persone che sono ancora essere trattenuto,” ha detto il gruppo.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

I missionari sono stati rapiti dalla banda dei 400 Mawozo il 16 ottobre. Ci sono cinque bambini nel gruppo di 16 cittadini statunitensi e un canadese, compreso un bambino di 8 mesi. Anche il loro autista haitiano è stato rapito, secondo un'organizzazione locale per i diritti umani.

Leggi |Il caso Rittenhouse mette in luce la profonda divisione della nazione sui diritti sulle armi

Il leader della banda dei 400 Mawozo ha minacciato di uccidere gli ostaggi se le sue richieste non verranno soddisfatte. Le autorità hanno affermato che la banda chiedeva 1 milione di dollari a persona, anche se non era immediatamente chiaro che includessero i bambini nel gruppo.

Il portavoce della polizia nazionale di Haiti, Gary Desrosiers, ha confermato all'Associated Press che due ostaggi sono stati rilasciati domenica.

Notizie principali in questo momento

Clicca qui per ulteriori informazioni

L'FBI, che sta aiutando le autorità haitiane a recuperare i prigionieri, ha rifiutato di commentare.

Il rilascio arriva mentre Haiti sta lottando con un picco di violenza e rapimenti legati alle bande, con il governo degli Stati Uniti che ha recentemente esortato i cittadini statunitensi a lasciare Haiti in un contesto di crescente insicurezza e una grave mancanza di carburante attribuita alle bande che bloccano i terminali di distribuzione del gas. Venerdì, il Canada ha annunciato che avrebbe ritirato tutto tranne il personale essenziale dalla sua ambasciata.

La carenza di carburante ha costretto gli ospedali a respingere i pazienti e ha paralizzato i trasporti pubblici, con la chiusura di alcune scuole e la riduzione dell'orario di lavoro delle aziende.

Anche Haiti sta cercando di riprendersi dall'assassinio del 7 luglio del presidente Jovenel Moise e di un Terremoto di magnitudo 7.2 che ha colpito a metà agosto, uccidendo più di 2.200 persone e distruggendo decine di migliaia di case.

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.