Durante la COP26, Facebook ha pubblicato annunci con falsità sul clima, scetticismo

0
28

L'app Facebook viene visualizzata su uno smartphone. (AP/File)

Gli inserzionisti di Facebook hanno promosso affermazioni false e fuorvianti sul cambiamento climatico sulla piattaforma nelle ultime settimane, proprio mentre stava per iniziare la conferenza COP26.

Giorni dopo che il vicepresidente degli affari globali di Facebook, Nick Clegg, ha pubblicizzato gli sforzi dell'azienda per combattere la disinformazione sul clima in un blog all'inizio del vertice di Glasgow, la rete di media conservatori Newsmax ha pubblicato un annuncio su Facebook che chiamava l'uomo- ha reso il riscaldamento globale una “bufala.”

L'annuncio, che aveva più versioni, ha ottenuto più di 200.000 visualizzazioni. In un altro, il commentatore conservatore Candace Owens ha detto: “apparentemente dovremmo solo fidarci del nostro nuovo governo autoritario” sulla scienza del clima, mentre un think-tank libertario statunitense ha pubblicato un annuncio su come “moderni profeti di sventura” aveva previsto erroneamente le crisi climatiche per decenni.

https://images.indianexpress.com/2020/08/1×1.png

Newsmax, Owens e il Daily Wire, che hanno pagato per l'annuncio dalla pagina di Owens, non hanno risposto alle richieste di commento.< /p>

Facebook, che di recente ha cambiato nome in Meta, non ha una politica specifica sulla disinformazione climatica nelle pubblicità o nei post non pagati. Google di Alphabet ha dichiarato il mese scorso che non consentirà più annunci che contraddicono il consenso scientifico sui cambiamenti climatici su YouTube e sui suoi altri servizi, sebbene consentisse contenuti che discutono di affermazioni false.

Facebook in genere non rimuove la disinformazione nei post a meno che non determini che rappresentano un danno imminente nel mondo reale, come ha fatto per le falsità sul COVID-19. La società afferma di retrocedere i post classificati come falsi dai suoi fact-checker di terze parti (di cui Reuters è uno) e vieta gli annunci con queste affermazioni smentite. Dice che gli inserzionisti che pubblicano ripetutamente informazioni false potrebbero subire restrizioni sulla loro capacità di fare pubblicità su Facebook. Esenta i politici’ annunci da verifiche dei fatti.

Alla domanda sugli annunci che promuovono la disinformazione sul clima, un portavoce dell'azienda ha dichiarato in una dichiarazione: “Mentre annunci come questi vengono pubblicati su molte piattaforme, Facebook offre un ulteriore livello di trasparenza richiedendo saranno disponibili al pubblico nella nostra Libreria inserzioni fino a sette anni dopo la pubblicazione.”

Il think-tank con sede nel Regno Unito InfluenceMap, che ha identificato annunci fuorvianti su Facebook pubblicati da diversi media e gruppi di riflessione intorno alla COP26, ha anche scoperto che le società di combustibili fossili e i gruppi di pressione hanno speso $ 574.000 in annunci di Facebook su questioni politiche e sociali durante il vertice, con il risultato di oltre 22 milioni di impressioni e inclusi contenuti che hanno promosso i loro sforzi ambientali in quello che InfluenceMap ha descritto come “greenwashing.”

Un annuncio pagato dall'American Petroleum Institute ha fatto una panoramica su un paesaggio naturale mentre pubblicizzava i suoi sforzi per affrontare il cambiamento climatico, mentre BP America ha pubblicato un annuncio che descriveva in dettaglio il suo sostegno alle politiche a favore del clima con scritte verde neon.

“I nostri post sui social media rappresentano una piccola frazione rispetto ai robusti investimenti che le nostre aziende fanno ogni giorno in tecnologie innovative volte a catturare il metano, far progredire l'idrogeno e accelerare la cattura del carbonio,” l'API ha dichiarato in una nota, affermando che l'industria del gas naturale e del petrolio si è impegnata a ridurre le emissioni. BP ha dichiarato in una dichiarazione che “stava attivamente sostenendo politiche che supportino l'azzeramento netto, compreso il prezzo del carbonio, attraverso una serie di canali trasparenti, compresa la pubblicità sui social media”.

Petrolio e prima e durante il vertice della COP26, le società del gas hanno pubblicato annunci su un'ampia gamma di altre proprietà dei media, inclusi podcast, newsletter e spot televisivi. In Europa, Greenpeace e altri gruppi ambientalisti hanno chiesto il mese scorso il divieto di pubblicità e sponsorizzazioni da parte delle compagnie petrolifere e del gas.
Facebook ha iniziato ad aggiungere etichette informative ai post sui cambiamenti climatici per indirizzare gli utenti al suo Climate Science Center, un nuovo hub con fatti e quiz che si dice sia visitato da più di 100.000 persone al giorno.

Chiesto in un intervista trasmessa questa settimana all'evento Reuters Responsible Business USA 2021 in cui pensava che Facebook non fosse ancora all'altezza delle questioni climatiche, il Chief Technology Officer Mike Schroepfer ha dichiarato: “Ovviamente, c'è stata preoccupazione per le persone che condividono disinformazione sul clima su Facebook.”

“Non ho intenzione di dire che ce l'abbiamo in qualsiasi momento,” Egli ha detto. “Rivalutiamo continuamente qual è lo stato del mondo e qual è il nostro ruolo, che inizia con il tentativo di consentire alle persone la libera espressione, per poi intervenire quando si verificano danni che possiamo prevenire.”

Non ha risposto direttamente al motivo per cui Facebook non ha vietato tutti gli annunci di disinformazione sul clima, ma ha detto che “non voleva che le persone traessero profitto dalla disinformazione.

Politica sulle domande dei dipendenti

Gli approcci dell'azienda alla disinformazione e allo scetticismo sul clima hanno causato il dibattito tra i dipendenti. Le discussioni sulla sua bacheca interna mostrano che il personale litiga su come dovrebbe gestire la disinformazione sul clima e segnalarne i casi sulla piattaforma, come in un post di gennaio in cui un dipendente ha affermato di aver trovato “risultati importanti di apparente disinformazione” quando hanno cercato il cambiamento climatico nel suo video ‘Guarda’ sezione.

I documenti facevano parte di una serie di divulgazioni fatte alla Securities and Exchange Commission e al Congresso degli Stati Uniti dall'informatore Frances Haugen, un ex product manager di Facebook che ha lasciato a maggio. Reuters faceva parte di un gruppo di testate giornalistiche in grado di visualizzare i documenti.

Nei commenti su un post di aprile che evidenziava l'impegno di Facebook a ridurre il proprio impatto ambientale, anche raggiungendo lo zero emissioni nette per le sue operazioni globali lo scorso anno, un membro dello staff ha chiesto se l'azienda potesse iniziare a classificare e rimuovere la disinformazione e le bufale sul clima. dalle sue piattaforme.

Due ricercatori esterni che lavorano con Facebook sui suoi sforzi per il cambiamento climatico hanno detto a Reuters che vorrebbero vedere l'azienda affrontare la disinformazione climatica con la stessa proattività che ha per COVID-19, che Facebook ha represso durante la pandemia.

“Deve essere affrontato con lo stesso livello di urgenza,” ha affermato John Cook, ricercatore post-dottorato presso il Climate Change Communication Research Hub della Monash University, che sta fornendo consulenza a Facebook sul suo lavoro di disinformazione sul clima. “È probabilmente più pericoloso.”

📣 L'Indian Express è ora su Telegram. Fai clic qui per unirti al nostro canale (@indianexpress) e rimanere aggiornato con gli ultimi titoli

Per tutte le ultime notizie dal mondo, scarica l'app Indian Express.

  • Il sito web di Indian Express è stato valutato GREEN per la sua credibilità e affidabilità da Newsguard, un servizio globale che valuta le fonti di notizie per i loro standard giornalistici.